Pentecoste: forza per il Vangelo

644 Pentecoste Gesù ha promesso ai suoi discepoli: “Ecco, io mando su di voi ciò che il Padre mio ha promesso. Ma tu rimarrai in città finché non sarai trattato con forza dall'alto». (Luca 24,29). Luca ripete la promessa di Gesù: «E quando fu con loro durante la cena, comandò loro di non lasciare Gerusalemme, ma di attendere la promessa del Padre, che voi - così disse - avevate udito da me; perché Giovanni battezzò con acqua, ma voi sarete battezzati in Spirito Santo non molto tempo dopo questi giorni». (Atti 1,4: 5).

Dagli Atti degli Apostoli apprendiamo che i discepoli ricevettero il dono promesso il giorno di Pentecoste perché - furono battezzati con lo Spirito Santo, che li ha dotati della potenza di Dio. "Erano tutti pieni di Spirito Santo e cominciarono a predicare in altre lingue come lo Spirito diceva loro di parlare" (Atti 2,4).

Gli ebrei tradizionalmente associano la Pentecoste al trasferimento della legge e dell'alleanza stipulata con il popolo d'Israele sul monte Sinai. Grazie al Nuovo Testamento, oggi abbiamo una comprensione più completa. Colleghiamo la Pentecoste con lo Spirito Santo e l'alleanza che Dio ha stretto con persone di tutte le nazioni che appartengono alla sua chiesa.

Chiamati ad essere testimoni

A Pentecoste ricordiamo che Dio ci ha chiamati come suo nuovo popolo: «Ma voi siete una generazione eletta, un sacerdozio regale, un popolo santo, un popolo posseduto, affinché proclamiate i favori di colui che vi ha chiamato tenebre nella sua meravigliosa leggero " (1 Pietro 2,9).

Qual è lo scopo della nostra chiamata? Perché Dio ci designa come popolo da possedere? Per proclamare i suoi favori. Perché ci dona lo Spirito Santo? Essere testimoni di Gesù Cristo: "Avrete la potenza dello Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni in Gerusalemme e in tutta la Giudea e Samaria e fino ai confini della terra" (Atti 1,8). Lo Spirito Santo ci autorizza a predicare il vangelo, a proclamare la buona notizia che le persone sono nel regno di Dio per grazia e misericordia di Dio e per ciò che Cristo ha fatto per noi.

Dio ha fatto un patto, un accordo, con noi. Dio ci promette la vita eterna, con lo Spirito Santo che rappresenta un'attesa inalienabile della nostra salvezza (questo è un diritto la cui condizione non è stata ancora soddisfatta). La promessa di Dio è la sua parte nell'accordo. È caratterizzata dalla grazia, dalla misericordia e dallo Spirito Santo. Siamo chiamati e dotati dello Spirito Santo - qui e ora inizia la nostra parte - affinché possiamo testimoniare la misericordia di Dio che è venuta a noi in Gesù Cristo nostro Salvatore. Questa è la missione della chiesa, il suo scopo e lo scopo a cui è chiamato ogni membro della chiesa di Dio, il corpo di Cristo.

La chiesa ha il compito di predicare il vangelo e di insegnare alle persone la redenzione che è stata acquistata per noi mediante il sacrificio di Cristo: “Sta scritto che Cristo patirà e risorgerà dai morti il ​​terzo giorno; e che nel suo nome è predicato il pentimento per la remissione dei peccati fra tutti i popoli. Da Gerusalemme in poi voi ne siete testimoni» (Luca 24,46-48). Lo Spirito Santo è stato dato agli apostoli e ai credenti a Pentecoste per diventare testimoni autorizzati di Gesù Cristo.
La missione della chiesa fa parte del quadro che ci viene chiarito dal giorno di Pentecoste. Nel giorno di Pentecoste celebriamo il drammatico inizio della Chiesa del Nuovo Testamento. Pensiamo anche alla nostra accoglienza spirituale nella famiglia di Dio e al costante rinnovamento, nonché alla forza e al coraggio che Dio ci dona attraverso lo Spirito Santo. La Pentecoste ci ricorda che lo Spirito Santo guida la Chiesa nella verità e guida, ispira ed equipaggia il popolo di Dio perché "possiamo essere simili all'immagine del suo Figlio, perché sia ​​il primogenito tra tanti fratelli" (Romani 8,29) e che sta per noi al trono di Dio (Verso 26). Allo stesso modo, la Pentecoste può ricordarci che la Chiesa è composta da tutte quelle persone in cui abita lo Spirito Santo. Ogni anno la Pentecoste ci ricorda di mantenere l'unità nello spirito attraverso il vincolo della pace (Efesini 4,3).

