Il regno di Dio <abbr> (parte 4)

Nell'ultimo episodio, abbiamo esaminato la misura in cui la promessa del regno imminente di Dio nella sua pienezza può servire come fonte di grande speranza per noi credenti. In questo articolo, vogliamo approfondire il modo in cui rappresentiamo quella speranza.

Come sosteniamo il futuro regno di Dio

Come dovremmo, come credenti, comprendere la nostra relazione con un impero che la Bibbia dice che è già presente ma deve ancora venire? Voglio dire, possiamo farlo sulla base di Karl Barth, TF Torrance e George Ladd (Altri potrebbero anche essere citati qui) descrivono come segue: Siamo chiamati a condividere le benedizioni del prossimo regno di Cristo e testimoniare in modo provvisorio e temporaneo. Proprio come stiamo attualmente percependo e riflettendo il Regno di Dio nelle nostre azioni, che sono al servizio del lavoro continuo di Gesù in virtù del suo Spirito Santo, siamo eloquenti testimoni di come potrebbe apparire il futuro. Un testimone non testimonia per se stesso, ma per testimoniare di qualcosa di cui ha personalmente acquisito conoscenza. Allo stesso modo, un segno non si riferisce a se stesso, ma a qualcos'altro e più importante. Come cristiani, testimoniamo ciò che viene chiamato - il futuro regno di Dio. La nostra testimonianza è quindi importante, ma è soggetta ad alcune restrizioni: in primo luogo, la nostra testimonianza serve solo in parte come indicatore del futuro impero. Non contiene tutta la sua verità e realtà, e questo non è affatto possibile. Le nostre azioni non possono rivelare pienamente il regno di Cristo, che è ancora in gran parte nascosto, in tutta la sua perfezione. Le nostre parole e azioni possono persino mascherare alcuni aspetti dell'impero, evidenziandone altri. Nel peggiore dei casi, i nostri diversi file di testimonianze possono sembrare completamente incoerenti, forse persino contraddicersi a vicenda. Potremmo non essere in grado di ottenere una soluzione completa per ogni problema, per quanto sinceramente, impegnati o abilmente cerchiamo di farlo. In alcuni casi, ogni opzione che viene fuori può essere inevitabilmente tanto utile quanto dannosa. In un mondo peccaminoso, una soluzione perfetta non è sempre possibile nemmeno per la chiesa. E così la testimonianza che ha dato sarà incompleta solo in questo momento mondiale.

Secondo, la nostra testimonianza ci dà solo una visione limitata del futuro, che ci dà solo un assaggio del futuro regno di Dio. In tutta la sua realtà, tuttavia, al momento non è in grado di afferrarci. Vediamo "solo un'immagine poco chiara" (1 Corinti 13,12; Bibbia di buone notizie). Ecco come dovrebbe essere compreso quando parliamo di una visione "provvisoria": in terzo luogo, la nostra testimonianza è limitata nel tempo. Le opere vanno e vengono. Alcune cose fatte nel nome di Cristo possono durare più a lungo di altre. Parte di ciò che testimoniamo con le nostre azioni potrebbe essere solo fugace e non permanente. Ma intesa come un segno, la nostra testimonianza non deve essere valida una volta per tutte per fare riferimento a ciò che è veramente permanente, l'eterno regno di Dio attraverso Cristo nello Spirito Santo, quindi la nostra testimonianza non è né universale né completa, esaustiva o indiscutibile, sebbene abbia un grande, anzi indispensabile valore, perché lo ottiene dalla relazione con la futura realtà del Regno di Dio.

Due false soluzioni riguardanti il ​​complesso tema del regno di Dio già esistente ma non ancora completato. Qualcuno potrebbe chiedere: "Che poi è il nostro presente e il nostro esperienza maturata Testify vale la pena se non bersaglio il regno stesso? Allora perché preoccuparsi di questo? Che uso avrà? ? Se non siamo in grado di produrre l'ideale, perché dovremmo investire un grande sforzo così in un progetto o per spendere così tante risorse "Altri possono forse rispondono:" Non saremmo chiamati da Dio, se fosse meno che al Raggiungere un ideale e il completamento di qualcosa di perfetto. Con il suo aiuto, possiamo continuamente lavorare per la realizzazione del regno di Dio sulla terra "Le reazioni in relazione alla complessa questione di" pre-esistente, ma non ancora completato "Impero hanno per lo più in modo diverso nella storia delle risposte della chiesa come citato sopra, prodotta. E questo nonostante gli avvertimenti in corso su questi due approcci, che identificano come gravi errori. Ufficialmente, si parla di trionfalismo e quietismo in questo senso.

trionfalismo

Alcuni che non sono confortevoli di essere semplicemente ridotta alla percezione e realizzazione di personaggi insistono nel regno di Dio - anche se con l'aiuto di Dio - anche per costruire. Possono per esempio, non essere dissuasi, ci potrebbe in realtà essere "cambia il mondo." Ciò, se solo la gente abbastanza per la causa di Cristo sarebbero prescrivere con tutto il cuore e sarebbe disposto a pagare il prezzo necessario. Così, se solo numero sufficiente di persone senza sosta e sinceramente abbastanza provato e, inoltre, conoscere le procedure ei metodi giusti, il nostro mondo sarebbe diventato sempre più trasformato in quel perfetto Regno di Dio. Cristo sarà quando il regno avrebbe ricevuto attraverso i nostri sforzi suo completamento graduale ritorno. Tutto questo è ovviamente solo con l'aiuto di Dio per raggiungere.

