Usa il dono del tempo

usa il dono del nostro tempo Il 20 settembre, gli ebrei hanno celebrato il nuovo anno, un festival dai molteplici significati. Così si celebra l'inizio del ciclo annuale, si commemora la creazione di Adamo ed Eva e si commemora anche la creazione dell'universo, che include l'inizio del tempo. Durante la lettura del tempo, mi sono ricordato che il tempo ha anche diversi significati. Uno è che il tempo è un vantaggio che miliardari e mendicanti hanno allo stesso tempo. Abbiamo tutti 86.400 secondi al giorno. Ma dal momento che non possiamo salvarli (Il tempo non può essere sovrastato o ritirato), sorge la domanda: «Come possiamo usare il tempo a nostra disposizione?»

Il valore del tempo

Paolo era consapevole del valore del tempo ed esortava i cristiani a "guadagnare tempo" (Ef 5,16). Prima di dare un'occhiata più da vicino al significato di questo versetto, vorrei condividere con voi una poesia che descriva il grande valore del tempo:

Per sperimentare il valore del tempo

Per scoprire il valore di un anno, chiedi a uno studente che non ha superato l'esame finale.
Per scoprire il valore di un mese, chiedi a una madre che ha dato alla luce un bambino troppo presto.
Per scoprire il valore di una settimana, chiedi all'editore un settimanale.
Per conoscere il valore di un'ora, chiedi agli innamorati che stanno aspettando di vedersi.
Per scoprire il valore di un minuto, chiedi a qualcuno che ha perso il treno, l'autobus o il volo.
Per scoprire il valore di un secondo, chiedi a qualcuno che è sopravvissuto a un incidente.
Per conoscere il valore di un millisecondo, chiedi a qualcuno che ha vinto una medaglia d'argento alle Olimpiadi. Il tempo non aspetta nessuno.
Raccogli ogni momento che rimane con te, perché è prezioso.
Condividilo con una persona speciale e diventerà ancora più prezioso.

(Autore sconosciuto)

Come viene acquistato il tempo?

In termini di tempo, questa poesia porta a un punto che Paolo mostra in modo simile in Efesini 5. Ci sono due parole nel Nuovo Testamento che vengono tradotte dal greco per acquistarle. Uno è l'agorazo, che si occupa di acquistare cose in un normale mercato (agora) si riferisce. L'altro è exagorazo, che si riferisce all'acquisto di cose al di fuori di esso. Paolo usa la parola esagorazo in Ef. 5,15-16 e ci esorta: «Presta molta attenzione a come vivi; non agire in modo saggio, ma cerca di essere saggio. Cogli ogni occasione per fare del bene in questo brutto momento »[New Life, SMC, 2011]. Nella traduzione di Lutero del 1912 si dice "compra il tempo". Sembra che Paul voglia esortarci a guadagnare tempo al di fuori dei normali eventi di mercato.

Non abbiamo molta familiarità con la parola "buy out". Nella vita aziendale si intende "comprare vuoti" o nel senso di "sistemarsi". Se una persona non era in grado di pagare i propri debiti, potevano stipulare un accordo per assumere se stessi come servitori della persona che li doveva fino a quando i debiti non venivano pagati. Il loro servizio potrebbe anche essere interrotto anticipatamente se qualcuno pagasse il debito al posto suo. Se un debitore è stato acquistato dal servizio in questo modo, questo processo è stato definito "attivazione o riscatto".

Gli oggetti di valore possono anche essere allevati - come lo conosciamo oggi dai banchi dei pegni. Da un lato, Paolo ci dice di usare o comprare il tempo. D'altra parte, vediamo nel contesto delle istruzioni di Paolo che dovremmo essere seguaci di Gesù. Paolo ci dice di capire che dovremmo concentrarci su colui che ha comprato il tempo per noi. La sua argomentazione non è perdere tempo in altre cose che ci impediscono di concentrarci su Gesù e partecipare all'opera alla quale ci ha invitato.

