La relazione di Dio con la sua gente

431 La relazione di Dio con la sua genteLa storia di Israele può essere riassunta solo nella parola fallimento. La relazione di Dio con il popolo d'Israele è indicata nei libri di Mosè come un'alleanza, una relazione in cui sono stati fatti voti di fedeltà e promesse. Tuttavia, come mostra la Bibbia, ci sono stati numerosi casi di fallimento degli israeliti. Non si fidavano di Dio e si lamentavano delle azioni di Dio. Il loro tipico comportamento di sfiducia e disobbedienza attraversa l'intera storia di Israele.

La fedeltà di Dio è il punto culminante nella storia del popolo d'Israele. Da questo oggi traiamo grande fiducia. Poiché allora Dio non rigettò il suo popolo, non rifiuterà nemmeno noi, anche se attraversiamo momenti di fallimento. Potremmo provare dolore e sofferenza per scelte sbagliate, ma non dobbiamo temere che Dio non ci amerà più. È sempre leale.

Prima promessa: un leader

Durante il tempo dei giudici, Israele era costantemente in un ciclo di disobbedienza - oppressione - pentimento - liberazione. Dopo la morte del rispettivo leader, il ciclo è ricominciato da capo. Dopo molti di questi eventi, il popolo chiese al profeta Samuele un re, una famiglia reale, in modo che ci fosse sempre un discendente a guidare la generazione successiva. Dio spiegò a Samuele: “Non hanno rigettato te, ma me, affinché non fossi più re su di loro. Ti trattano come hanno sempre fatto dal giorno che li ho fatti uscire dall'Egitto fino a questo giorno in cui mi hanno lasciato e hanno servito altri dèi»(1. Sam 8,7-8). Dio era la loro guida invisibile, ma la gente non si fidava di lui. Pertanto, Dio diede loro una persona che fungesse da mediatore che, come rappresentante, potesse governare il popolo per suo conto.

Saul, il primo re, fu un fallimento perché non si fidava di Dio. Quindi Samuele unse re Davide. Sebbene Davide avesse fallito nei modi peggiori della sua vita, il suo desiderio era principalmente diretto ad adorare e servire Dio. Dopo essere stato ampiamente in grado di assicurare pace e prosperità, ha offerto a Dio di costruirgli un grande tempio a Gerusalemme. Questo dovrebbe essere un simbolo di costanza, non solo per la nazione ma anche per la loro adorazione del vero Dio.

In un gioco di parole ebraico, Dio disse: "No, Davide, non mi edificherai una casa. Sarà il contrario: io ti edificherò una casa, la casa di Davide. Sarà un regno eterno e uno dei tuoi discendenti mi edificherà il tempio»(2. Sam 7,11-16, proprio riassunto). Dio usa la formula dell'alleanza: "Voglio essere suo padre ed egli sarà mio figlio" (V 14). Promise che il regno di Davide sarebbe durato per sempre (V 16).

Ma nemmeno il tempio durò per sempre. Il regno di Davide cadde sotto - religiosamente e militarmente. Che fine ha fatto la promessa di Dio? Le promesse fatte a Israele si adempirono in Gesù. È al centro della relazione di Dio con il suo popolo. La sicurezza che le persone cercavano poteva essere trovata solo in una persona che esiste in modo permanente ed è sempre fedele. La storia di Israele indica qualcosa di più grande di Israele, ma fa anche parte della storia di Israele.

Seconda promessa: la presenza di Dio

Durante il peregrinare nel deserto del popolo d'Israele, Dio abitò nel tabernacolo: "Mi aggiravo in una tenda come in un appartamento" (2. Sam 7,6). Il tempio di Salomone fu costruito come nuova dimora di Dio e "la gloria del Signore riempì la casa di Dio" (2. Chr 5,14). Questo doveva essere inteso simbolicamente, poiché la gente sapeva che il cielo e tutto il cielo il cielo non sarebbe stato in grado di afferrare Dio (2. Chr 6,18).

Dio ha promesso di abitare per sempre tra gli Israeliti se gli avessero obbedito (1. re 6,12-13). Tuttavia, poiché gli disubbidirono, decise "che le avrebbe fatte dalla sua faccia" (2. Re 24,3), cioè li fece portare in cattività in un altro paese. Ma ancora una volta Dio rimase leale e non rifiutò il suo popolo. Ha promesso che non avrebbe cancellato il suo nome (2. Re 14,27). Si sarebbero pentiti e avrebbero cercato la sua presenza, anche in terra straniera. Dio aveva promesso loro che se fossero tornati da lui, li avrebbe riportati nel loro paese, simboleggiando il ripristino del rapporto (5. Mosè 30,1: 5; Neemia 1,8-9).

Terza promessa: una casa eterna

Dio promise a Davide: "E io darò al mio popolo Israele un luogo e lo pianterò, affinché vi abitino, e non abbiano più paura, e i violenti non lo strofinino più come prima" (1. Cr 17,9). Questa promessa è sorprendente perché compare in un libro scritto dopo l'esilio di Israele. La storia del popolo di Israele punta al di là della sua storia: è una promessa che deve ancora essere adempiuta. La nazione aveva bisogno di un leader che discendesse da Davide e tuttavia più grande di Davide. Avevano bisogno della presenza di Dio, che non era solo simboleggiata in un tempio, ma sarebbe stata una realtà per tutti. Avevano bisogno di un paese in cui la pace e la prosperità non solo durassero, ma un cambiamento in tutto il mondo in modo che non ci fosse mai repressione. La storia di Israele indica una realtà futura. Eppure c'era una realtà anche nell'antico Israele. Dio aveva stretto un'alleanza con Israele e l'ha osservata fedelmente. Erano il suo popolo anche quando disobbedivano. Sebbene molte persone si siano allontanate dalla retta via, ce ne sono state anche molte che sono rimaste ferme. Sebbene siano morti senza vedere il compimento, vivranno di nuovo per vedere il Leader, la terra e, soprattutto, il loro Salvatore e avere la vita eterna alla Sua presenza.

di Michael Morrison


pdfLa relazione di Dio con la sua gente