Lo Spirito Santo: Vive in noi!

645 lo spirito santo abita in noi A volte senti che Dio è assente nella tua vita? Lo Spirito Santo può cambiarlo per te. Gli scrittori del Nuovo Testamento hanno insistito sul fatto che i cristiani che hanno vissuto ai loro giorni sperimentano la presenza vivente di Dio. Ma è qui per noi oggi? Se sì, come è presente? La risposta è che oggi, come all'inizio con i primi cristiani, Dio vive in noi per mezzo dello Spirito Santo. Sperimentiamo lo spirito di Dio che dimora in noi? Se no, come possiamo cambiarlo?

Nel suo libro “God's Empowering Presence”, Gordon D. Fee riporta l'osservazione di uno studente sulla natura e l'attività dello Spirito Santo: “Dio Padre ha perfettamente senso per me. Posso capire il Figlio di Dio, ma lo Spirito Santo per me è una macchia grigia e oblunga ", ha detto lo studente. Tali prospettive incomplete sono dovute in parte al fatto che lo Spirito Santo è proprio questo - Spirito. Come disse Gesù, è come il vento e non si vede.

Nessuna impronta

Uno studioso cristiano ha detto: "Lo Spirito Santo non lascia impronte sulla sabbia". Poiché è invisibile ai nostri sensi, è facilmente trascurato e facilmente frainteso. D'altra parte, la nostra conoscenza di Gesù Cristo è su un terreno più solido. Poiché il nostro Salvatore era l'uomo, Dio ha vissuto in mezzo a noi in carne umana, Gesù ha un volto per noi. Dio Figlio ha anche dato a Dio Padre un "volto". Gesù insisteva perché chi lo vedeva vedesse anche il Padre: “Da tanto tempo sono con voi e tu non mi conosci, Filippo? Chi vede me vede il padre. Allora come si dice: mostraci il Padre?" (Giovanni 14,9). Sia il Padre che il Figlio risiedono nei cristiani di oggi che sono pieni di Spirito. Sono presenti nei cristiani mediante lo Spirito Santo. Per questo vorremmo sicuramente saperne di più sullo spirito e viverlo in modo personale. È attraverso lo Spirito che i credenti sperimentano la vicinanza di Dio e sono autorizzati a usare il suo amore.

Il nostro consolatore

Per gli apostoli, lo Spirito Santo è il consigliere o consolatore. È qualcuno che è chiamato ad aiutare nei momenti di bisogno o di debolezza. «Così lo spirito aiuta anche le nostre debolezze. Perché non sappiamo cosa pregare, come dovrebbe essere, ma lo Spirito stesso interviene per noi con sospiri indicibili». (Romani 8,26).

Coloro che sono guidati dallo Spirito Santo sono il popolo di Dio, ha detto Paolo. Inoltre, sono figli e figlie di Dio a cui è permesso chiamarlo loro padre. Essendo ripieni dello Spirito, il popolo di Dio può vivere nella libertà spirituale. Non sei più schiavo della natura peccaminosa e vivi una nuova vita di ispirazione e unità con Dio. «Ma tu non sei carnale, ma spirituale, poiché lo spirito di Dio abita in te. Ma chi non ha lo Spirito di Cristo non è suo» (Romani 8,9). Questo è il cambiamento radicale che lo Spirito Santo sta operando nelle persone mentre si convertono.

I vostri desideri sono quindi diretti da questo mondo a Dio. Paolo parlò di questa trasformazione: “Ma quando apparvero la bontà e l'amore umano di Dio, nostro Salvatore, egli ci salvò - non per amore delle opere che avremmo compiuto secondo giustizia, ma secondo la sua misericordia - mediante il bagno della rigenerazione e rinnovamento nello Spirito Santo" (Tito 3,4-5). La presenza dello Spirito Santo è la realtà che definisce la conversione. Senza mente; nessuna conversione; nessuna rinascita spirituale. Poiché Dio è Padre, Figlio e Spirito Santo, lo Spirito di Cristo è semplicemente un modo diverso di relazionarsi con lo Spirito Santo. Se invece una persona si converte veramente, Cristo vivrà in lui per opera dello Spirito Santo. Tali persone appartengono a Dio perché le ha fatte sue con il suo spirito.

