Due banchetti

636 due banchetti Le descrizioni più comuni del paradiso, stare seduti su una nuvola, indossare una camicia da notte e suonare un'arpa hanno poco a che fare con il modo in cui le Scritture descrivono il paradiso. Al contrario, la Bibbia descrive il paradiso come una grande festa, come un'immagine di grandissimo formato. C'è ottimo cibo e buon vino in ottima compagnia. È il più grande ricevimento di nozze di tutti i tempi e celebra le nozze di Cristo con la sua chiesa. Il cristianesimo crede in un Dio che è veramente gioioso e il cui desiderio più caro è celebrare con noi per sempre. Ognuno di noi ha ricevuto un invito personale a questo banchetto festivo.

Leggi le parole del Vangelo di Matteo: «Il regno dei cieli è come un re che ha organizzato un matrimonio per suo figlio. E mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze; ma non volevano venire. Di nuovo mandò altri servi e disse: Dite agli ospiti: Ecco, ho preparato il mio pasto, i miei buoi e il mio bestiame sono stati macellati e tutto è pronto; vieni al matrimonio! " (Matteo 22,1-4).

Purtroppo non siamo affatto sicuri se accettare l'invito. Il nostro problema è che anche il governatore di questo mondo, il diavolo, ci ha invitati a un banchetto. Sembra che non siamo abbastanza intelligenti da vedere che i due festival sono in realtà molto diversi. La differenza fondamentale è che mentre Dio vuole mangiare con noi, il diavolo vuole mangiare noi! La Scrittura lo rende chiaro. «Sii sobrio e guarda; perché il tuo avversario, il diavolo, va in giro come un leone ruggente e cerca chi divorare » (1 Pietro 5,8).

perché è così difficile?

Mi chiedo perché sia ​​così difficile per l'umanità scegliere tra la festa di Dio e quella del diavolo, sì tra Dio, il nostro Creatore, e Satana, che vuole distruggerci. Forse è perché non siamo affatto sicuri del tipo di relazione che vogliamo nelle nostre vite. Le relazioni umane dovrebbero essere come una specie di festa. Un modo per nutrirsi e costruirsi a vicenda. Un processo attraverso il quale viviamo, cresciamo e maturiamo mentre aiutiamo anche gli altri a vivere, crescere e maturare. Tuttavia, può esserci una diabolica parodia in cui ci comportiamo come cannibali l'uno per l'altro.

Lo scrittore ebreo Martin Buber ha detto che ci sono due tipi di relazioni. Descrive un tipo come "relazioni io-tu" e l'altro come "relazioni io-te". Nelle relazioni io-tu, ci trattiamo a vicenda alla pari. Ci scopriamo, impariamo gli uni dagli altri e ci rispettiamo da pari a pari. Nelle relazioni I-id, d'altra parte, tendiamo a trattarci l'un l'altro come persone ineguali. Questo è ciò che facciamo quando consideriamo le persone solo come fornitori di servizi, fonti di piacere o mezzi per guadagni o scopi personali.

Esaltazione di sé

Mentre scrivo queste parole, mi viene in mente un uomo. Chiamiamolo Hector, anche se non è il suo vero nome. Mi vergogno a dire che Hector è un sacerdote. Quando Hector entra in una stanza, si guarda intorno in cerca di qualcuno di importante. Se è presente un vescovo, lo avvicinerà direttamente e lo coinvolgerà in una conversazione. Se è presente un sindaco o altro dignitario civile, questo è anche il caso. Lo stesso vale per il ricco uomo d'affari. Dato che non lo sono, raramente si è preso la briga di parlarmi. Mi ha rattristato vedere Ettore appassire nel corso degli anni, sia in termini di carica che, temo, in termini di anima. Abbiamo bisogno di relazioni Io-Te se vogliamo crescere. Le relazioni I-id non sono affatto le stesse. Se trattiamo gli altri come fornitori di servizi, come foraggio per la carriera, come trampolini di lancio, ne soffriremo. La nostra vita sarà più povera e anche il mondo sarà più povero. Le relazioni io-te sono roba da paradiso. Questo non è il caso delle relazioni I-It.