Sebbene non sia dichiarato apertamente, questa visione del regno di Dio presuppone che ciò che abbiamo realizzato sia dovuto al potenziale che Gesù Cristo ha reso possibile attraverso la sua opera sulla terra e i suoi insegnamenti, ma in realtà non lo ha fatto. Cristo nella forma della vittoria ha vinto, ora possiamo sfruttare il potenziale che ha reso possibile o realizzato.

La risposta del trionfalista tende a mettere in evidenza in particolare quegli sforzi che promettono di apportare cambiamenti nell'area della giustizia sociale e della moralità pubblica, così come le relazioni private e il comportamento morale. Il reclutamento di cristiani per tali programmi si basa solitamente sul fatto che Dio dipende in un certo senso da noi. Sta solo cercando "eroi". Ci ha dato l'ideale, il progetto preliminare, persino il piano del suo regno, e spetta alla Chiesa metterlo in pratica. Ci viene quindi dato il potenziale per realizzare ciò che è già dato alla perfezione. Questo ci riuscirà se saremo solo convinti che è così, e veramente e veramente restiamo indietro mostrando a Dio quanto siamo veramente grati a Lui per tutto ciò che ha fatto, in modo che possiamo realizzare l'ideale. Di conseguenza, siamo in grado di colmare il divario tra il "reale" e l'ideale di Dio - quindi affrontiamolo!

La pubblicità per il programma del trionfalista è spesso alimentata dalle seguenti critiche: la ragione è che i non credenti non aderiscono al programma e semplicemente non diventano cristiani o seguono Cristo. E inoltre, che la Chiesa non stava facendo abbastanza per rendere il regno una realtà e quindi dare uno spazio perfetto alla vita di Dio nel qui e ora. Il ragionamento va ancora oltre: ci sono così tanti cristiani nominali (cioè solo per nome) e veri ipocriti all'interno della Chiesa che, proprio come insegnò Gesù, non sono attaccati all'amore e si battono per la giustizia, così che i non credenti si rifiutano di unirsi - e questo può essere detto solo con pieno diritto! Si sostiene inoltre che i colpevoli del fatto che i non credenti non diventino cristiani si trovano principalmente tra i cristiani senza cuore, di fede debole o ipocriti. Questo problema può quindi essere risolto solo se tutti i cristiani sono infettati dall'entusiasmo e diventano cristiani veramente convinti e intransigenti che sanno come attuare perfettamente il Regno di Dio nel qui e ora. Il Vangelo di Cristo convincerà gli altri solo se i cristiani attuano la volontà di Dio e il modo di vivere che promuove in modo esemplare in misura molto maggiore rispetto a prima, perché in questo modo riconosceranno e crederanno nella gloria di Gesù Cristo. Per rafforzare questo argomento, spesso si usano, qui in modo errato, le parole di Gesù: "Questo dirà a tutti che siete miei discepoli se avete amore gli uni per gli altri" (Giovanni 13,35). Da ciò si conclude quindi che gli altri non arrivano a credere, e in effetti non possono farlo, se non abbiamo abbastanza amore. Il tuo cammino verso la fede dipende dalla misura in cui noi, come Cristo, ci tratteremmo a vicenda con amore.

Queste parole di Gesù (Giovanni 13,35) non significa che altri possano crederci, ma solo che saranno riconosciuti come suoi nel seguire Gesù, perché, come lui, praticano l'amore. Egli sottolinea quindi che la nostra cooperazione nell'amore può servire a riferire gli altri a Cristo. È meraviglioso! Chi non voleva aderire? Tuttavia, dalle sue parole non è chiaro che la fede / salvezza degli altri dipende dalla misura in cui i suoi discepoli si amano. Basandosi su questo versetto, è logicamente sbagliato trarre la conclusione opposta se coloro che seguono Cristo non hanno amore, altri non possono riconoscerlo come tale e di conseguenza non credono in lui. In tal caso, Dio non sarebbe più fedele di noi. Le parole "se siamo infedeli, rimane fedele" (2 Timoteo 2,13) non si applica. Tutti coloro che sono venuti alla fede hanno riconosciuto che la Chiesa nel suo insieme, come i suoi singoli membri, è intrappolata in contraddizioni e imperfetto. Si fidavano del loro Signore perché allo stesso tempo riconoscevano la differenza tra colui che lodava e quelli che lo lodavano. Basta mettere in discussione la propria convinzione e vedere se non lo fa. Dio è più grande della nostra testimonianza di se stesso, è più fedele di noi. Certo, questa non è una scusa per essere testimoni senza fede del perfetto amore di Cristo.