I cristiani celebrano questo giorno in memoria dello Spirito Santo, che hanno ricevuto insieme in momenti diversi. La chiesa non è semplicemente un luogo dove vengono insegnati i principi di una vita sana e virtuosa; esiste allo scopo di proclamare i favori di Gesù Cristo e sottolinea ancora: “Ma voi siete una generazione eletta, un regale sacerdozio, un popolo santo, un popolo per la proprietà che dovete proclamare i favori di colui che vi ha chiamato l'oscurità nella sua luce meravigliosa » (1 Pietro 2,9).

Anche se tutti noi vogliamo diventare persone spiritualmente cambiate, questo non è l'unico obiettivo che abbiamo. I cristiani hanno una missione - una missione potenziata dallo Spirito Santo. Ci ispira ad annunciare il Signore Gesù Cristo e a portare il messaggio della riconciliazione mediante la fede nel suo nome in tutto il mondo.

La Pentecoste è il risultato di una vita guidata dallo Spirito Santo, una vita che testimonia la giustizia, il potere e la misericordia di Gesù Cristo. Una vita cristiana fedele è una testimonianza del Vangelo. Tale vita prova, rivela la verità, che Dio opera in noi. È una testimonianza parlante e ambulante del Vangelo.

Un raccolto spirituale

La Pentecoste era originariamente una festa del raccolto. La Chiesa è impegnata anche oggi in una vendemmia spirituale. Il frutto o il risultato dell'incarico della Chiesa è la diffusione del vangelo e l'annuncio della salvezza degli uomini per mezzo di Gesù. «Alzate gli occhi e guardate i campi: sono già maturi per la mietitura», disse Gesù ai suoi discepoli quando erano in Samaria. Già qui Gesù parlava di una messe spirituale in cui agli uomini viene data la vita eterna: "Chi miete riceve premio e raccoglie frutto per la vita eterna, perché chi semina e chi miete si rallegri" (Giovanni 4,35-36).

In un'altra occasione Gesù vide la folla e disse ai suoi discepoli: “La messe è grande, ma gli operai sono pochi. Pregate dunque il padrone della messe che mandi operai nella sua messe» (Matteo 9,37-38). Questo è ciò che la Pentecoste dovrebbe ispirarci a fare. Dovremmo ringraziare Dio aiutandoci a vedere le persone intorno a noi pronte per il raccolto spirituale. Dovremmo chiedere più lavoratori perché vogliamo che più persone condividano le benedizioni spirituali di Dio. Vogliamo che il popolo di Dio proclami i benefici di coloro che ci hanno salvato.

"Il mio cibo", disse Gesù, "è fare la volontà di colui che mi ha mandato e portare a termine la sua opera" (Giovanni 4,34). Quella era la sua vita, il suo cibo, la sua energia. Lui è la fonte della nostra vita. Lui è il nostro pane, il pane della vita eterna. Il nostro nutrimento spirituale è fare la sua volontà, la sua opera, che è il vangelo. Dobbiamo seguire le orme di Gesù e far emergere il suo modo di vivere mentre vive dentro di noi. Dovremmo permettergli di raggiungere i suoi obiettivi nelle nostre vite e di vivere a suo merito.

