La religione del nuovo ateismo

356 la religione del nuovo ateismoIn inglese, la frase "La signora, come penso, ha elogiato [l'inglese antico: proteste] troppo" è citata da Amleto di Shakespeare, che descrive qualcuno che cerca di convincere gli altri di qualcosa che non è vero. Questa frase mi viene in mente quando sento degli atei che protestano che l'ateismo è una religione. Alcuni atei confermano la loro protesta con i seguenti confronti sillogistici:

  • Se l'ateismo è una religione, allora la "testa calva" è un colore di capelli. Anche se questo può sembrare quasi profondo, solo una falsa affermazione viene confrontata con una categoria inappropriata. Una testa calva non ha niente a che fare con il colore dei capelli. Certamente, su una testa calva non si riconosce il colore dei capelli, ma poiché l'ateismo è percettibile in diversi modi, può benissimo avere un colore come le altre religioni, anche se è unico; è lo stesso con il cristianesimo. Inoltre, non ho mai incontrato una persona calva che non ha il colore dei capelli. Se qualcuno non ha i capelli in testa, non possono essere ritratti come non avere il colore dei capelli.
  • Se l'ateismo è una religione, allora la salute è una malattia. Come ho detto, a prima vista potrebbe sembrare un sillogismo valido, ma non è altro che un discorso ambiguo, di nuovo sul confronto di una falsa affermazione con una categoria inappropriata, che è logicamente sbagliato. Dovrei menzionare che gli studi hanno dimostrato che credere in Dio è correlato non solo ai migliori rapporti di salute mentale dei credenti, ma anche a un miglioramento della salute fisica rispetto ai non credenti. In effetti, in quasi gli studi sulla salute fisica 350 e gli studi sulla salute mentale 850 che esaminano componenti religiosi e mentali, è stato riscontrato che influenze religiose e spiritualità sono associate a una migliore ripresa.
  • Se l'ateismo è una religione, l'astinenza è una postura sessuale. Di nuovo, tenere due affermazioni l'una contro l'altra non prova assolutamente nulla. Puoi andare avanti e mettere insieme nuove affermazioni senza senso. La presentazione degli errori logici non ci dice nulla su ciò che è effettivamente vero.

La più alta corte americana (Corte Suprema) ha stabilito in più di un caso che l'ateismo deve essere trattato come una religione secondo la legge (cioè come un credo protetto su un piano di parità con le altre religioni). Gli atei credono che non ci siano dei. Vista in questo modo, è una credenza sugli dei e ciò la qualifica come religione, proprio come il buddismo è anche chiamato religione.

Ci sono tre visioni religiose di Dio: monoteiste (ebraismo, cristianesimo, islam), politeiste (induismo, mormonismo) e non teiste (buddismo, ateismo). Si potrebbe introdurre una quarta categoria per l'ateismo e chiamarla antiteista. In un articolo apparso su The Christian Post, Mike Dobbins mostra come l'ateismo sia religioso. Quello che segue è un estratto (da L'ateismo come religione: un'introduzione alla fede meno compresa del mondo):

wkg mb xnumx atheismPer gli atei, la lettera "A" è un simbolo sacro dell'ateismo. Ci sono tre simboli "A" significativi nell'ateismo. Un simbolo "A" è circondato da un cerchio ed è stato creato da 2007 dell'Atheist Alliance International. Il cerchio dovrebbe rappresentare l'unità degli atei e unire tutti gli altri simboli atei. Non lo sono
solo questi simboli che segnano l'ateismo. C'è un simbolismo ateo-religioso noto solo agli addetti ai lavori o agli intenditori dell'ateismo.

Molti atei hanno chiarito a Natale 2013 quanto sia sacro per loro il simbolo 'A'. Nella mia città natale, Chicago, è consentito allestire la menorah Hanukkah (candelieri per la festa ebraica delle luci) e il presepe di Natale nei luoghi pubblici durante le festività. Così gli atei pretendevano che anche loro potessero esporre il loro simbolo religioso; in questo modo l'amministrazione poteva anche evitare di dare l'impressione di trattare in modo diverso le diverse religioni. La Freedom From Religion Foundation ha scelto un'impalcatura con un gigantesco simbolo "A", 2,5 Alta metri, con insegne rosse al neon in modo che fosse visibile a tutti. Innumerevoli atei hanno reso omaggio alla loro "A" rendendo il sito un luogo di pellegrinaggio. Lì hanno scattato delle foto a se stessi e alla "A" rossa. Molti di loro, ne sono certo, conserveranno le foto come ricordi speciali. Ma la grande A rossa non era abbastanza per loro. Hanno anche superato la possibilità di presentare le loro credenze atee apponendo un cartello con la seguente iscrizione: «Non ci sono dei, né diavoli, né angeli, né paradiso né inferno. C'è solo il nostro mondo naturale. La religione non è altro che una favola e una superstizione che indurisce il cuore e rende schiava la mente".