quietismo

All'altro estremo dello spettro, dove troviamo la risposta del Quietismo, alcuni hanno affrontato il complesso problema del Regno di Dio già esistente ma non ancora completato affermando che al momento non si può fare molto. Per loro, la gloria sta solo nel futuro. Cristo avrebbe vinto la vittoria nel corso del suo ministero sulla terra, e solo lui un giorno avrebbe portato a compimento in tutta la sua perfezione. Stiamo semplicemente aspettando il ritorno di Cristo per portarci in paradiso, forse dopo alcuni anni di regno terreno. Mentre i cristiani già compreso soprattutto scadenza nei alcuni doni benedizione qui e ora, come ad esempio il perdono dei peccati, sarebbe stata data alla creazione della natura tutte le istituzioni sociali, culturali, scientifici ed economici della corruzione e del male. Tutto questo non può e non sarà salvato. Per quanto riguarda l'eternità, non vi è alcun provvedimento per il bene di tutto ciò. Solo la dannazione può essere consegnata all'ira di Dio e portata alla sua fine assoluta. Per la maggior parte, le persone dovrebbero essere rimosse da questo mondo peccaminoso in modo che possano essere salvate. Occasionalmente, a questo approccio silenzioso viene insegnata una forma di separatismo. Di conseguenza, dobbiamo rinunciare all'aspirazione mondana di questo mondo e tenerci lontani da esso. Secondo altre quietisti che Hoffnungsund permette impotenza di questo mondo, la conclusione che si poteva tenere indenne in molti modi su di lei, perché era irrilevante, infine, perché in ultima analisi tutto sarebbe già consegnato alla corte. Per altri, un approccio passivo e silenzioso significa che, nel migliore dei casi, i cristiani dovrebbero dare l'esempio a se stessi o alla comunità, separati dal resto del mondo. L'enfasi qui è spesso sulla morale personale, familiare e della chiesa. Tuttavia, gli sforzi diretti per esercitare influenza o per provocare cambiamenti al di fuori della comunità cristiana sono in gran parte considerati credibili, a volte persino condannati. Si sostiene che il coinvolgimento diretto della cultura circostante, che è caduta nell'incredulità, porterà solo al compromesso e, in definitiva, al fallimento. Quindi, la dedizione personale e la purezza morale sono i temi dominanti.

Spesso questa lettura della fede, la fine della storia, è considerata come la fine della creazione. Lei sarà distrutta. L'esistenza di tempo e spazio quindi non esiste più. Alcuni, i fedeli, sarebbero sollevati da questo processo di dissoluzione ed essere portati alla realtà perfetta, pura, spirituale di un'esistenza eterna e celeste con Dio. Questi due estremi sono rappresentativi delle tendenze. Nella chiesa molte varianti e posizioni intermedie fanno scuola. Ma la maggior parte di loro si sposta da qualche parte all'interno di questo spettro e tende a uno o all'altro lato. La posizione trionfalista tende ad attrarre le persone con una struttura di personalità ottimista e "idealistica", mentre i quietisti hanno maggiori probabilità di trovare il loro più grande sostegno tra i pessimisti oi "realisti". Ma ancora una volta, queste sono generalizzazioni approssimative che non affrontano un raggruppamento specifico che si addice all'estremo o all'altro. Queste sono tendenze che, in un modo o nell'altro, stanno effettivamente cercando di semplificare il complesso problema della realtà e realtà del Regno di Dio, già esistente ma non ancora del tutto evidente.

Un'alternativa al trionfalismo e al quietismo

Tuttavia, v'è una più compatibile con il biblico così come teologica posizione alternativa dottrina che non si occupa solo i due estremi, ma solo già preso in considerazione l'idea di un tale polarizzazione è sbagliato, perché questa rivelazione biblica nella sua estensione non è giusto. Il trionfalista e il quietista alternativa e fuori tra le rispettive discussioni rappresentanti di opinione supporre che il complesso verità del Regno di Dio esige da noi, per la controversia a prendere una posizione. O Dio realizza tutto da solo o spetta a noi realizzarlo. Queste due prospettive danno l'impressione che dobbiamo identificarci come attivisti o prendere un ruolo relativamente passivo se non ci piace stabilirci da qualche parte nel mezzo. La posizione biblica relativa al regno di Dio già esistente ma non ancora perfezionato è complessa. Ma non c'è motivo per nessuna tensione. Non si tratta di bilanciare o di fare una qualsiasi posizione intermedia tra i due estremi. Non c'è tensione tra il tempo presente e il tempo futuro. Piuttosto, siamo chiamati a vivere in questo già realizzato ma non ancora perfetto qui e ora. Viviamo attualmente in uno stato di speranza che, come abbiamo visto nella seconda parte di questa serie di articoli, può essere riprodotto in modo figurato piuttosto bene con il concetto di patrimonio. Siamo attualmente nella certezza di essere in possesso del nostro patrimonio, anche se ci è ancora negato l'accesso ai suoi frutti, di cui in futuro parteciperemo pienamente. Nel prossimo articolo di questa serie, andremo a significa vivere nel qui e ora nella speranza del completamento del futuro regno di Dio.

dal dr. Gary Deddo


pdf Il regno di Dio (Teil 4)