Fai il grande passo

211 fa il grande passoUna famosa parabola di Gesù: due persone vanno al tempio a pregare. Uno è fariseo, l'altro pubblicano (Lc 18,9.14). Oggi, duemila anni dopo che Gesù ha raccontato questa parabola, potremmo essere tentati di annuire consapevolmente e dire: "Certo, i farisei, l'epitome dell'ipocrisia e dell'ipocrisia!" Va bene... ma lasciamo da parte questa valutazione e proviamo a immaginare come la parabola abbia influito sull'uditorio di Gesù. Da un lato: i farisei non erano considerati gli ipocriti bigotti che noi, cristiani con 2000 anni di storia della chiesa, amiamo considerarli. Piuttosto, i farisei erano la pia, zelante, devota minoranza religiosa degli ebrei che si oppose coraggiosamente alla crescente ondata di liberalismo, compromesso e sincretismo del mondo romano con la sua cultura pagana greca. Hanno invitato le persone a tornare alla legge e si sono impegnati a credere fermamente nell'obbedienza.

Quando il fariseo prega nella parabola: "Grazie, Dio, che non sono come gli altri", non è una fiducia eccessiva, non uno scherzo vuoto. Era vero. Il suo rispetto per la legge era irreprensibile; lui e la minoranza farisei avevano promesso fedeltà alla legge in un mondo in cui la legge stava rapidamente perdendo importanza. Non era come gli altri e non conta nemmeno se stesso per questo - ringrazia Dio per esserlo.

D'altra parte: gli esattori di dogana, gli esattori delle tasse in Palestina, avevano la peggior reputazione possibile: erano ebrei che riscuotevano le tasse dal proprio popolo per la potenza occupante romana e che spesso si arricchivano senza scrupoli (confronta Matteo 5,46). La divisione dei ruoli sarà stata subito chiara al pubblico di Gesù: il fariseo, l'uomo di Dio, come il "buono" e il pubblicano, l'archetipo del cattivo, come il "cattivo".

Come sempre, Gesù fa un'affermazione molto inaspettata nella sua parabola: ciò che siamo o ciò che dobbiamo fare non ha alcun effetto positivo o negativo su Dio; perdona tutti, anche il peggior peccatore. Tutto quello che dobbiamo fare è fidarci di lui. E altrettanto scioccante: chi crede di essere più giusto degli altri (anche se può averne solide prove) è ancora nei suoi peccati, non perché Dio non lo abbia perdonato, ma perché non riceverà ciò di cui non ha bisogno avere credenze.

Buone notizie per i peccatori: il Vangelo è per i peccatori, non i giusti. I giusti non afferrano il vero vangelo del Vangelo perché credono di non aver bisogno di quel tipo di vangelo. Il vangelo appare ai giusti come la buona notizia che Dio è dalla sua parte. La sua fiducia in Dio è grande perché sa che vive più divino degli ovvi peccatori nel mondo che lo circonda. Con una lingua tagliente condanna l'orribilità dei peccati degli altri ed è felice di essere vicino a Dio e di non vivere come gli adulteri, assassini e ladri che vede per strada e nei notiziari. Per i giusti, il Vangelo è una fanfara contro i peccatori del mondo, un'ammonizione fiammeggiante che il peccatore dovrebbe cessare di peccare e vivere come lui, il giusto, vive.

Ma questo non è il Vangelo. Il Vangelo è una buona notizia per i peccatori. Spiega che Dio ha già perdonato i loro peccati e ha dato loro una nuova vita in Gesù Cristo. È un messaggio che farà sì che i peccatori, stanchi della crudele tirannia del peccato, si siedano e prendano atto. Significa che Dio, il Dio di giustizia, che pensavano fosse contro di loro (perché ha tutte le ragioni per esserlo), è in realtà per loro e persino li ama. Significa che Dio non attribuisce loro i loro peccati, ma che i peccati sono già stati espiati da Gesù Cristo, i peccatori sono già stati liberati dalla morsa del peccato. Significa che non devono vivere nella paura, nel dubbio e nell'angoscia di coscienza per un solo giorno. Significa che possono costruire sul fatto che Dio in Gesù Cristo è tutto ciò che ha promesso per loro: perdonatore, redentore, salvatore, avvocato, protettore, amico.

