Perdona le nostre trasgressioni

009 perdona i nostri errori La Chiesa di Dio in tutto il mondo in breve WKG, Chiesa di Dio in tutto il mondo inglese (dal 3 aprile 2009 Grace Communion International), ha cambiato la sua posizione su una serie di credenze e pratiche di lunga data negli ultimi anni. Questi cambiamenti erano basati sul presupposto che la salvezza viene dalla grazia attraverso la fede. Sebbene lo abbiamo predicato in passato, è sempre stato collegato al messaggio che Dio ci deve una ricompensa per le nostre opere che sono sacre, solo nel carattere.

Per decenni, abbiamo considerato l'intransigente mantenimento della legge come base della nostra giustizia. Nel nostro desiderio desideroso di compiacerlo, abbiamo cercato di stabilire una relazione con Dio attraverso le leggi e le regole dell'Antico Testamento. Nella sua grazia, Dio ci ha mostrato che gli obblighi tutti cristiani verso i cristiani sotto la Nuova Alleanza non si applicano.

Ci ha condotti nelle ricchezze della sua grazia e in una rinnovata relazione con Gesù Cristo. Ha aperto i nostri cuori e le nostre menti per la gioia della sua salvezza. Le Scritture ci parlano con un nuovo significato e ci rallegriamo quotidianamente nella relazione personale che abbiamo con il nostro Signore e Salvatore.

Allo stesso tempo, siamo dolorosamente consapevoli del pesante fardello del passato. La nostra errata comprensione dottrinale ha velato il chiaro vangelo di Gesù Cristo, portando a una varietà di false conclusioni e pratiche non bibliche. Abbiamo molto da rimpiangere e dobbiamo scusarci per molto.

Avevamo un fantasma ed eravamo ipocriti - abbiamo condannato altri cristiani chiamandoli "i cosiddetti cristiani", "sedotti" e "strumenti di Satana". Abbiamo dato ai nostri membri un approccio basato sul lavoro per la vita cristiana. Abbiamo chiesto il rispetto delle ardue regole della legge dell'Antico Testamento. In termini di leadership della chiesa, abbiamo adottato un approccio fortemente legalistico.

Il nostro precedente modo di pensare dell'Antico Testamento alimentava atteggiamenti di esclusività e arroganza, piuttosto che la dottrina del Nuovo Testamento di fratellanza e unità.

Abbiamo profezia predittiva e speculazione profetica troppo accentuate, degradando il vero vangelo di salvezza attraverso Gesù Cristo. Questi insegnamenti e pratiche sono una fonte di grande rammarico. Siamo dolorosamente consapevoli del dolore e della sofferenza che ne sono derivati.

Abbiamo sbagliato, sbagliato. Non c'è mai stata l'intenzione di ingannare nessuno. Eravamo così concentrati su ciò che credevamo di fare per Dio, che non riconoscevamo il percorso spirituale su cui eravamo. Che fosse inteso o no, questo percorso non era quello biblico.

Quando guardiamo indietro, ci chiediamo come avremmo potuto essere così sbagliati. I nostri cuori si rivolgono a tutti coloro che sono stati fuorviati dai nostri insegnamenti nella Scrittura. Non riduciamo al minimo il loro disorientamento e confusione spirituale. Seriamente, cerchiamo la loro comprensione e il perdono.

Comprendiamo che la profondità dell'alienazione può rendere difficile la riconciliazione. A livello umano, la riconciliazione è spesso un processo lungo e difficile che richiede tempo. Ma preghiamo quotidianamente e ricordiamo a noi stessi che il ministero di guarigione di Cristo può chiudere anche le ferite più profonde.

Non facciamo alcun tentativo di nascondere gli errori dottrinali e biblici del passato. Non è nostra intenzione coprire solo le crepe. Guardiamo la nostra storia dritta negli occhi e affrontiamo gli errori e i peccati che troviamo. Faranno sempre parte della nostra storia, ricordandoci costantemente dei pericoli del legalismo.

Ma non possiamo vivere nel passato. Dobbiamo elevarci al di sopra del nostro passato. Dobbiamo andare avanti. Diciamo con l'apostolo Paolo: "Dimentico ciò che c'è dietro e cerco ciò che è lassù e cerco l'obiettivo prefissato, il prezzo di vittoria della chiamata celeste di Dio in Gesù Cristo" (Fil.3: 13-14).

Così oggi siamo ai piedi della croce - il simbolo supremo di ogni riconciliazione. È il terreno comune su cui le parti alienate possono incontrarsi. Come cristiani, ci identifichiamo tutti con la sofferenza che ha avuto luogo, e speriamo che questa identificazione ci unirà.

Desideriamo ardentemente incontrare qualcuno che potrebbe esserci ferito. È solo il sangue dell'Agnello e il potere dello Spirito che ci permettono di superare le ferite del passato e di muoverci verso il nostro obiettivo comune.

Parlo a tutti i membri, gli ex soci, dipendenti e altri - sono stati tutti vittime dei nostri peccati e interpretazioni errate della Scrittura, il mio più sincero e sentito scuse del passato. E ti invito ad unirti a noi nel proclamare il vero vangelo di Gesù Cristo in tutto il mondo, poiché Dio ci benedice con rinnovata crescita e potenza nel Suo ministero.

di Joseph Tkach