Selbstbeherrschung

412 autocontrolloBasta dire di no? Ho un amico Il suo nome è Jimmy. Piace a tutti. È molto diligente, generoso e ha un buon senso dell'umorismo. Ma anche Jimmy ha un problema. Recentemente stava viaggiando su un'autostrada quando un veicolo ha spazzato di fronte a lui. Jimmy diede un calcio all'acceleratore e inseguì l'autista prepotente. Come il colpevole fermato a un semaforo rosso, Jimmy aveva piena sui freni. Scese dall'auto e si precipitò verso il veicolo che aveva di fronte, sbatté il finestrino laterale, infilò il braccio sanguinante attraverso il finestrino rotto e colpì il guidatore scioccato con un pugno. Ma la vendetta fu di breve durata. All'improvviso Jimmy lo afferrò per il petto e cadde a terra. Nel giro di un'ora ha dovuto subire un intervento chirurgico di bypass cinque volte sul cuore. Jimmy manca di autocontrollo. La maggior parte di noi colpisce esso pure. Non ha la rabbia, ma spesso è altrettanto distruttiva - la paura, amarezza, gola, invidia, orgoglio, la lussuria, l'abuso di droga, l'autocommiserazione e l'avidità.

In Proverbi 25,28 l'autocontrollo è paragonato alle mura di una città e il versetto ci avverte del pericolo di essere dominati da desideri e concupiscenze: "L'uomo che non può trattenere la sua ira è come una città aperta senza mura". Nei tempi antichi, le città erano murate per proteggere i cittadini dall'invasione nemica, da animali pericolosi e da altri intrusi indesiderati. Quando queste possenti fortificazioni sono state superate, le persone erano alla mercé dell'indifesa, come lo siamo noi quando non abbiamo il controllo delle nostre emozioni e dei nostri desideri. Quando permettiamo ai nostri impulsi egoistici di controllarci, apriamo la porta a bugie, insulti, odio, malattie, vergogna e possiamo causare gravi danni nella vita di altre persone1,23). Qual è la risposta per poter resistere ai nostri desideri distruttivi?

Autodisciplina? La forza di volontà? Fare uno sforzo? Basta dire "no"?

Il Nuovo Testamento ci dà un indizio importante su come vincere la battaglia per l'autocontrollo. L'autocontrollo è un frutto dello Spirito Santo (Galati 5,22-23). Non è il nostro duro lavoro, la nostra autodisciplina o la nostra determinazione, perché l'autocontrollo è determinato dallo Spirito Santo in noi. Lui è la fonte. La parola "autocontrollo" significa "avere il controllo" o "prendere in mano qualcosa". Lo Spirito Santo ci dà la capacità interiore di controllarci e di vivere in modo tale da non essere dominati dalle nostre emozioni e desideri egoistici (2. Timoteo 1,7). Non possiamo nemmeno dire "no" da soli. Tito ha scritto che la grazia di Dio ci mostra a rifiutare i desideri mondani e a vivere prudentemente e giustamente in questo mondo (Tito 2,11-12). Ma lo Spirito Santo non ci aiuta solo a resistere a una cattiva abitudine. Lo Spirito Santo opera in noi per cambiare noi stessi e sostituisce gli impulsi egoistici con la vita ispiratrice e potente di Gesù Cristo. Esercitiamo l'autocontrollo quando decidiamo - passo dopo passo - (lo Spirito Santo non prende il nostro libero arbitrio) di accettarlo come fonte della nostra vita e di non vivere secondo le nostre preferenze. Quando lo facciamo, il nostro comportamento diventerà simile a Cristo. Una lampadina elettrica indica che c'è elettricità - indichiamo che Gesù Cristo governa le nostre vite.

Come possiamo condurre una vita autocontrollata? Gesù ci mostra che c'era sempre un piano su come doveva essere l'uomo. Non si lasciava guidare dai suoi bisogni perché si affidava completamente a suo padre. Attraverso la battaglia spirituale più difficile, quando Satana ha provato Gesù nel deserto, abbiamo un'idea di come funziona l'autocontrollo. Dopo 40 giorni di digiuno, Gesù era stanco, solo e affamato. Satana intuì quale fosse il più grande bisogno di Gesù e colse questa opportunità per provare ciò di cui aveva più bisogno: il cibo. Ma Gesù rispose: "Sta scritto: Non di solo pane vive l'uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio" (Matteo 4,4). Nelle parole di Gesù troviamo una chiave per addestrare il nostro spirito attraverso la presenza dello Spirito Santo.