Come ti trovi personalmente sulla scala delle relazioni? Come tratti il ​​postino, il netturbino, la giovane commessa alla cassa del supermercato, per esempio? Come tratti le persone che incontri al lavoro, a fare shopping o in qualche attività sociale? Quando guidi, come tratti i pedoni, i ciclisti o altri conducenti? Come tratti le persone che sono inferiori a te nell'ordine sociale? Come tratti le persone bisognose? È il segno distintivo di una persona davvero grande che lui o lei fa sentire grandi anche gli altri, mentre quelli che sono piccoli e di spirito rachitico tendono a fare il contrario.

Qualche anno fa avevo motivo di scrivere all'arcivescovo Desmond Tutu. Ho ricevuto da lui una sua lettera scritta a mano che ancora oggi apprezzo. Quest'uomo è abbastanza grande perché anche gli altri si sentano grandi. Uno dei motivi dello straordinario successo della sua Commissione per la verità e la riconciliazione in Sud Africa è stato il rispetto assoluto che ha mostrato per tutti quelli che ha incontrato, anche per coloro che non sembravano meritarlo. Ha offerto a tutti una relazione Io-Tu. In questa lettera mi ha fatto sentire come se fossi uguale, anche se sono sicuro di non esserlo. Ha praticato solo per la festa celeste, dove tutti parteciperanno alla festa e nessuno sarà cibo per i leoni. Allora come possiamo essere sicuri che faremo lo stesso?

Ascolta, rispondi e relazionati

Primo, dovremmo ascoltare l'invito personale che il Signore ci ha rivolto. Li sentiamo in diverse scritture. Uno dei testi più famosi proviene dall'Apocalisse. Ci invita a far entrare Gesù nella nostra vita: «Vedi, io sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e apre la porta, io entrerò e farò la comunione con lui e lui con me » (Apocalisse 3,20). Questo è un invito alla festa celeste.

Secondo, dopo aver ascoltato questo invito, dovremmo rispondere ad esso. Perché Gesù sta alla porta del nostro cuore, bussa e aspetta. Non apre la porta a calci. Dobbiamo aprirlo, invitarlo oltre la soglia, accettarlo personalmente a tavola come nostro Redentore, Salvatore, amico e fratello, prima che entri nelle nostre vite con il suo potere di guarigione e trasformazione.

È anche necessario che iniziamo a prepararci per la festa celeste. Lo facciamo incorporando il maggior numero possibile di relazioni Io-Tu nella nostra vita, perché la cosa più importante della festa celeste, come prevede la Bibbia, non è il cibo o il vino, ma le relazioni. Possiamo stabilire relazioni nelle circostanze più inaspettate quando siamo pronti per loro.
Lascia che ti racconti una storia vera. Molti anni fa sono andato in vacanza in Spagna con un gruppo di amici e conoscenti. Un giorno stavamo camminando fuori città e ci siamo persi irrimediabilmente. Siamo finiti in una zona paludosa senza la minima idea di come tornare sulla terraferma. Dov'era un modo per tornare alla città da cui provenivamo. A peggiorare le cose, era sera e la luce del giorno cominciava a sbiadire.

In questa difficile situazione, ci siamo accorti di un enorme spagnolo dai capelli lunghi che si stava muovendo verso di noi attraverso la palude. Aveva la pelle scura e la barba, indossava abiti trasandati e grandi pantaloni da pesca. Lo abbiamo chiamato e gli abbiamo chiesto aiuto. Con mio grande stupore, mi prese in braccio, mi mise in spalla e mi portò dall'altra parte della brughiera finché non mi posò su un sentiero solido. Ha fatto lo stesso per ciascuno dei nostri gruppi e poi ci ha mostrato la strada da percorrere. Ho tirato fuori il portafoglio e gli ho offerto dei conti. Non voleva nessuno di loro.

Invece, mi prese la mano e me la strinse. Ha anche stretto la mano a tutti gli altri del gruppo prima di lasciarci sani e salvi. Ricordo quanto fossi imbarazzato. Gli avevo offerto una relazione I-It e lui l'aveva cambiata con la sua stretta di mano "I-You".

Non lo abbiamo più visto, ma in molte occasioni mi sono sorpreso a pensare a lui. Se mai dovessi arrivare al banchetto celeste, non sarei sorpreso di trovarlo da nessuna parte tra gli ospiti. Che Dio lo benedica. Mi ha mostrato la strada - in più di un senso!

di Roy Lawrence