Cinque principi basilari di adorazione

490 principi basilari di adorazioneGlorifichiamo Dio con la nostra adorazione perché Gli rispondiamo come è giusto. Merita elogi non solo per il suo potere ma anche per la sua gentilezza. Dio è amore e tutto ciò che fa è per amore. Questo è degno di lode. Lodiamo persino l'amore umano! Lodiamo le persone che dedicano la loro vita ad aiutare gli altri. Non hai avuto abbastanza forza per salvarti, ma la usi per aiutare gli altri: è lodevole. Al contrario, critichiamo le persone che avevano la capacità di aiutare gli altri ma si sono rifiutate di farlo. La gentilezza merita più lodi che potere. Dio ha entrambe le cose perché è gentile e potente.

La lode approfondisce il legame d'amore tra noi e Dio. L'amore di Dio per noi non svanisce mai, ma il nostro amore per lui spesso diventa debole. In lode, lasciamo che il suo amore per noi risuoni e di fatto accenda il fuoco dell'amore per lui che lo Spirito Santo ha investito in noi. È bello ricordare e ripetere quanto è meraviglioso Dio perché ci rafforza in Cristo e aumenta il nostro desiderio di diventare come Lui nella sua bontà, che aumenta anche la nostra gioia.

Siamo fatti per proclamare le benedizioni di Dio (1. Petrus 2,9) per lodarlo e onorarlo - e più siamo d'accordo con lo scopo di Dio per la nostra vita, maggiore sarà la nostra gioia. La vita è più appagante quando facciamo ciò per cui siamo stati creati: onorare Dio. Lo facciamo non solo nei nostri servizi di culto, ma anche attraverso il modo in cui viviamo.

Il modo di vivere dell'adorazione

Servire Dio è uno stile di vita. Offriamo i nostri corpi e le nostre menti come sacrifici (Romani 12,1-2). Serviamo Dio nella predicazione del Vangelo (Romani 1 Cor5,16). Serviamo Dio quando facciamo donazioni (Filippesi 4,18). Serviamo Dio quando aiutiamo altre persone (Ebrei 13,16). Dichiariamo che merita il nostro tempo, attenzione e lealtà. Lodiamo la sua gloria e umiltà per essere diventato uno di noi per il nostro bene. Lodiamo la sua giustizia e la sua misericordia. Lo lodiamo perché è quello che è.

Per questo siamo fatti annunciare la sua gloria. È giusto che noi lodiamo Colui che ci ha creati, che è morto e risorto per noi per salvarci e dare la vita eterna, che ora sta lavorando per aiutarci a diventare come lui. Gli dobbiamo la nostra lealtà e il nostro amore.

Siamo fatti per lodare Dio e lo faremo sempre. L'apostolo Giovanni ricevette una visione del nostro futuro: «E ogni creatura che è nei cieli e sulla terra e sotto la terra e sul mare e tutto ciò che è in esso ho udito dire: A colui che siede sul trono e al Agnello sii lode e onore e lode e potenza nei secoli dei secoli! " (Epifania 5,13). Questa è la risposta appropriata: rispetto per chi è dovuto, onore a chi è dovuto e lealtà a chi è dovuto.

Cinque principi di base

Salmo 33,13 ci esorta: “Rallegratevi nel Signore, giusti; lo lodino i giusti. Rendete grazie al Signore con le arpe; cantate a lui lodi sul salterio di dieci corde. Cantagli una nuova canzone; suona bene sulle corde con un suono allegro!" La Scrittura ci insegna a cantare ed esultare di gioia, a usare arpe, flauti, tamburelli, tromboni e cembali - persino a ballare per adorarlo (Salmo 149-150). L'immagine è di esuberanza, di gioia e felicità irrefrenabili, che si esprime senza riserve.

