Gesù: la promessa

510 gesù la promessaL'Antico Testamento ci dice che noi umani siamo stati creati a immagine di Dio. Non passò molto tempo prima che peccassimo e venissero cacciati dal paradiso. Ma con la parola di giudizio è arrivata una parola di promessa. Dio disse: "Io porrò inimicizia tra te (Satana) e la donna, e tra il tuo seme e il suo seme; lui (Gesù) ti schiaccerà la testa e tu lo pugnalerai (Gesù) nel calcagno "(1, Moses 3,15 LUT). Un liberatore della progenie di Eva sarebbe venuto a salvare la gente.

Nessuna soluzione in vista

Eva probabilmente sperava che il suo primo figlio sarebbe stata la soluzione. Ma Caino era parte del problema. Il peccato si diffuse e peggiorò. Ci fu un rilascio parziale al tempo di Noè, ma il peccato prevalse. C'era il peccato del nipote di Noè e poi di Babele. L'umanità ha continuato ad avere problemi, sperando in qualcosa di meglio, ma senza mai raggiungerlo.

Alcune importanti promesse furono date ad Abramo. Ma è morto prima di avere tutte le promesse. Aveva un figlio, ma nessuna terra, e non era una benedizione per tutte le nazioni. La promessa fu trasmessa a Isacco e in seguito a Giacobbe. Giacobbe e la sua famiglia vennero in Egitto e divennero una grande nazione, ma furono ridotti in schiavitù. Tuttavia, Dio è rimasto fedele alla sua promessa. Dio li ha portati fuori dall'Egitto con miracoli spettacolari. La nazione di Israele ha continuato a non essere all'altezza della promessa. I miracoli non hanno aiutato, oltre a mantenere le leggi. Hanno peccato, hanno dubitato e hanno vagato 40 nel deserto per anni. Dio rimase fedele alla sua promessa e condusse il popolo nel paese di Canaan, e con molti miracoli diede loro la terra.

Erano ancora le stesse persone peccatrici, e il libro dei giudici ci mostra alcuni dei peccati del popolo, perché è sempre caduto nell'idolatria. Come potrebbero mai essere una benedizione per le altre nazioni? Alla fine, Dio fece prigioniere le tribù settentrionali di Israele dagli Assiri. Si potrebbe pensare che avrebbe aiutato l'ebreo a pentirsi, ma non lo fece.

Dio lasciò gli ebrei prigionieri in Babilonia per molti anni, e solo una piccola parte di loro tornò a Gerusalemme. La nazione ebraica divenne un'ombra del suo io precedente. Non stavano meglio nella Terra Promessa che in Egitto o Babilonia. Gemettarono: "Dov'è la promessa che Dio ha fatto ad Abrahamo? Come saremo una luce per le nazioni? Come si adempirà la promessa a David se non possiamo controllarci?

Sotto il dominio romano, le persone erano deluse. Alcuni hanno abbandonato la speranza. Alcuni si unirono ai movimenti di resistenza sotterranea. Altri hanno cercato di essere più religiosi e di apprezzare la benedizione di Dio.

Un barlume di speranza

Dio ha iniziato ad adempiere la sua promessa con un figlio illegittimo. "Ecco la vergine sarà incinta e partorirà un figlio, e quale sarà posto nome Emmanuele, che tradotto significa Dio con noi" (Matteo 1,23) E 'stato chiamato prima di Gesù - il nome ebraico "Yeshua", che significa Dio ci salverà.

Gli angeli dissero ai pastori che un Salvatore era nato a Betlemme (Luk 2,11). Era il Redentore, ma in quel momento non salvò nessuno. Dovette anche essere salvato, perché la famiglia dovette fuggire per salvare il bambino da Erode, il re dei Giudei.

Dio è venuto da noi perché è rimasto fedele alle sue promesse, ed è il fondamento di tutte le nostre speranze. La storia di Israele mostra più volte che i metodi umani non funzionano. Non possiamo raggiungere lo scopo di Dio con i nostri sforzi. Dio pensa ai piccoli inizi, alla forza spirituale invece che fisica, alla vittoria nella debolezza piuttosto che nel potere.

