Gesù - la saggezza in persona!

456 Gesù la saggezza All'età di dodici anni, Gesù stupì gli insegnanti di legge nel tempio di Gerusalemme, impegnandosi in un dialogo teologico con loro. Ognuno di loro era stupito dalla loro intuizione e risposte. Luca conclude il suo racconto con le seguenti parole: «E Gesù aumentò in saggezza, età e grazia con Dio e gli uomini» (Luca 2,52). Ciò che ha insegnato ha testimoniato della sua saggezza. "Il sabato ha parlato nella sinagoga e molti di quelli che l'hanno ascoltato sono rimasti molto sorpresi. Si sono chiesti da dove l'ha preso? Qual è la saggezza che gli è stata data? E solo i miracoli che accadono attraverso di lui! » (Marco 6,2 Bibbia di buone notizie). Gesù insegnava spesso usando parabole. La parola greca "parabola" usata nel Nuovo Testamento è una traduzione del termine ebraico per "dire". Gesù non era solo un insegnante di sagge parole, ma viveva anche una vita secondo il Libro dei Proverbi di Salomone mentre lavorava sulla terra.

In questo libro incontriamo tre diversi tipi di saggezza. C'è la saggezza di Dio. Il Padre celeste è onnisciente. Secondo, c'è saggezza tra gli uomini. Questa è la sottomissione alla saggezza di Dio e alla realizzazione di obiettivi prefissati in virtù della sua saggezza. C'è un'altra forma di saggezza che leggiamo in tutto il Libro dei Proverbi.

Sicuramente hai notato che la saggezza è spesso personificata. Quindi ci incontra in Proverbi 1,20-24 in forma femminile e ci chiama a gran voce per strada per ascoltarla attentamente. Altrove nel Libro dei Proverbi, fa affermazioni che sono altrimenti sollevate solo da o per Dio. Molti detti corrispondono ai versetti del Vangelo di Giovanni. Di seguito una piccola selezione:

  • All'inizio era la parola ed era con Dio (Giovanni 1,1),
  • Il Signore aveva saggezza all'inizio delle sue vie (Proverbi 8,22: 23)
  • La Parola era con Dio (Giovanni 1,1),
  • La saggezza era con Dio (Proverbi 8,30),
  • La parola era co-creatore (Giovanni 1,1-3),
  • La saggezza era co-creatore (Proverbi 3,19),
  • Cristo è vita (Giovanni 11,25),
  • La saggezza crea la vita (Proverbi 3,16).

Ti rendi conto di cosa significhi? Gesù non solo era saggio e insegnava saggezza. Lui è saggezza! Paolo ne fornisce ulteriori prove: «Per coloro che, d'altro canto, che Dio ha chiamato, ebrei e non ebrei, Cristo dimostra di essere il potere e la saggezza di Dio» (1 Cor 1,24 Nuova traduzione di Ginevra). Quindi nel Libro dei Proverbi non ci imbattiamo solo nella saggezza di Dio, ma incontriamo la saggezza che è Dio.

Il messaggio migliora ancora. Gesù non è solo saggezza, è anche in noi e noi siamo in lui (Giovanni 14,20:1; 4,15 Giovanni). Si tratta di un'alleanza intima che ci collega al Dio uno e trino e non che cerchiamo di essere saggi come Gesù. Gesù Cristo stesso vive dentro e attraverso di noi (Galati 2,20). Ci permette di essere saggi. È onnipresente nel nostro io più intimo non solo come forza, ma anche come saggezza. Gesù ci esorta a usare la sua saggezza intrinseca in ogni situazione in cui ci troviamo.

Eterna, infinita saggezza

È difficile da capire, ma sorprendentemente, una tazza di tè caldo può aiutarci a capirlo meglio. Per la preparazione del tè, appendiamo una bustina di tè in una tazza e vi versiamo sopra dell'acqua bollente. Aspettiamo che il tè sia preparato correttamente. Durante questo periodo, i due componenti si mescolano. La gente diceva: "Sto preparando un'infusione", che riflette perfettamente il processo in atto. Un "getto" è la connessione a un'unità: quando bevi il tè, in realtà non stai consumando le foglie di tè; rimangono nella borsa. Bevi "acqua del tè", l'acqua insipida che si è combinata con le foglie di tè saporite e puoi goderti da te in questa forma.

Nell'alleanza con Cristo non prendiamo la sua forma fisica più di quanto l'acqua non assuma la forma delle foglie di tè. Né Gesù accetta la nostra identità, ma piuttosto collega la nostra vita umana con la sua inesauribile vita eterna, così da testimoniare il mondo con il nostro modo di vivere. Siamo uniti a Gesù Cristo, il che significa che la saggezza eterna e senza confini ci unisce.

La lettera colossiana ci rivela "In Gesù giacciono tutti i tesori della saggezza e della conoscenza" (Colossesi 2,3). Nascosto non significa che siano tenuti nascosti, ma piuttosto che vengano riposti come un tesoro. Dio ha aperto il coperchio del forziere e ci incoraggia a servirci secondo i nostri bisogni. È tutto lì. I tesori della saggezza sono pronti per noi. Alcune persone, d'altra parte, sono sempre alla ricerca di cose nuove e fanno pellegrinaggi da un culto o esperienza al successivo al fine di trovare i tesori della saggezza che il mondo ha da offrire. Ma Gesù ha tutti i tesori pronti. Abbiamo solo bisogno di lui da solo. Senza di lui siamo sciocchi. Tutto riposa in lui. Credici. Prendilo per te! Ricevi questa inestimabile verità, accetta e assorbi la saggezza attraverso lo Spirito Santo e diventa saggio.

Sì, Gesù rese giustizia sia al Nuovo che all'Antico Testamento. La legge, i profeti e le Scritture si adempirono in lui (la saggezza). È la saggezza della Scrittura.

di Gordon Green


pdfGesù - la saggezza in persona!