La brocca rotta

630 la brocca rotta C'era una volta un portatore d'acqua in India. Un pesante bastone di legno poggiava sulle sue spalle, a cui era attaccata una grande brocca d'acqua a sinistra ea destra. Ora una delle brocche aveva una crepa. L'altro, invece, era perfettamente formato e con esso il portatore d'acqua era in grado di fornire un'intera porzione d'acqua alla fine del suo lungo viaggio dal fiume alla casa del suo padrone. Nella brocca rotta, tuttavia, era rimasta solo la metà dell'acqua quando arrivò a casa. Per due anni interi, il portatore d'acqua ha consegnato al suo padrone una brocca piena e mezza piena. La perfetta delle due brocche era ovviamente molto orgogliosa del fatto che il portatore d'acqua potesse sempre portare una porzione piena d'acqua al suo interno. La brocca con il crack, però, si vergognava di essere buona solo la metà dell'altra a causa del suo difetto. Dopo due anni di vergogna, la brocca rotta non ce la faceva più e disse al suo portatore: "Mi vergogno tantissimo di me stessa e voglio scusarmi con te". Il portatore d'acqua guardò la brocca e chiese: “Ma per cosa? Di cosa ti vergogni? " «Non sono stato in grado di trattenere l'acqua per tutto il tempo, quindi puoi portarne solo la metà a casa del tuo padrone tramite me. Devi lavorare sodo, ma non ottieni la paga piena perché ne consegni solo una e mezza invece di due brocche d'acqua ". disse la brocca. Il portatore d'acqua era dispiaciuto per la vecchia brocca e voleva consolarlo. Così disse: "Quando andiamo a casa del mio padrone, fai attenzione ai meravigliosi fiori di campo sul ciglio della strada". La brocca riuscì a sorridere un po 'e così si avviarono. Alla fine del percorso, tuttavia, la brocca si sentiva abbastanza infelice ancora e ancora contrita si scusò con il portatore d'acqua.

Ma lui rispose: “Hai visto i fiori di campo sul ciglio della strada? Hai notato che crescono solo sul tuo lato della strada, non quello su cui porto l'altra brocca? Sapevo del tuo salto dall'inizio. E così ho raccolto dei semi di fiori selvatici e li ho sparsi sul tuo lato della strada. Ogni volta che siamo corsi a casa del mio padrone, l'hai annaffiata. Ho potuto raccogliere ogni giorno alcuni di questi meravigliosi fiori e usarli per decorare la tavola del mio maestro. Hai creato tutta questa bellezza. "

Autore sconosciuto