generosità

179 generosità Felice anno nuovo! Spero tu abbia avuto una vacanza benedetta insieme ai tuoi cari. Ora che il periodo natalizio è alle spalle e siamo di nuovo in ufficio al lavoro di nuovo nel nuovo anno, ho, come è consuetudine in questi casi, scambiato con il nostro staff per le vacanze che sono state spese. Abbiamo parlato delle tradizioni familiari e del fatto che le generazioni più anziane possono spesso insegnarci qualcosa sulla gratitudine. In una conversazione, un dipendente ha menzionato una storia ispiratrice.

È iniziato con i suoi nonni, che sono persone molto generose. Ma più di questo, vogliono che ciò che danno sia trasmesso il più ampiamente possibile. Non vogliono necessariamente essere conosciuti per fare grandi doni; vogliono solo che la loro generosità venga trasmessa. È molto importante per loro che tu dia, non solo fermarti a una stazione. Preferiscono che tu ti ramifichi e che tu abbia una vita propria e quindi moltiplichi. Vogliono anche dare in modo creativo, quindi pensa a come affrontare i doni che Dio ha dato loro.

Ecco cosa fa la famiglia di questo amico: ogni Ringraziamento (American National Day, Thanksgiving Day) la nonna e il nonno danno a ciascuno dei loro figli e nipoti una piccola somma di venti o trenta dollari. Poi chiedono ai membri della famiglia di usare questo denaro per benedire qualcun altro come una sorta di ulteriore pagamento. E poi a Natale si riuniscono di nuovo come famiglia e si scambiano idee. Durante le solite celebrazioni, si divertono anche a sentire come ogni membro della famiglia ha usato il dono dei nonni per benedire gli altri. È straordinario come una somma di denaro relativamente piccola possa trasformarsi in così tante benedizioni.

I nipoti sono motivati ​​a essere generosi dalla generosità che è stata esemplificata per loro. Spesso un membro della famiglia aggiunge qualcosa alla somma data prima che venga trasferita. Si divertono molto e lo vedono come una sorta di competizione per vedere chi potrebbe trasmettere questa benedizione più ampiamente. Un anno un membro creativo della famiglia ha utilizzato i soldi per acquistare pane e altro cibo in modo da poter distribuire panini a persone affamate per diverse settimane.

Questa meravigliosa tradizione familiare mi ricorda la parabola di Gesù dei talenti che mi sono stati affidati. Ogni servo riceveva una quantità diversa dal suo padrone: "Uno diede cinque quintali d'argento, un altro due quintali e un altro ancora un quintale", e ciascuno era incaricato di amministrare ciò che gli veniva dato (Matteo 25, 15). La parabola dice ai servi di fare di più che ricevere semplicemente la Benedizione. Viene chiesto loro di utilizzare i loro doni finanziari per servire gli interessi del loro padrone. Al servo che seppelliva il suo argento fu tolta la sua parte perché non cercava di aumentarla (Matteo 25, 28). Naturalmente, questa parabola non riguarda la saggezza degli investimenti. Si tratta di benedire gli altri con ciò che ci è stato dato, non importa cosa sia o quanto possiamo dare. Gesù loda la vedova, che poteva dare solo pochi soldi (Luca 21: 1-4) perché ha dato generosamente quello che aveva. Non è la dimensione del dono che è importante per Dio, ma la nostra disponibilità a usare le risorse che ci ha dato per distribuire le benedizioni.

La famiglia di cui ti parlavo sta cercando di moltiplicare ciò che può dare, in qualche modo è come il Signore nella parabola di Gesù. I nonni lasciano parti di ciò che vogliono trasmettere, di cui si fidano e amano, per l'uso a loro discrezione. Probabilmente rattristerebbe queste brave persone, proprio come rattristò il Signore nella parabola sentire che i loro nipoti lasciarono i soldi nella busta e ignorarono la generosità e la semplice richiesta dei nonni. Invece, questa famiglia ama pensare a nuovi modi creativi per condividere le benedizioni dei nonni in cui erano inclusi.

Questa missione multigenerazionale è meravigliosa perché mostra molti modi diversi in cui possiamo benedire gli altri. Non ci vuole molto per iniziare. In un'altra parabola di Gesù, la parabola del seminatore, ci viene mostrato cosa c'è di così grande nel "buon terreno" coloro che accettano veramente le parole di Gesù sono coloro che producono frutti "cento volte, sessanta o trenta volte quanto quello che hanno seminato » (Matteo 13, 8). Il Regno di Dio è una famiglia in continua crescita. È attraverso la condivisione delle nostre benedizioni, anziché accumularle per noi, che possiamo partecipare all'opera di benvenuto di Dio nel mondo.

Durante questo periodo di buoni propositi per il nuovo anno, vi chiedo di unirvi a me nel pensare a dove possiamo piantare i nostri semi di generosità. In quali ambiti della nostra vita potremmo raccogliere abbondanti benedizioni dando ciò che abbiamo a qualcun altro? Come questa famiglia, faremmo bene a dare ciò che abbiamo a coloro che sappiamo che metteranno a frutto.

Crediamo nella semina in un buon terreno dove avrà il maggiore impatto. Grazie per essere uno di quelli che danno così generosamente e così gioiosamente che gli altri possono conoscere il Dio che ci ama tutti. Uno dei nostri valori fondamentali nel WKG / GCI è quello di essere buoni amministratori in modo che il maggior numero possibile di conoscere il nome e la persona di Gesù Cristo.

In gratitudine e amore

Joseph Tkach
Presidente GRACE COMMUNION INTERNATIONAL