Più che religione

Gesù Cristo non è solo un benefattore religioso tra tanti. Non è un debole dagli occhi azzurri con idee nobili, ma in definitiva non mondane del potere della gentilezza umana. Non è nemmeno un maestro morale tra i tanti che ha invitato le persone a «sforzarsi di lottare», alla nobilitazione morale ea una maggiore responsabilità sociale. No, quando parliamo di Gesù Cristo parliamo della fonte eterna di tutte le cose (Ebrei 1,2-3), e non solo: Egli è anche il Redentore, il Purificatore, il Riconciliatore del mondo, che con la sua morte e risurrezione ha riconciliato con Dio tutto l'universo squilibrato (Colossesi 1,20). Gesù Cristo è Colui che ha creato tutto ciò che esiste, che porta tutto ciò che esiste in ogni momento e che si è caricato tutti i peccati per redimere tutto ciò che esiste, compresi te e me. È venuto da noi come uno di noi per renderci ciò che ci ha fatto essere.

Gesù non è solo un benefattore religioso tra tanti e il Vangelo non è solo un libro sacro tra tanti. Il vangelo non è un insieme di regole, formule e linee guida nuove e migliorate destinate a farci bel tempo in un Essere Superiore irritabile e irascibile; è la fine della religione. La "religione" è una brutta notizia: ci dice che gli dei (o dio) sono terribilmente arrabbiati con noi e si lasciano placare solo dal rigoroso rispetto delle regole e poi ci sorridono di nuovo. Ma il vangelo non è "religione": è la stessa buona novella di Dio all'umanità. Dichiara che tutti i peccati sono perdonati e ogni uomo, donna e bambino sono amici di Dio. Fa un'offerta di riconciliazione incredibilmente ampia e incondizionata, affermata incondizionatamente a chiunque sia abbastanza intelligente da crederci e accettarla (1. Johannes 2,2).

"Ma non c'è niente nella vita gratis", dici. In questo caso c'è qualcosa di gratuito. È il più grande di tutti i doni immaginabili e ha una vita eterna. Per ottenerlo, è necessaria solo una cosa: fidarsi del donatore.

Dio odia il peccato, non noi

Dio odia il peccato solo per una ragione - perché ci distrugge e tutto ciò che ci circonda. Vedi, Dio non intende distruggerci perché siamo peccatori; Ha intenzione di salvarci dal peccato che ci distrugge. E la parte migliore è - l'ha già fatto. Lo ha già fatto in Gesù Cristo.

Il peccato è male perché ci separa da Dio. Rende le persone timorose di Dio. Ci impedisce di vedere la realtà per quello che è. Avvelena le nostre gioie, sconvolge le nostre priorità e trasforma la serenità, la pace e la contentezza in caos, paura e paura. Ci fa disperare della vita, anche e soprattutto quando crediamo di volere e di aver bisogno di ciò che effettivamente otteniamo e possediamo. Dio odia il peccato perché ci distrugge, ma non ci odia. Lui ci ama. Ecco perché ha fatto qualcosa contro il peccato. Cosa ha fatto: li ha perdonati, ha tolto i peccati del mondo (Giovanni 1,29) - e lo fece per mezzo di Gesù Cristo (1. Timoteo 2,6). La nostra condizione di peccatori non significa che Dio ci dia la freddezza, come spesso viene insegnato; ha la conseguenza che noi, come peccatori, ci siamo allontanati da Dio, ci siamo allontanati da lui. Ma senza di lui non siamo nulla: tutto il nostro essere, tutto ciò che ci definisce, dipende da lui. Il peccato funziona come un'arma a doppio taglio: da una parte ci costringe a voltare le spalle a Dio per paura e diffidenza, a rifiutare il suo amore; d'altra parte, ci lascia affamati proprio di questo amore. (I genitori degli adolescenti saranno particolarmente empatici con questo.)