Quando Dio ci diede Gesù, adempì le sue promesse e portò con sé tutto ciò che aveva predetto.

La realizzazione

Sappiamo che Gesù è cresciuto per dare la sua vita come riscatto per i nostri peccati. Porta il perdono ed è la luce del giorno. È venuto per sconfiggere se stesso e il diavolo sconfiggendolo dopo la sua morte e risurrezione. Possiamo vedere come Gesù adempia le promesse di Dio.

Possiamo vedere molto più degli ebrei su 2000 anni fa, ma non vediamo ancora tutto. Non vediamo ancora che ogni promessa sia soddisfatta. Continuiamo a non vedere Satana incatenato dove non riesce a sedurre nessuno. Non vediamo ancora che ogni umano conosca Dio. Non vediamo ancora la fine del pianto e delle lacrime, della morte e della morte. Vogliamo ancora la risposta finale. In Gesù abbiamo speranza e certezza per raggiungere questo obiettivo.

Abbiamo una promessa che viene da Dio, confermata da Suo Figlio e suggellata dallo Spirito Santo. Crediamo che tutto ciò che è promesso si avvererà e che Cristo completerà il lavoro che ha iniziato. La nostra speranza sta iniziando a dare i suoi frutti e siamo fiduciosi che tutte le promesse saranno soddisfatte. Come abbiamo trovato la speranza e la promessa di salvezza nel bambino Gesù, ci aspettiamo speranza e promessa di perfezione nel Gesù risorto. Questo vale per la crescita del regno di Dio e anche per il lavoro della chiesa, in ogni singolo uomo.

Spero per noi stessi

Quando le persone arrivano a credere in Cristo, il loro lavoro inizia a crescere in te. Gesù disse che dovremmo rinascere tutti, questo accade quando crediamo in Lui, poi lo Spirito Santo ci adombra e crea una nuova vita in noi. Come ha promesso Gesù, Egli prende vita in noi. Qualcuno una volta disse: "Gesù potrebbe nascere migliaia di volte, e non mi farebbe alcun bene se non fosse nato in me".

Potremmo anche guardare e pensare: "Io non vedo molto io non sono molto meglio di prima 20 anni ho ancora lotta con il peccato, il dubbio e la colpa io sono ancora egoista e testardo io non sono meglio a questo .... Per essere una persona timorata di Dio, come l'antico popolo di Israele, mi chiedo se Dio fa davvero qualcosa nella mia vita, non sembra che abbia fatto progressi ".

La risposta è di ricordare Gesù. Il nostro inizio spirituale non sembra essere buono in questo momento, ma è perché Dio dice che è buono. Quello che abbiamo in noi è solo un acconto. È un inizio ed è una garanzia di Dio stesso: lo Spirito Santo in noi è un acconto della gloria futura.

Luca ci dice che gli angeli cantavano quando nacque Gesù. Fu un momento di trionfo, anche se le persone non potevano vederlo in quel modo. Gli angeli sapevano che la vittoria era certa perché Dio aveva detto loro.

Gesù ci dice che gli angeli si rallegrano quando un peccatore si pente. Cantano per ogni persona che viene a credere in Cristo perché è nato un figlio di Dio. Si prenderà cura di noi. Sebbene la nostra vita spirituale non sia perfetta, Dio continuerà a lavorare in noi fino a quando non completerà il suo lavoro in noi.

Proprio come c'è una grande speranza per il piccolo Gesù, c'è una grande speranza nel neonato neonato. Non importa da quanto tempo sei cristiano, c'è una tremenda speranza per te, perché Dio ha investito in te. Non rinuncerà al lavoro che ha iniziato. Gesù è la prova che Dio mantiene sempre le sue promesse.

di Joseph Tkach


pdfGesù: la promessa