Essere insieme a Gesù

544 insieme a GesùCome si presenta la tua attuale situazione di vita? Hai dei carichi nella vita che ti deprimono e ti affliggono? Hai esaurito le tue energie e sei andato al limite di ciò che ti puoi permettere? La tua vita, come la senti ora, ti stanca, anche se desideri un riposo più profondo, non riesci a trovarne. Gesù ti chiama per venire da lui: "Venite a me, voi tutti che siete faticosi e carichi; Voglio rinfrescarti. Prendi il mio giogo su di te e impara da me; perché io sono mite e umile di cuore; troverai pace per le tue anime. Perché il mio giogo è gentile e il mio carico è leggero »(Mt 11,28-30). Cosa ci comanda Gesù attraverso il suo appello? Egli nomina tre cose: "Vieni da me e prendi il mio giogo su di te e impara da me".

Vieni da me

Gesù ci invita ad avvicinarci e vivere alla Sua presenza. Ci apre una porta per sviluppare una relazione più stretta attraverso l'essere con lui. Dovremmo essere felici di stare con lui e di stare con lui. Ci invita a coltivare più comunione con lui e a conoscerlo più intensamente - così che siamo felici di conoscerlo e fidarsi di lui in ciò che è.

Prendi il mio giogo su di te

Gesù dice al suo pubblico non solo di venire da lui, ma anche di prendere il suo giogo. Si noti che Gesù non solo parla del suo "giogo", ma dichiara che il suo giogo è, per così dire, "il suo fardello". Un giogo era un'imbracatura di legno attaccata al collo di due animali, per lo più buoi, in modo che potessero raccogliere un carico di merci insieme. Gesù fa una chiara distinzione tra i carichi che già portiamo e quelli che Egli ci dice di portare. Il giogo ci connette a lui e comporta una nuova stretta relazione. Questa relazione è parte del poter camminare in comunione con Lui e in comunione con Lui.

Gesù non ci ha chiamato per unirsi a un grande gruppo. Vuole vivere in un rapporto personale a due vie con noi che è vicino e onnipresente, per poter dire che siamo connessi a lui come un giogo!

Affrontare il giogo di Gesù significa vivere tutta la nostra vita secondo lui. Gesù ci chiama in una relazione intima, coerente, dinamica in cui cresce la nostra comprensione di Lui. Cresciamo in questa relazione con Colui con cui siamo connessi nel giogo. Mentre prendiamo il nostro giogo, non cerchiamo di guadagnare la sua misericordia, ma cresciamo ad accettarlo da lui.

Impara da me

Essere irretiti da Gesù sotto il giogo significa non solo partecipare alla sua opera, ma anche dal rapporto con lui per imparare da lui. L'immagine qui è quella di un discente che è collegato a Gesù, il cui sguardo si concentra pienamente su di lui, invece di camminare al suo fianco e fissarlo di fronte a lui. Dovremmo camminare con Gesù e ricevere sempre da noi la nostra prospettiva e le nostre indicazioni. L'attenzione non è tanto sul carico, ma su quello a cui siamo connessi. Vivere con lui significa imparare sempre di più su di lui e riconoscere veramente chi è veramente.

Delicato e leggero

Il giogo che Gesù ci offre è gentile e piacevole. Altrove nel Nuovo Testamento, è usato per descrivere le azioni gentili e benevoli di Dio. "Hai assaporato che il Signore è gentile" (1, Peter 2,3). Luca descrive Dio: "È gentile con l'ingrato e il male" (Lk 6,35).
Anche il peso o il giogo di Gesù è "facile". Questa è forse la parola più strana qui usata. Un carico non è definito come qualcosa di pesante? Se è facile, come può essere un peso?

Il suo fardello non è semplice, gentile e leggero, perché è meno onere del nostro da portare, ma perché siamo preoccupati della nostra partecipazione alla sua relazione d'amore, che è in comunione con il Padre.

Trova la pace

Condividendo questo giogo e imparando da Lui ciò che Gesù ci dice, ci dà riposo. Per dare enfasi, Gesù ripete questo pensiero due volte, e la seconda volta dice che troviamo il riposo "per le nostre anime". Il concetto di riposo nella Bibbia va ben oltre la semplice interruzione del nostro lavoro. Si lega con l'idea ebraica di Shalom - Shalom è lo scopo di Dio per il suo popolo di avere prosperità e benessere e di conoscere la bontà di Dio e le sue vie. Pensaci: cosa vuole dare Gesù a quelli che chiama a se stesso? Riposo di guarigione per le loro anime, ristoro, benessere olistico.

Possiamo concludere che altri oneri che portiamo con noi quando non veniamo a Gesù ci rendono veramente stanchi e non ci lasciano pace. Essere con lui e imparare da lui è il nostro riposo sabbatico che arriva nel profondo di chi siamo.

Mitezza e umiltà

Com'è possibile che la mitezza e l'umiltà di Gesù gli permettano di darci riposo per l'anima? Cosa è particolarmente importante per Gesù? Dice che la sua relazione con il Padre è una relazione di vero dare e ricevere.