La fornitura interna

Nel Salmo 119,11 il salmista spiega: “Conservo la tua parola nel mio cuore per non peccare contro di te”. La parola di Dio deve essere ancorata nei nostri cuori. Non è sufficiente salvarlo in un notebook o in un programma per computer. Deve essere in noi. La parola "tenere" veniva usata quando tesori o provviste venivano nascosti o tenuti separatamente per essere preparati per future emergenze. Archiviamo la parola scritta di Dio facendo ciò che può sembrare strano alle orecchie moderne: la meditazione biblica. La meditazione è contemplare, pensare, ascoltare, interiorizzare e lasciare ripetutamente che i passaggi attraverso la mente attraversino le scritture in modo simile a come un cane rosicchia un osso. La meditazione ci permette di conservare la parola di Dio dove ha il maggiore impatto sulla nostra vita - nei nostri cuori (Proverbi 4,23). Coloro che ignorano la Bibbia permettono a vecchi schemi di pensiero sbagliato e abitudini distruttive incontrollate di riguadagnare autorità su di loro. Quando riempiamo e nutriamo la nostra mente con la Scrittura e la lasciamo radicare nei nostri cuori, la Parola di Dio diventa parte di noi e si manifesta naturalmente nelle nostre espressioni e azioni.

In Efesini 6,17 Paolo paragona la parola di Dio a una spada: "Prendete la spada dello Spirito, che è la parola di Dio". Paul probabilmente pensò alla corta spada dei soldati che indossavano sempre sul loro uomo, pronta all'uso in qualsiasi momento. Lo Spirito Santo ci aiuta a ricordare vividamente le Scritture4,26) raggiungendo la riserva di versi che conserviamo nel nostro cuore attraverso la meditazione e ci aiuta nelle emergenze facendoci balenare una parola nella mente o ricordandoci in modo soprannaturale un versetto o una promessa.

Dio ci ha creati con una varietà di temperamenti, emozioni e desideri. Questi devono essere tutti sotto controllo o finiranno per dominarci. L'autocontrollo è paragonato a un direttore d'orchestra sinfonica. Sotto la direzione di un direttore d'orchestra, un gran numero di musicisti di talento può suonare le note giuste al momento giusto con il giusto volume sui loro strumenti in modo che tutto suoni perfettamente. Allo stesso modo, i nostri desideri e i nostri desideri sono giustificati. L'autocontrollo è il bastone dello Spirito Santo nei nostri cuori, sotto la cui guida capace tutto rimane nel posto giusto e viene invocato al momento giusto. Essere autocontrollati significa essere guidati dallo Spirito Santo.

Preghiera: Caro padre, desidero vivere una vita controllata, ma non posso farlo senza di te. Ti ringrazio che mi hai già dato tutto ciò di cui ho bisogno per condurre una vita che ti sia gradita (2. Petrus 1,3). Per favore riempimi di forza interiore attraverso il tuo spirito (Efesini 3,16), in modo che io possa usare responsabilmente l'abilità che mi hai concesso! Custodisci la mia bocca e rafforzami affinché non soccomba ai desideri del corpo3,14). Consentimi di agire con prudenza e di essere chi sono veramente - tuo figlio (1. Johannes 3,1). sono nelle tue mani Vivi dentro e attraverso di me ora. Nel nome di Gesù, amen.

di Gordon Green

pdfSelbstbeherrschung


Autodisciplina e autocontrollo

Questi due termini non devono essere confusi l'uno con l'altro. L'autocontrollo nasce dalla presenza dello Spirito Santo in noi, mentre l'autodisciplina è solitamente imposta da fattori esterni - una dieta o esercizio fisico. Normalmente, ci sottomettiamo a una regola o regola la cui conformità temporanea riteniamo necessaria.