La Bibbia ci mostra esempi di adorazione spontanea. Contiene anche esempi di adorazione molto formale, con routine consolidate che sono state seguite per secoli. Entrambe le forme di culto possono avere la loro giustificazione; nessuno può pretendere di essere l'unico vero diritto di lodare Dio. Di seguito, vorrei illustrare alcuni dei principi di base che sono importanti nel culto.

1. Siamo chiamati ad adorare

Dio vuole che lo adoriamo. Questa è una costante che possiamo leggere dall'inizio alla fine della Bibbia (1. Mose 4,4; John 4,23; Apocalisse 22,9). Il culto di Dio è uno dei motivi per cui siamo chiamati: a proclamare la sua gloria [i suoi favori] (1. Petrus 2,9). Il popolo di Dio non solo Lo ama e Gli obbedisce, ma compie anche atti di adorazione. Si sacrifica, canta inni di lode, prega.

Vediamo un'ampia varietà di modi in cui il culto può aver luogo nella Bibbia. Molti dettagli sono stati stabiliti nella legge di Mosè. Alcune persone sono state incaricate di eseguire azioni prescritte in determinati momenti e in determinati luoghi. Al contrario, vediamo in 1. Il Libro di Mosè insegnava che i patriarchi avevano poche regole da tenere a mente nel loro culto. Non avevano un sacerdozio designato, erano locali e avevano poche istruzioni su cosa e quando sacrificare.

C'è anche poca discussione nel Nuovo Testamento su come e quando il culto dovrebbe aver luogo. Le attività di culto non sono limitate a un gruppo o luogo specifico. Cristo ha abolito i requisiti del mosaico. Tutti i credenti sono sacerdoti e si offrono costantemente come sacrifici viventi.

2. Solo Dio può essere adorato

Sebbene ci sia una grande varietà di forme di culto, vediamo una semplice costante che attraversa l'intera scrittura: solo Dio può essere adorato. Il culto è accettabile solo se è esclusivo. Dio richiede tutto il nostro amore - tutta la nostra fedeltà. Non possiamo servire due dei. Sebbene possiamo adorarlo in modi diversi, la nostra unità si basa sul fatto che lui è quello che adoriamo.

Nell'antica Israele, Baal, una divinità cananea, era spesso adorato in competizione con Dio. Ai tempi di Gesù erano tradizioni religiose, ipocrisia e ipocrisia. Tutto tra noi e Dio - tutto ciò che ci impedisce di obbedirgli - è un falso dio, un idolo. Per alcuni è il denaro; per altri è il sesso. Alcuni hanno un grosso problema con orgoglio o preoccupazione per la loro reputazione con gli altri. L'apostolo Giovanni ha descritto alcuni dei soliti falsi dei in una delle sue lettere:

Non amare il mondo! Non appendere il tuo cuore a ciò che appartiene al mondo! Quando qualcuno ama il mondo, l'amore per il proprio Padre non ha posto nella sua vita. Perché nulla di ciò che caratterizza questo mondo viene dal Padre. Che si tratti dell'avidità dell'uomo egoista, dei suoi sguardi avidi o dei suoi diritti e possedimenti per vantarsi, tutto questo ha le sue origini in questo mondo. E il mondo con i suoi desideri passa; ma chi fa come Dio vuole, vivrà in eterno. (1. Johannes 2,15-17 Nuova traduzione di Ginevra).

Non importa quale sia la nostra debolezza, dobbiamo crocifiggere, uccidere, rimuovere tutti i falsi dei. Se qualcosa ci impedisce di obbedire a Dio, dobbiamo liberarcene. Dio vuole persone che adorano solo lui, che lo hanno come il centro della loro vita.

3. sincerità

La terza costante di adorazione che la Bibbia ci dice è che la nostra adorazione deve essere sincera. Non c'è valore nel farlo solo per il gusto della forma, cantando le canzoni giuste, raccogliendoci nei giorni giusti e pronunciando le parole giuste, ma non amando Dio di cuore. Gesù ha criticato coloro che hanno onorato Dio con le loro labbra, ma la cui adorazione è stata vana perché i loro cuori erano lontani da Dio. Le loro tradizioni, originariamente concepite per esprimere amore e adorazione, si dimostrarono ostacoli al vero amore e al culto.

