Porta buoni frutti

264 Cristo è la vite che siamo la vite Cristo è la vite, noi siamo i tralci! Le uve vengono raccolte per produrre vino da migliaia di anni. Questo è un processo laborioso perché richiede un maestro cantiniere esperto, un buon terreno e un tempismo perfetto. Il coltivatore pota e pulisce le viti e osserva la maturazione dell'uva per determinare l'ora esatta della raccolta. È un lavoro duro, ma quando tutto si è riunito, ne è valsa la pena. Gesù conosceva il buon vino. Il suo primo miracolo fu trasformare l'acqua nel miglior vino mai assaggiato. Ciò che conta per lui è più di questo. Nel Vangelo di Giovanni leggiamo come descrive il suo rapporto con ciascuno di noi: “Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. Ogni tralcio di me che non porta frutto, lo porterà via; e ciascuno che porta frutto lo purificherà perché porti più frutto » (Giovanni 15,1-2).

Come una vite sana ci fornisce Gesù con un flusso costante di forza vitale e il padre in qualità di inquilini che sa quando e dove togliere malsano, morendo rami, in modo che diventiamo più forti e più liberamente nella giusta direzione. Certo che lo fa perché portiamo buoni frutti. - Questo frutto raggiungiamo attraverso la presenza dello Spirito Santo nelle nostre vite. Mostra in: amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, fedeltà, gentilezza e autocontrollo. Come con un buon vino, il processo di cambiare la nostra vita da una nave rotta a un lavoro finito di redenzione richiede molto tempo. Questo percorso può essere associato a esperienze difficili e dolorose. Fortunatamente, abbiamo un Salvatore paziente, saggio e amorevole che è sia un vitigno che un viticoltore e che guida il processo della nostra redenzione con grazia e amore.

di Joseph Tkach


pdfPorta buoni frutti