Avvento e Natale

Nel corso della storia, le persone hanno usato segni e simboli per raccontare qualcosa a persone affini, ma per nasconderlo agli estranei. Un esempio del 1 ° secolo è il segno del pesce usato dai cristiani (Ichthys), con cui hanno segretamente indicato il loro attaccamento a Cristo. Poiché molti di loro sono stati perseguitati o addirittura uccisi, hanno tenuto le loro riunioni nelle catacombe e in altri luoghi segreti. Per segnare la strada lì, i segni dei pesci sono stati disegnati sui muri. Ciò non destava sospetti perché i cristiani non erano i primi a usare il simbolo del pesce: i pagani lo stavano già usando come simbolo per i loro dei e dee.

Molti anni dopo Mosè introdusse la legge (incluso il sabato) Dio diede un nuovo disegno per tutte le persone: quello della nascita di suo figlio incarnato, Gesù. Il Vangelo di Luca riporta:

E questo ha come segno: troverai il bambino avvolto in pannolini e sdraiato in una culla. E immediatamente ci fu la moltitudine di schiere celesti con l'angelo, che lodò Dio e disse: Gloria a Dio nel più alto e pace sulla terra con il popolo della sua buona volontà (Luca 2,12-14).

La nascita di Gesù è un segno potente e duraturo di tutto ciò che include l'evento di Cristo: la sua incarnazione, la sua vita, la sua morte, la sua risurrezione e ascensione alla salvezza di tutta l'umanità. Come tutti i segni, mostra la direzione; si mostra indietro (e ci ricorda le promesse e le azioni di Dio nel passato) e avanti (per mostrare cosa farà Gesù mediante lo Spirito Santo). Il racconto di Luca continua con una sezione della storia del Vangelo che viene spesso raccontata dopo Natale durante l'Epifania:

Ed ecco, a Gerusalemme c'era un uomo di nome Simeone; e quest'uomo era pio e devoto e aspettava il conforto di Israele, e lo Spirito Santo era con lui. E gli era stato dato una parola dallo Spirito Santo che non avrebbe dovuto vedere la morte, perché in precedenza aveva visto il Cristo del Signore. E venne al tempio su ispirazione dello spirito. E quando i genitori portarono il bambino Gesù nel tempio a fare con lui come è consuetudine secondo la legge, lo prese tra le braccia e lodò Dio e disse: Signore, ora lascia che il tuo servo vada in pace, come hai detto; poiché i miei occhi hanno visto il tuo Salvatore, che hai preparato davanti a tutti i popoli, una luce per illuminare i Gentili e al prezzo del tuo popolo Israele. E suo padre e sua madre erano stupiti da ciò che si diceva di lui. E Simeone li benedisse e disse a Maria, sua madre: Ecco, è pronto a cadere e difendere molti in Israele e come segno contraddetto - e una spada penetrerà anche attraverso la tua anima - così che molti cuori penseranno essere rivelato (Luca 2,25-35).

Come cristiani, molti di noi non hanno bisogno di segni e simboli per mantenere segreti i nostri luoghi di incontro. Questa è una grande benedizione e le nostre preghiere sono con coloro che vivono in condizioni disastrose. Qualunque siano le circostanze, tutti i cristiani sanno che Gesù è risorto dai morti e il nostro Padre celeste attira tutte le persone in Gesù e attraverso lo Spirito Santo. Ecco perché abbiamo molto da festeggiare e dovremmo farlo nel prossimo Avvento e Natale.

di Joseph Tkach


pdfAvvento e Natale