DNA della nuova creazione

612 dna della nuova creazioneCi dice Paolo, quando Gesù uscì dal sepolcro il terzo giorno all'alba grigia del nuovo mattino, divenne la primizia della nuova creazione: «Ora Cristo è risuscitato dai morti come primizia di coloro che si sono addormentati " (1. Corinzi 15,20).

Ciò ha uno stretto legame con l'affermazione che Dio disse il terzo giorno della genesi: «E Dio disse: Cresca la terra, l'erba e le erbe che portino seme, e gli alberi fruttiferi sulla terra, ciascuno dei quali dia frutto secondo la sua specie in cui è il loro seme. Ed è successo così »(1. Mose 1,11).

Non ci pensiamo quando le ghiande spuntano sulle querce e le nostre piante di pomodoro producono pomodori. Questo è nel DNA (l'informazione genetica) di una pianta. Ma a parte la creazione fisica e la contemplazione spirituale, la cattiva notizia è che tutti noi abbiamo ereditato il DNA di Adamo e il frutto di Adamo, il rifiuto di Dio e la morte, da lui. Abbiamo tutti la tendenza a rifiutare Dio e ad andare per la nostra strada.

La buona novella è: "Come tutti muoiono in Adamo, così in Cristo tutti riceveranno la vita" (1. Corinzi 15,22). Questo è ora il nostro nuovo DNA e questo è ora il nostro frutto, che, secondo la sua specie, è: "Ripieno del frutto di giustizia per mezzo di Gesù Cristo, a gloria e lode di Dio" (Filippesi 1,11).
Ora, come parte del corpo di Cristo, con lo Spirito in noi, riproduciamo i frutti secondo la sua specie - la specie di Cristo. Gesù usa anche l'immagine di se stesso come una vite e noi come tralci in cui produce frutti, gli stessi frutti che abbiamo visto che ha e che ora produce in noi.

«Rimani in me e io in te. Come il tralcio non può da sé dar frutto se non si attiene alla vite, così neanche tu puoi se non rimani con me. Io sono la vite, tu sei i rami. Chi rimane in me e io in lui porta molto frutto; poiché senza di me non potete far nulla» (Giovanni 15,4-5). Questo è il nostro DNA di nuova creazione.

Puoi stare certo che, nonostante le battute d'arresto, le brutte giornate, le brutte settimane e gli occasionali inciampi, come parte della seconda creazione, la nuova creazione, produrrai frutti "nel suo genere". I frutti di Gesù Cristo, a cui appartieni, sei in lui e che vive in te.

da Hilary Buck