Gesù sottolinea anche la necessità della sincerità quando dice che Dio deve essere adorato in spirito e verità (Giovanni 4,24). Se affermiamo di amare Dio ma rifiutiamo i suoi comandamenti, siamo ipocriti. Se apprezziamo la nostra libertà al di sopra della sua autorità, non possiamo veramente adorarlo. Non possiamo prendere in bocca la sua alleanza e gettare le sue parole dietro di noi (Salmo 50,16: 17). Non possiamo chiamarlo Signore e ignorare le sue istruzioni.

4. obbedienza

È evidente in tutta la Bibbia che la vera adorazione e l'ubbidienza vanno di pari passo. Questo è particolarmente vero per la Parola di Dio in relazione al modo in cui ci trattiamo l'un l'altro. Non possiamo onorare Dio se disprezziamo i suoi figli. «Se qualcuno dice: amo Dio e odia suo fratello, è bugiardo. Chi infatti non ama il fratello che vede, non può amare Dio che non vede»(1. Johannes 4,20-21). Isaia descrive una situazione simile con critiche pungenti alle persone che osservano i rituali di culto mentre praticano l'ingiustizia sociale:

Non fare più offerte di pasti così inutili! odio l'incenso! Lune nuove e sabati, quando vi riunite, non mi piacciono i sacrilegi e le assemblee festive! La mia anima è nemica delle tue lune nuove e delle feste annuali; sono un peso per me, sono stanco di portarli. E anche se stendi le mani, ti nasconderò i miei occhi; e anche se preghi molto, continuo a non sentirti (Isaia 1,11-15).

Per quanto ne sappiamo, non c'era niente di sbagliato nei giorni che le persone conservavano o nei tipi di incenso o negli animali che sacrificavano. Il problema era con il loro modo di vivere il resto del tempo. "Le tue mani sono piene di sangue!" disse (versetto 15) - e il problema non riguardava solo i veri assassini.

Ha chiesto una soluzione globale: «Lascia andare il male! Impara a fare il bene, lotta per la giustizia, aiuta gli oppressi, crea giustizia per gli orfani, guida la causa delle vedove!" (Versetti 16-17). Dovevano mettere ordine nelle loro relazioni interpersonali. Hanno dovuto liberarsi di pregiudizi razzisti, stereotipi di classe sociale e pratiche economiche sleali.

5. Colpisce tutta la vita

L'adorazione dovrebbe influenzare il modo in cui interagiamo tra loro ogni sette giorni alla settimana. Vediamo questo principio in tutta la Bibbia. Come dovremmo adorare? Il profeta Michea ha posto questa domanda e ha anche scritto la risposta:

Come dovrei avvicinarmi al Signore, inchinarmi davanti al Dio sommo? Devo avvicinarmi a lui con olocausti e vitelli di un anno? Il Signore si compiacerà di molte migliaia di montoni, di innumerevoli fiumi d'olio? Devo dare il mio primogenito per la mia trasgressione, il frutto del mio corpo per il mio peccato? Ti è stato detto, uomo, ciò che è buono e ciò che il Signore ti chiede, cioè di osservare la parola di Dio e praticare l'amore ed essere umile davanti al tuo Dio (Michea 6,6-8).

Il profeta Osea ha anche sottolineato che le relazioni sono più importanti del sistema di culto: "Mi piace l'amore e non il sacrificio, la conoscenza di Dio e non l'olocausto" (Osea 6,6). Oltre a lodare Dio, siamo chiamati a compiere opere buone (Efesini 2,10). La nostra idea di culto deve andare ben oltre la musica, i giorni e i rituali. Questi dettagli non sono importanti quanto il modo in cui trattiamo i nostri cari. È ipocrita chiamare Gesù nostro Signore se non cerchiamo la Sua giustizia, misericordia e compassione.

