Parched rapporto con Dio

La gioia duratura nel servizio cristiano nasce dal conoscere sempre meglio Cristo. Potresti pensare che sia ovvio per noi come pastori e leader della chiesa. Bene, vorrei che fosse così. È abbastanza facile per noi fare semplicemente il nostro ministero di routine invece di avviarlo in una crescente relazione con Gesù Cristo. In realtà, il tuo ministero non funzionerà se non costruisci una relazione più profonda con Gesù.

In Filippesi 3,10 leggiamo: Voglio riconoscerlo e il potere della sua risurrezione e della comunione delle sue sofferenze, e quindi essere reso uguale alla sua morte. Riconoscere la parola si riferisce a una relazione intima e intima che esiste tra un uomo e una donna. Uno dei motivi per cui Paul fu contento, anche se scrisse la lettera ai Filippesi dalla prigione, fu il suo rapporto intimo e profondo con Cristo.

Nelle ultime due settimane ho discusso con voi i due più forti assassini della gioia cristiana: il legalismo e le false priorità. Una relazione arida con Cristo ucciderà anche la tua gioia nel ministero. Ricordo di aver sentito la storia di un ragazzo che cadeva dal letto molto tempo fa. Sua madre entrò nella camera da letto e disse: Cos'è successo, Tommy? Ha detto: suppongo di essermi soffermato troppo vicino a dove sono finito a letto.


Questo è il problema nel servizio cristiano per molti di noi. Veniamo nella famiglia di Dio, ma restiamo troppo vicini al punto in cui siamo entrati. Non andiamo più in profondità e oltre. Non siamo spiritualmente uguali a conoscere Dio più profondamente e personalmente. Ti piacerebbe riacquistare la gioia nel servizio? Continua a crescere nella tua relazione con Cristo.

Cosa puoi fare per approfondire la tua relazione con Cristo? Non c'è segreto su come si possa conoscere meglio Cristo nel ministero cristiano. Crescono allo stesso modo di tutti gli altri.

  • Trascorrono del tempo con Dio. Trascorri sempre più tempo con Dio? Quando siamo molto impegnati nel ministero cristiano, spesso permettiamo il nostro tempo di soffrire con Dio. Dobbiamo essere molto gelosi del nostro tempo con Dio. Servire Dio senza passare il tempo con Lui è infruttuoso. Più passi il tempo con Cristo, meglio lo conosci e più il tuo ministero comunitario sarà gioioso.
  • Parla continuamente con Dio. Ma non stai semplicemente passando il tempo con Dio. Costruiscono una più stretta relazione con Dio parlando costantemente con Lui. Non si tratta di un mucchio di parole fantasiose. Le mie preghiere non suonano molto spirituali, ma parlo sempre con Dio. Posso stare nella corsia di un fast food e dire, Dio, sono davvero felice di poter mangiare questo spuntino. Ho fame! La chiave è: continua a parlare con Dio. E non essere arrabbiato con i dettagli della tua vita di preghiera - come quando, dove e quanto a lungo pregare. Quindi hai scambiato una relazione per un rituale o una prescrizione. Questi rituali non ti daranno gioia. Solo una crescente relazione con Gesù Cristo lo farà.
  • Abbi fiducia in Dio con tutto il tuo cuore. Dio vuole che impariamo a fidarci di Lui. Questo è spesso il motivo per cui permette ai problemi di insinuarsi nelle nostre vite. Attraverso questi problemi può dimostrare la sua affidabilità - e quindi la sua fiducia in lui crescerà. E il tuo rapporto con lui crescerà in questo processo. Dai un'occhiata ad alcune delle battaglie che hai passato ultimamente. In che modo Dio tenta di farti avere più fiducia in Lui? Questi problemi possono essere la porta a una relazione ancora più stretta con Dio.

    Paolo ci dice in Filippesi 3 quale era il suo primo obiettivo nella vita. Non si riferisce ai premi in Paradiso, alle distinzioni dagli altri, o persino alle chiese o persone fondatrici a Cristo. Dice: Il primo, l'obiettivo più importante della mia vita è conoscere Cristo. Lo dice alla fine della sua vita. Non conosceva Dio ancora? Certo che lo conosceva. Ma lui vuole conoscerlo meglio. La sua fame di Dio non si fermò mai. Lo stesso dovrebbe valere per noi. La nostra gioia nel ministero cristiano dipende da questo.

di Rick Warren


pdfParched rapporto con Dio