"Tutto mi è stato dato da mio padre, e nessuno conosce il figlio se non il padre; e nessuno conosce il Padre come solo il Figlio e al quale il Figlio vuole rivelarlo »(Mt 11,27).
Gesù ha ricevuto tutte le cose dal Padre perché il Padre le ha date a lui. Descrive la relazione con il Padre come una relazione di familiarità reciproca, personale e intima. Questa relazione è unica - non c'è nessuno se non il Padre che conosce il Figlio in questo modo, e non c'è altro che il Figlio che conosce il Padre in questo modo. La loro intima ed eterna vicinanza implica una mutua familiarità reciproca.

In che modo la descrizione di Gesù di se stesso, come mite e sentita, dipende dalla descrizione della relazione che ha con suo padre? Gesù è il "destinatario" che riceve da Colui che conosce intimamente. Non solo prostra verso l'esterno la volontà del Padre di dare, ma dà generosamente ciò che gli è stato dato liberamente. Gesù è felice di vivere nella tranquillità che deriva dalla condivisione della relazione discernente, amorevole e generosa con il Padre.

La comunione di Gesù

Gesù è dinamico e costantemente connesso al Padre sotto il giogo e questo legame esiste da secoli. Lui e il Padre sono uno in una vera relazione di dare e avere. Nel Vangelo di Giovanni Gesù dice che fa e dice ciò che vede, ascolta e comanda il Padre. Gesù è umile e mite perché è collegato a suo padre nel suo sicuro amore.

Gesù dice che gli unici che conoscono il Padre sono quelli che sceglie di rivelare loro. Chiama a tutti coloro che hanno riconosciuto di essere laboriosi e carichi. La chiamata va a tutte le persone che sono laboriose e oppresse, colpisce davvero tutti. Gesù sta cercando persone che sono pronte a ricevere qualcosa.

la condivisione del carico

Gesù ci chiama per uno "scambio di carichi". Il comandamento di Gesù di venire, di prendere e di imparare da, implica il comandamento di lasciare andare i fardelli con cui veniamo a Lui. Ci arrendiamo e glielo diamo. Gesù non ci offre il suo peso e il suo giogo per aggiungere ai nostri fardelli e gioghi esistenti. Non dà consigli su come possiamo trasportare i nostri carichi in modo più efficiente o efficace per farli sembrare più facili. Non ci dà spalline in modo che le cinghie dei nostri carichi ci spingano meno incisivamente.
Mentre Gesù ci chiama in una relazione unica con Lui, ci sfida a consegnare tutto ciò che ci pesa. Quando proviamo a portare tutto da soli, dimentichiamo chi è Dio e non guardiamo più a Gesù. Non lo ascoltiamo più e dimentichiamo di conoscerlo. I pesi che non rimandiamo sono contrari a ciò che Gesù ci dà effettivamente.

Resta in me

Gesù ha dato ai suoi discepoli il comando di "stare in lui" perché sono la sua vite e lui è la vite. "Resta in me e me in te. Come la vite non può portare frutto da sé, se non rimane sulla vite, così non lo fai, se non stai con me. Io sono la vite, tu sei la vite. Chi rimane in me e io in lui, porta molto frutto; perché senza di me non puoi fare niente »(Joh 15,4-5).
Gesù ti chiama per riconquistare questo meraviglioso giogo che dà la vita ogni giorno. Gesù si sforza di darci potere per vivere sempre di più nella sua anima - calma, non solo quando siamo consapevoli di averne bisogno. Per condividere il suo giogo, ci mostrerà di più di ciò che indossiamo ancora, il che crea davvero stanchezza e ci impedisce di vivere nel suo riposo.
Pensiamo che potremmo assumere il suo giogo più tardi, dopo aver imparato la situazione e calmare le cose. Poi, quando sono in ordine, quando è più pratico vivere e agire in una posizione in cui ci riposiamo ogni giorno.

Gesù, sommo sacerdote

Quando consegni a Gesù tutti i tuoi fardelli, ricorda che è il nostro sommo sacerdote. Come nostro grande sommo sacerdote, conosce già tutti i fardelli e li ha presi su di sé e prende il nostro. Ha preso le nostre vite spezzate, tutti i nostri problemi, le nostre lotte, i nostri peccati, le paure, ecc., E ha fatto il suo per guarirci dall'interno. Puoi fidarti di lui. Non devi preoccuparti di arrenderti: vecchi fardelli, nuove lotte, piccoli, apparentemente banali fardelli o quelli che sembrano schiaccianti. È pronto e sempre fedele: sei connesso con lui e lui con il Padre, tutto nello Spirito.

Questo processo di crescita di abituarsi al pieno legame con Gesù - il voltare le spalle a lui, la nuova vita nel suo riposo - continua e intensifica tutta la tua vita. Nessuna lotta presente o passata e nessuna preoccupazione è più urgente di questo appello a voi. Perché ti sta chiamando? A se stesso, a condividere la sua vita, nel suo stesso riposo. Dovresti essere consapevole di questo quando porti i carichi sbagliati e li porti con sé. C'è solo un fardello che sei chiamato a indossare e che è Gesù.

di Cathy Deddo