Il culto è molto più dell'azione esterna - comporta un cambiamento nel comportamento che, a sua volta, deriva da un cambiamento nell'atteggiamento del cuore che lo Spirito Santo ci porta. Decisivo in questo cambiamento è la nostra disponibilità a trascorrere del tempo con Dio nella preghiera, nello studio e in altre discipline spirituali. Questo cambiamento fondamentale non sta avvenendo magicamente, è dovuto al tempo che trascorriamo in comunione con Dio.

La visione allargata dell'adorazione di Paolo

Il culto abbraccia tutte le nostre vite. Lo leggiamo nelle lettere di Paolo. Usa i termini sacrificio e adorazione (adorazione) nel modo seguente: «Io ora, cari fratelli, vi esorto per la misericordia di Dio ad offrire i vostri corpi in sacrificio vivente, santo e gradito a Dio. Sia questa la vostra ragionevole adorazione» (Romani 12,1). Vogliamo che tutta la nostra vita sia adorazione, non solo poche ore alla settimana. Se tutta la nostra vita è dedicata all'adorazione, includerà sicuramente del tempo con altri cristiani ogni settimana!

Paolo usa altre parafrasi per il sacrificio e il culto in Romani 15,16. Parla della grazia che Dio gli ha dato di essere servo di Cristo Gesù tra i pagani, uno che indirizza sacerdotale il vangelo di Dio affinché i gentili diventino un sacrificio gradito a Dio, santificato dallo Spirito Santo. L'annuncio del Vangelo è una forma di adorazione e adorazione.

Essendo tutti sacerdoti, è nostro dovere sacerdotale proclamare i benefici e le glorie di coloro che ci hanno chiamato (1. Petrus 2,9) - un ministero di culto che ogni credente può fare o partecipare per aiutare gli altri a predicare il vangelo. Quando Paolo ringraziò i Filippesi per aver fornito il sostegno economico, usò termini di culto: "Ho ricevuto per mezzo di Epafrodito ciò che proveniva da te: profumo soave, sacrificio soave, gradito a Dio" (Filippesi 4,18).

Gli aiuti per aiutare finanziariamente altri cristiani possono essere una qualche forma di adorazione. Il culto è descritto in Ebrei come qualcosa che si manifesta con le parole e con le opere: “Pertanto, per mezzo di lui, offriamo sempre lode a Dio, che è il frutto delle labbra che professano il suo nome. Non dimenticare di fare del bene e di condividerlo con gli altri; poiché tali sacrifici sono graditi a Dio» (Ebrei 13,15-6).

Siamo chiamati ad adorare, celebrare e adorare Dio. È nostro piacere condividere, proclamare i Suoi benefici - la buona notizia di ciò che Egli ha fatto per noi in e attraverso il nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo.

Cinque fatti sull'adorazione

  • Dio vuole che noi Lo adoriamo, Lo incontriamo con lode e ringraziamento.
  • Solo Dio è degno della nostra adorazione e assoluta fedeltà.
  • L'adorazione dovrebbe essere sincera, non una performance.
  • Se adoriamo e amiamo Dio, faremo come dice lui.
  • Il culto non è solo qualcosa che facciamo una volta alla settimana: include tutto ciò che facciamo.

Cosa pensare

  • Per quale attributo di Dio sei più grato?
  • Alcuni sacrifici dell'Antico Testamento erano completamente bruciati - non lasciando altro che fumo e cenere. Una delle tue vittime era paragonabile?
  • Gli spettatori esultano quando la loro squadra segna un goal o vince una partita. Rispondiamo con uguale entusiasmo a Dio?
  • Per molte persone, Dio non è molto importante nella vita di tutti i giorni. Cosa invece valorizzano le persone?
  • Perché a Dio importa come trattiamo gli altri?

di Joseph Tkach


pdfCinque principi basilari di adorazione