Messaggio della Chiesa primitiva

Il libro degli Atti è pieno di discorsi evangelistici. Il messaggio viene ripetuto più e più volte e si concentra su Gesù Cristo come Salvatore, Signore, Giudice e Re. Anche Cornelius, un capitano romano, conosceva il messaggio. Pietro gli disse: "Tu conosci il messaggio salvifico che Dio aveva annunciato al popolo d'Israele: ha portato la pace per mezzo di Gesù Cristo, e Cristo è il Signore di tutti!" (Atti 10,36 Speranza per tutti). Pietro riassunse il messaggio che era già così comune che Cornelio lo sapeva: “Tu sai cosa è successo in tutta la Giudea, a partire dalla Galilea dopo il battesimo predicato da Giovanni, come Dio unse di Spirito Santo e forza Gesù di Nazaret; andava in giro facendo il bene e guarì tutti quelli che erano in potere del diavolo, perché Dio era con lui. E noi siamo testimoni di tutto ciò che fece in terra giudaica e a Gerusalemme» (Atti 10: 37-39).

Pietro proseguì predicando il Vangelo citando la crocifissione e la risurrezione di Gesù, e poi riassunse la missione della chiesa: “Ci ha comandato di predicare al popolo e di attestare che era stato costituito da Dio per giudicarlo Il vivente e la morte. Di lui testimoniano tutti i profeti che per mezzo del suo nome tutti coloro che credono in lui ricevano il perdono dei peccati» (Atti 10: 42-43).
Quindi predichiamo la salvezza, la grazia e Gesù Cristo. Sì certamente! È la più grande benedizione che abbiamo mai ricevuto. La verità della nostra salvezza è entusiasmante e vogliamo condividerla con i nostri simili in modo che anche loro possano godere delle stesse benedizioni! Quando la chiesa è stata perseguitata per aver predicato il messaggio di Gesù, hanno pregato per avere coraggio in modo da poter predicare ancora di più! “Quando ebbero pregato, il luogo dove erano radunati tremò; e tutti furono ripieni di Spirito Santo e proferirono la parola di Dio con franchezza... con grande potenza gli apostoli testimoniarono la risurrezione del Signore Gesù, e grande grazia fu con tutti loro». (Atti 4,31.33). Lo Spirito Santo è stato dato loro perché potessero predicare Cristo.

Per ogni cristiano

Lo Spirito non è stato dato solo agli apostoli o alla nuova chiesa nel suo insieme. Lo Spirito Santo è dato ad ogni cristiano che crede in Gesù. Ciascuno di noi dovrebbe essere una testimonianza vivente di Gesù Cristo perché la nostra speranza in Cristo è ben fondata, poiché ognuno di noi ha l'opportunità di dare una risposta incoraggiante alla nostra speranza. Dopo che Stefano fu lapidato per aver predicato su Gesù Cristo, arrivò una grande persecuzione con un impatto ancora maggiore sulla chiesa primitiva. Tutti tranne gli apostoli fuggirono da Gerusalemme (Atti 8,1). Ovunque si dispersero, pronunciarono la parola e "predicarono il vangelo del Signore Gesù" (Atti 11,19: 20).

Luca dipinge un quadro di molti uomini e donne cristiani fuggiti da Gerusalemme a causa della loro fede in Gesù Cristo. Non potevano essere messi a tacere, anche se le loro vite fossero state minacciate! Non importava se fossero anziani o laici: ognuno di loro portava la propria testimonianza di Gesù Cristo. Mentre erano in giro, è stato chiesto loro perché avevano lasciato Gerusalemme. Senza dubbio l'hanno detto a tutti quelli che hanno chiesto.

Questo è il frutto dello Spirito Santo; questo è il raccolto spirituale che è stato acceso dalla Pentecoste. Queste persone erano pronte a dare una risposta! È stato un periodo emozionante e lo stesso entusiasmo dovrebbe regnare nella chiesa di oggi. Lo stesso Spirito Santo guidava i discepoli allora e lo stesso Spirito guida oggi la chiesa. Puoi chiedere la stessa audacia per essere testimone di Gesù Cristo!

di Joseph Tkach