Spirito pieno di vita

Come possiamo avere la potenza e la presenza dello Spirito Santo nelle nostre vite e sapere che lo Spirito di Dio vive in noi? Gli scrittori del Nuovo Testamento, specialmente Paolo, dicevano che la qualificazione è il risultato della risposta di una persona a un appello. L'appello è accettare la grazia di Dio in Gesù Cristo, abbandonare i vecchi modi di pensare e cominciare a vivere dello Spirito.

Pertanto, dovremmo essere incoraggiati a essere guidati dallo spirito, camminare nello spirito e vivere dello spirito. Come fare ciò è stabilito in linea di principio nei libri del Nuovo Testamento. L'apostolo Paolo insisteva sul fatto che i cristiani devono rinnovarsi nello spirito e nello spirito e che devono crescere nuovi frutti: “Ma il frutto dello spirito è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, castità; non c'è nessuna legge contro tutto questo » (Galati 5,22-23).

Intese nel contesto del Nuovo Testamento, queste qualità sono più che concetti o buoni pensieri. Riflettono il vero potere spirituale nei credenti come dato dallo Spirito Santo. Questa forza è in attesa di essere utilizzata in tutte le circostanze.

Quando le virtù vengono messe in pratica, diventano frutto o evidenza che lo Spirito Santo è all'opera in noi. Il modo per diventare potenziati dallo Spirito è chiedere a Dio la presenza virtuosa dello Spirito e poi lasciarsi guidare da essa.

Quando lo Spirito guida il popolo di Dio, lo Spirito rafforza anche la vita della chiesa e delle sue istituzioni attraverso i singoli credenti che vivono secondo lo Spirito. Cioè, dovremmo stare attenti a non confondere aspetti della vita della chiesa - come programmi, cerimonie o credenze - con l'attività dinamica dello Spirito Santo nella vita delle persone.

L'amore dei credenti

L'evidenza o la qualità più importante dell'opera dello Spirito Santo nei credenti è l'amore. Questa qualità definisce l'essenza di chi è Dio e identifica i credenti guidati dallo Spirito. Era questo amore che l'apostolo Paolo e altri insegnanti del Nuovo Testamento hanno sempre curato in primo luogo. Volevano sapere se le singole vite cristiane sono rafforzate e trasformate dall'amore dello Spirito Santo.
I doni spirituali, il culto e l'insegnamento ispirato erano e sono importanti per la chiesa. Per Paolo, tuttavia, l'azione dinamica dell'amore dello Spirito Santo all'interno dei credenti in Cristo era di importanza molto maggiore.

  • Paolo diceva che se potesse parlare nelle più diverse lingue del mondo, sì, anche nella lingua degli angeli, ma gli mancasse l'amore, sarebbe una campana che suona da sola o un gong che rimbomba (1 Corinti 13,1).
  • Arriva a capire che se avesse avuto ispirazioni profetiche, conoscesse tutti i segreti celesti, avesse tutta la conoscenza e avesse anche una fede che potrebbe spostare le montagne, ma doveva vivere senza amore, allora sarebbe inutile (Verso 2). Nemmeno un deposito di conoscenza biblica, ortodossia teologica o credenze forti potrebbe sostituire l'empowerment con l'amore dello Spirito.
  • Paolo potrebbe anche dire: se avessi dato tutto ciò che ho ai poveri e avessi preso la morte tra le fiamme, ma la mia vita fosse stata senza amore, non avrei guadagnato nulla (Verso 3). Nemmeno il fare opere buone per se stesse non deve essere confuso con l'opera dello Spirito Santo nell'amore.

Veri cristiani

È fondamentale che i credenti abbiano la presenza attiva dello Spirito Santo e rispondano allo Spirito. Paolo insiste sul fatto che il vero popolo di Dio - i veri cristiani - sono coloro che sono stati rinnovati, rinati e cambiati per riflettere l'amore di Dio nelle loro vite. C'è solo un modo in cui questa trasformazione può avvenire dentro di noi. È attraverso la vita che è guidata e vissuta dall'amore dello Spirito Santo che inabita. Dio lo Spirito Santo è la presenza personale di Dio nel tuo cuore e nella tua mente.

di Paul Kroll!