Comanda le tue opere al Signore

432 ordina le tue opere al Signore Un contadino guidò il suo camion a pianale sulla strada principale e vide che un autostoppista trasportava uno zaino pesante. Si fermò e gli offrì un passaggio che l'autostoppista era felice di fare. Dopo aver guidato per un po ', l'agricoltore, guardando nello specchietto retrovisore, notò che l'autostoppista era rannicchiato nell'area di carico, lo zaino pesante ancora pendente dalle sue spalle. Il contadino si fermò e gridò: "Ehi, perché non togli lo zaino e lo metti sul letto?" "Va bene," rispose l'autostoppista. «Non devi preoccuparti per me. Portami a destinazione e sarò felice ».

Com'è ridicolo! Ma molti cristiani hanno questo atteggiamento. Sono felici di essere portati nell'ambulanza che li porta in paradiso, ma non tolgono il carico dalle loro spalle durante la guida.

Questo è contrario alla verità che troviamo nella Bibbia - e la verità renderà il tuo carico facile! In Proverbi 16,3, il re Salomone ci mostra di nuovo una delle sue gemme scintillanti: "Comanda le tue opere all'Eterno e il tuo piano avrà successo". C'è di più in questo versetto che cercare di essere un cristiano devoto. "Comando" qui significa letteralmente "capovolgere (attivo) ». Ha qualcosa a che fare con il rotolare qualcosa o farlo rotolare su qualcun altro. Un rapporto in Genesi 1 lo chiarisce. Jakob arrivò a una fontana mentre si recava a Paddan-Aram, dove incontrò Rachel. Lei e altri volevano innaffiare le loro pecore, ma una pietra pesante copriva l'apertura del pozzo. Jacob si avvicinò e rotolò via la pietra

Apertura della fontana » (Verso 10) e innaffiato le pecore. La parola ebraica "sguazzata" qui è la stessa parola di "comando" in Proverbi 16,3. L'espressione di rotolare nel senso di far gravare un peso su Dio si trova anche in Salmo 37,5: 55,23 e. Rappresenta la completa dipendenza da Dio. L'apostolo Pietro scrisse in una forma simile: «Tutta la tua cura

lanciarlo; perché si prende cura di te » (1 Pietro 5,7). La parola greca per "lancio" significa essenzialmente la stessa parola "(comando)" in ebraico, che significa anche "lancio o lancio" (a) »è tradotto. Questo è un atto consapevole da parte nostra. Troviamo anche la parola "gettare" nel resoconto dell'entrata di Gesù a Gerusalemme, quando cavalcava un asino

- «e hanno gettato i loro vestiti sul ripieno» (Luca 19,35). Lancia tutto ciò che ti preoccupa sulla schiena di nostro Signore. Se ne prenderà cura perché si prenderà cura di te.

Non puoi perdonare qualcuno? Gettalo su Dio! Sei arrabbiato? Gettalo su Dio! Hai paura? Getta questo su Dio! Sei stufo delle ingiustizie in questo mondo? Getta questo su Dio! Hai a che fare con una persona difficile? Getta il peso su Dio! Sei stato abusato? Gettalo su Dio! Sei disperato? Gettalo su Dio! Ma non è tutto. L'invito di Dio a "lanciarlo" si applica senza restrizioni. Salomone scrisse che qualunque cosa facciamo potrebbe gettarci su Dio. Lancia tutte le cose a Dio durante il tuo viaggio attraverso la vita - tutti i tuoi piani, speranze e sogni. Quando lanci tutto a Dio, non farlo solo mentalmente. Fallo davvero. Metti i tuoi pensieri in parole. Parla con Dio Sii specifico: "Fai conoscere le tue richieste a Dio" (Filippesi 4,6). Digli: "Sono preoccupato per ..." "Te lo consegnerò. È tuo Non so cosa fare ”. La preghiera stabilisce una relazione e Dio desidera fortemente che ci rivolgiamo a lui. Vuole che condividiamo la sua vita con lui. Vuole conoscerti attraverso te stesso! Dio vuole ascoltarti - che pensiero!

La parola "comando" è talvolta tradotta come "affidamento" nell'Antico Testamento. La Bibbia amplificata traduce Proverbi 16,3 come segue: "Lancia [o lancia] le tue opere sul Signore [comandale / affidale a lui]". Qualunque cosa sia, affidale a lui. Rotolo su di lui. Fidati di Dio che si occuperà della faccenda e farà ciò che vuole. Lascialo con lui e mantieni la calma. Cosa accadrà in futuro? Dio "elaborerà i tuoi piani". Modellerà i nostri desideri, i nostri desideri e i nostri piani in modo che tutto sia in armonia con la sua volontà, e metterà i suoi desideri nei nostri cuori in modo che diventino nostri (Salmo 37,4).

Togliti il ​​peso dalle spalle. Dio ci invita a consegnare tutto a Lui. Allora puoi avere fiducia e pace interiore, i tuoi piani, desideri e preoccupazioni saranno soddisfatti in qualche modo, perché sono conformi ai desideri di Dio. Questo è un invito che non dovresti rifiutare!

di Gordon Green


pdfComanda le tue opere al Signore