La benedizione di Gesù

093 Benedizione di Gesù

Spesso quando viaggio mi viene chiesto di parlare ai servizi ecclesiali, alle conferenze e alle riunioni del consiglio di Grace Communion International. A volte mi viene chiesto di dare la benedizione finale. Ricorro spesso alla benedizione di Aronne, che ha offerto ai figli d'Israele (l'anno dopo la loro fuga dall'Egitto e molto prima del loro ingresso nella Terra Promessa) nel deserto. A quel tempo, Dio insegnò a Israele come osservare la legge. La gente era instabile e piuttosto passiva (dopotutto, erano stati schiavi per tutta la vita!). Probabilmente pensavano: “Dio ci ha condotti fuori dall'Egitto attraverso il Mar Rosso e ci ha dato la sua legge. Ma ora siamo qui e continuiamo a vagare nel deserto. Qual è il prossimo? " Ma Dio non rispose rivelando loro in dettaglio il suo piano su di loro. Invece, li ha incoraggiati a guardare a lui con fede:

E il Signore parlò a Mosè, dicendo: Di' ad Aaronne e ai suoi figli, e di': Questo dirai agli Israeliti quando li benedirai: Il Signore vi benedica e vi protegga; il Signore faccia risplendere su di te il suo volto e ti faccia grazia; il Signore alzi su di te il suo volto e ti dia pace (4. Mose 6,22).

Vedo come Aaron sta con le braccia tese di fronte agli amati figli di Dio e parla di questa benedizione. Che onore deve essere stato per lui dare loro la benedizione del Signore. Come sapete, Aaron fu il primo sommo sacerdote della tribù levita:

Ma Aaronne fu messo a parte per santificare le cose più sante, lui e i suoi figli per sempre, per sacrificare davanti al Signore e per servirlo e benedirlo nel nome del Signore per sempre (1.Chr. 23,13).

Donare una benedizione è stato un atto di lode reverenziale in cui Dio è stato fatto per essere incoraggiante per il suo popolo - qui durante l'arduo esodo dall'Egitto alla Terra Promessa. Questa benedizione sacerdotale si riferiva al nome e alla benedizione di Dio, affinché il suo popolo potesse vivere nella certezza della grazia e della provvidenza del Signore.

Sebbene questa benedizione si applicasse prima di tutto alle persone esauste e scoraggiate nel loro viaggio attraverso il deserto, riconosco la loro relazione con noi oggi. Ci sono momenti in cui guardiamo incerti al futuro nel senso di vagare senza meta. Quindi abbiamo bisogno di parole incoraggianti per ricordarci che Dio ci ha benedetti e continua a diffondere la sua mano protettrice su di noi. Dobbiamo ricordare che egli ci mostra il suo volto, che è clemente e ci dona la sua pace. Soprattutto, non dobbiamo dimenticare che per amore ci ha mandato suo figlio Gesù Cristo - il grande e ultimo sommo sacerdote, che egli stesso adempie la benedizione di Aaronne.

La Settimana Santa (detta anche Settimana della Passione) inizia in circa una settimana con la Domenica delle Palme (ricordando l'ingresso trionfante di Gesù a Gerusalemme), seguita dal Giovedì Santo (in ricordo dell'Ultima Cena), il Venerdì Santo (il giorno della memoria che ci mostra la bontà verso di noi che si è rivelata nel più grande di tutti i sacrifici) e il Sabato Santo (ricordando la sepoltura di Gesù). Poi arriva l'ottavo giorno, la domenica di Pasqua, in cui celebriamo la risurrezione del nostro grande sommo sacerdote Gesù, il Figlio di Dio (Ebr. 4,14). Questo periodo dell'anno ci ricorda che siamo benedetti per sempre "con tutte le benedizioni spirituali in cielo per mezzo di Cristo" (Ef. 1,3).

Sì, viviamo tutti momenti di incertezza. Ma possiamo ricordare la grandezza di Dio che ci benedice in Cristo. Come un fiume potente, le cui acque sgorgano dalla sorgente lontano nella terra, il nome di Dio spiana la strada al mondo. Sebbene non ci rendiamo pienamente conto di questa direzione, siamo impressionati da ciò che ci viene rivelato. Dio ci sta veramente dando la sua benedizione. La Settimana Santa ci ricorda questo.

Anche se il popolo d'Israele udì la benedizione sacerdotale di Aronne e si sentì senza dubbio incoraggiato da essa, presto dimenticò le promesse di Dio. Ciò era in parte dovuto ai limiti, persino alle debolezze, del sacerdozio umano. Anche i sacerdoti migliori e più leali in Israele erano mortali. Ma Dio ha inventato qualcosa di meglio (un sommo sacerdote migliore). La Lettera agli Ebrei ci ricorda che Gesù, che è sempre vivo, è il nostro sommo sacerdote permanente:

Perciò può salvare per sempre anche coloro che per mezzo di lui si avvicinano a Dio, perché vive sempre per difenderli. Un tale sommo sacerdote era appropriato anche per noi: uno che è santo, innocente e immacolato, separato dai peccatori e più alto dei cieli [...] (Ebr. 7, 25-26; Bibbia di Zurigo).

L'immagine di Aronne che allarga le braccia su Israele in segno di benedizione ci rimanda a un sommo sacerdote ancora più grande, Gesù Cristo. La benedizione che Gesù dà al popolo di Dio va ben oltre la benedizione di Aronne (è più completa, più potente e più personale):

Metterò le mie leggi nelle loro menti e le scriverò nei loro cuori e sarò il loro Dio e loro saranno il mio popolo. E nessuno insegnerà al suo concittadino e nessuno al fratello con le parole: Conosci il Signore! Perché tutti mi conosceranno, dal più piccolo al più grande. Perché voglio trattare con grazia le loro iniquità e non ricordare più i loro peccati (Eb.8,10-12; Bibbia di Zurigo).

Gesù, il Figlio di Dio, parla di una benedizione del perdono che ci riconcilia con Dio e riporta in equilibrio la nostra relazione spezzata con Lui. È una benedizione che determina un cambiamento che raggiunge in profondità i nostri cuori e le nostre menti. Ci mette al seguito più intimo e alla comunione con l'Onnipotente. Attraverso il Figlio di Dio, nostro fratello, riconosciamo Dio come nostro Padre. Attraverso il suo Spirito Santo, diventiamo i suoi amati figli.

Quando penso alla Settimana Santa, mi viene in mente un'altra ragione per cui questa benedizione ha un grande significato per noi. Quando Gesù morì sulla croce, le sue braccia furono distese. La sua vita preziosa ci è stata sacrificata come una benedizione, una benedizione eterna che poggia sul mondo. Gesù ha chiesto al Padre di perdonarci in tutti i nostri peccati, poi è morto per vivere.

Dopo la sua risurrezione e poco prima della sua ascensione, Gesù ha dato un'altra benedizione:
E li condusse fuori fino a Betania, e alzò le mani e li benedisse; e avvenne che, mentre li benediceva, li separò e salì al cielo. Ma essi lo adorarono e tornarono a Gerusalemme con grande gioia (Lc 24,50-52).

In sostanza, Gesù disse ai suoi discepoli sia allora che ora: «Ti benedico io stesso e ti mantengo, lascio che il mio viso risplenda su di te e ti sono grato; Ti alzo il viso e ti do pace. »

Possiamo continuare a vivere sotto la benedizione del nostro Signore e Redentore, a prescindere dalle incertezze che incontriamo.

Con uno sguardo fedele a Gesù, ti saluto,

Joseph Tkach
Presidente GRACE COMMUNION INTERNATIONAL


pdfLa benedizione di Gesù