Quello che segue è il commento su Efesini 5,16:1 del volume degli »Studi di parole di Wuest nel Nuovo Testamento greco:

"Acquisto" deriva dalla parola greca exagorazo (ἐξαγοραζω), e significa "acquistare". Nella parte centrale, che viene utilizzata qui, significa "acquista per te o per il tuo vantaggio". Metaforicamente parlando, significa "cogliere ogni opportunità per un uso saggio e santo di fare il bene", in modo che zelo e buona azione siano i mezzi di pagamento attraverso i quali acquisiamo tempo " (Thayer). Il "tempo" non è cronologico (χρονος), che significa "tempo in quanto tale", ma kairos (καιρος), «il tempo che deve essere considerato un periodo strategico, epocale, tempestivo e favorevole». Non si dovrebbe sforzarsi di usare il tempo nel modo migliore possibile, ma di sfruttare le opportunità che abbiamo.

Dal momento che normalmente il tempo non può essere visto come un prodotto che può essere letteralmente acquistato, comprendiamo metaforicamente l'affermazione di Paolo, il che significa essenzialmente che dovremmo fare il miglior uso della situazione in cui ci troviamo. Se lo facciamo, il nostro tempo avrà più significato e significato e "ripagherà".

Il tempo è un dono di Dio

Come parte della creazione di Dio, il tempo è un dono per noi. Alcuni ne hanno di più e altri di meno. A causa dei progressi della medicina, del buon corredo genetico e delle benedizioni di Dio, molti di noi avranno più di 90 anni e alcuni avranno anche più di 100 anni. Recentemente abbiamo sentito parlare di un uomo in Indonesia che è morto all'età di 146 anni! Non importa quanto tempo ci dà Dio, perché Gesù è il Signore dei tempi. Attraverso l'Incarnazione, l'eterno Figlio di Dio è venuto dall'eternità nel tempo. Pertanto, Gesù sperimenta il tempo creato diversamente da noi. Il nostro tempo creato ha una durata limitata, mentre il tempo di Dio è illimitato al di fuori della creazione. Il tempo di Dio non è diviso in sezioni, come è con noi, nel passato, nel presente e nel futuro. Anche il tempo di Dio ha una qualità completamente diversa - un tipo di tempo che non possiamo comprendere appieno. Cosa possiamo fare è (e dovrebbe essere) vivere nel nostro tempo, con la certezza che incontreremo il nostro Creatore e Redentore nel suo tempo, l'eternità.

Non abusare o perdere tempo

Quando parliamo metaforicamente del tempo e diciamo cose come "non perdere tempo", intendiamo in un modo che potremmo perdere l'uso corretto del nostro prezioso tempo. Succede quando permettiamo a qualcuno o qualcosa di prenderci il nostro tempo per cose che non hanno alcun valore per noi. Questo è espresso in senso figurato, il significato di ciò che Paolo vuole dirci: "Acquista il tempo". Ora ci esorta a non abusare o sprecare il nostro tempo in un modo che ci impedisce di contribuire a ciò che è prezioso per Dio e per noi cristiani.

In questo contesto, poiché si tratta di "guadagnare tempo", dobbiamo ricordare che il nostro tempo è stato inizialmente acquistato e riguadagnato dal perdono di Dio attraverso suo figlio. Quindi continuiamo a guadagnare tempo usando il nostro tempo correttamente per contribuire a una relazione crescente con Dio e tra di noi. Questo acquisto fuori dal tempo è un dono di Dio per noi. Quando Paolo ci esorta in Efesini 5,15 a "guardare attentamente come viviamo le nostre vite, non come cose sagge ma come uomini saggi", ci istruisce di cogliere le opportunità che il tempo ci offre a Dio onorare.

La nostra missione »tra i tempi»

Dio ci ha dato il tempo di camminare nella sua luce, di condividere il ministero dello Spirito Santo con Gesù nel portare avanti la missione. Per fare questo, ci viene dato il "tempo tra i tempi" del primo e secondo Avvento di Cristo. La nostra missione in questo momento è di aiutare le altre persone a trovare e conoscere Dio, di aiutarle a vivere una vita di fede e di amore e di essere fiduciose che Dio finirà per creare tutto Dio ha acquistato completamente, che include anche il tempo. Prego che nel GCI compreremo il tempo che Dio ci ha dato vivendo e predicando fedelmente il vangelo della riconciliazione di Dio in Cristo.

In ringraziamento per i doni di Dio del tempo e dell'eternità,

Joseph Tkach

presidente
GRACE COMMUNION INTERNATIONAL


pdfUsa il dono del nostro tempo