Il blog Debunking Atheists [2] contiene un utile elenco di punti di vista atei chiave che mostrano chiaramente il loro contenuto religioso.

Di seguito è una versione abbreviata della lista:

  • Gli atei hanno la loro visione del mondo. Il materialismo (l'idea che esiste un solo mondo materiale) è la lente attraverso la quale gli atei vedono il mondo. Lungi dall'essere di mentalità aperta, per loro contano solo fatti dimostrabili; capiscono tutti i fatti esclusivamente da una visione del mondo materialistica molto limitata.
  • Gli atei hanno la loro ortodossia. L'ortodossia è una raccolta di credenze normative che una comunità religiosa ha adottato. Proprio come c'è un'ortodossia cristiana, c'è anche quella ateista. In breve, tutto ciò che esiste può essere spiegato come il risultato di un'evoluzione involontaria, incontrollata e priva di significato. Ogni rivendicazione della verità viene respinta fintantoché non resiste all'esame scientifico e alla conferma empirica.
  • Gli atei hanno il loro modo di marchiare gli apostati (rinnegati). L'apostasia descrive la rinuncia alla fede precedente. Antony Flew (1923-2010, filosofo inglese) è stato per molti anni uno degli atei più famosi del mondo. Poi ha fatto l'impensabile: ha cambiato idea. Potete immaginare quale sia stata la reazione del movimento neo-ateo "di mentalità aperta, tollerante". Flew è stato calunniato. Richard Dawkins accusò Flew di "cambiare idea" - un termine piuttosto stravagante per apostasia. Secondo la loro stessa ammissione, Flew si è allontanato dalla loro "fede" [ed è diventato una specie di deista].
  • Gli atei hanno i loro stessi profeti: Nietzsche, Russell, Feuerbach, Lenin e Marx.
  • Gli atei hanno il loro Messia: Charles Darwin, che, a loro avviso, ha guidato il palo cruciale attraverso il cuore del teismo fornendo una spiegazione esaustiva del perché la vita non ha mai bisogno di Dio come suo autore o spiegazione. Daniel Dennett ha persino scritto un libro al riguardo con l'intenzione di definire la fede religiosa come un mero sviluppo evolutivo.
  • Gli atei hanno i loro predicatori ed evangelisti: Dawkins, Dennett, Harris e Hitchens (sono i quattro rappresentanti più importanti del movimento neo-ateo).
  • Gli atei sono credenti. Sebbene deridano la fede nei loro scritti (il libro di Harris è intitolato The End of Faith), l'ateismo è un'iniziativa basata sulla fede. Poiché l'esistenza di Dio non può essere né provata né confutata, il rifiuto di Dio richiede la fede nelle proprie capacità scientifiche di osservazione e pensiero razionale. Nello sviluppo dell'ateismo non c'è spiegazione per la domanda "Perché l'universo è ordinato, calcolabile e misurabile?" L'ateismo non ha una spiegazione razionale sul perché esiste una cosa come il pensiero razionale. Non ha spiegazioni per domande che spera non vengano poste, come "Perché siamo impacciati? Cosa ci fa pensare? Da dove viene il senso universale di giusto e sbagliato? Come possiamo sapere con certezza che non esiste l'aldilà? Come possiamo essere sicuri che nulla esista al di fuori del mondo materiale? Come facciamo a sapere che esistono solo cose del genere che sono praticamente rilevabili con i nostri noti metodi scientifico-spirituali? Gli atei attribuiscono cose inspiegabili alla credenza: sospettano le cose senza avere una solida base razionale o empirica per esse.

In contrasto con le proteste degli atei, la realtà del loro sistema confessionale si basa su un'iniziativa basata sulla fede con pratiche e credenze e con altre religioni. È ironico che gli atei, insistendo sul fatto che l'ateismo non è una religione e inveire su altre religioni, anche fare grandi segni in concorrenza con quelli di altre religioni.

Mi affretto ad aggiungere che alcuni cristiani fondamentalmente commettono lo stesso errore quando attaccano altre religioni (e persino altre forme di cristianesimo). Come cristiani, non dobbiamo dimenticare che la nostra fede non è una mera religione da affermare e difendere. Invece, il cristianesimo è al suo centro una relazione viva con il Dio Uno e Trino: Padre, Figlio e Spirito Santo. La nostra chiamata come cristiani non è quella di imporre un altro sistema di credenze nel mondo, ma di essere coinvolti nell'opera continua di riconciliazione di Dio come Suoi ambasciatori (2. Corinzi 5,18-21) - predicando la buona novella (il Vangelo) che gli uomini sono stati perdonati, redenti e amati da Dio, che cerca con tutti gli uomini un rapporto di fiducia (fede), speranza e amore.

Sono felice che l'autentico cristianesimo non sia una religione ma una relazione.

Joseph Tkach

Presidente
GRACE COMMUNION INTERNATIONAL


pdfLa religione del nuovo ateismo