Il peccato è sradicato in Cristo

Forse nella tua infanzia ti è stata data l'idea dagli adulti intorno a te che Dio è in trono su di noi come un giudice severo, che soppesa ogni singola nostra azione, pronto a punirci se non facciamo tutto al cento per cento bene , e noi che dovremmo riuscire ad aprire la porta del cielo. Ma il Vangelo ora ci dà la buona notizia che Dio non è affatto un giudice severo: dobbiamo orientarci interamente all'immagine di Gesù. Gesù - ci dice la Bibbia - è per i nostri occhi umani l'immagine perfetta di Dio ("immagine del suo essere", Ebrei 1,3). In lui Dio si è "abbassato", è venuto da noi come uno di noi, per mostrarci esattamente com'è, come agisce, con chi ha comunione e perché; in lui conosciamo Dio, è Dio, e l'ufficio del giudice è posto nelle sue mani.
 
Sì, Dio ha fatto di Gesù il giudice del mondo intero, ma è tutt'altro che un giudice severo. Perdona i peccatori; egli "giudica", cioè non li condanna (Johannes 3,17). Sono dannati solo se rifiutano di chiedergli perdono (v. 18). Questo giudice paga di tasca propria le pene dei suoi imputati (1. Johannes 2,1-2), dichiara estinta per sempre la colpa di tutti (Colossesi 1,19-20) e poi invita il mondo intero alla più grande celebrazione della storia mondiale. Potremmo ora sederci e discutere all'infinito sulla fede e l'incredulità e su chi è incluso e chi è escluso dalla sua grazia; oppure possiamo lasciare tutto a lui (è in buone mani lì), possiamo saltare e sprintare alla sua celebrazione, e lungo la strada diffondere la buona novella a tutti e pregare per tutti quelli che incrociano il nostro cammino.

Giustizia da Dio

Il vangelo, la buona notizia, ci dice: tu già appartieni a Cristo - accettalo. Rallegriamoci. Affida la tua vita a lui. Goditi la sua pace. Lascia che i tuoi occhi si aprano per la bellezza, l'amore, la pace, la gioia nel mondo che possono essere visti solo da coloro che riposano nell'amore di Cristo. In Cristo, abbiamo la libertà di affrontare il nostro peccato e ammetterlo a noi. Perché ci fidiamo di lui, possiamo confessare i nostri peccati senza timore e caricarli sulle sue spalle. Lui è dalla nostra parte.
 
“Venite a me”, dice Gesù, “tutti voi che siete molesti e gravosi; voglio rinfrescarti. Prendi il mio giogo e impara da me; poiché io sono mite e umile di cuore; così troverete riposo per le vostre anime. Perché il mio giogo è dolce e il mio carico è leggero» (Matteo 11,28-30).
 
Quando riposiamo in Cristo, ci asteniamo dal misurare la giustizia; Ora possiamo confessargli i nostri peccati in modo molto schietto e onesto. Nella parabola di Gesù del fariseo e del pubblicano (Lc 18,9-14) è il pubblicano peccatore che ammette senza riserve la sua peccaminosità e vuole la grazia di Dio che è giustificata. Il fariseo - impegnato nella giustizia fin dall'inizio, conservando quasi esattamente i registri dei suoi santi successi - non ha occhio per la sua peccaminosità e per il suo corrispondente acuto bisogno di perdono e di grazia; perciò non si protende e non riceve la giustizia che viene solo da Dio (Romani 1,17; 3,21; filippesi 3,9). È proprio la sua "vita pia secondo le regole" che oscura la sua visione di quanto profondamente abbia bisogno della grazia di Dio.

Valutazione onesta

Nel mezzo della nostra più profonda peccaminosità ed empietà, Cristo viene a noi con grazia (Romani 5,6 e 8). Proprio qui, nella nostra più nera ingiustizia, sorge per noi il sole di giustizia con la salvezza sotto le sue ali (Mal 3,20). Solo quando ci vediamo come siamo nel nostro vero bisogno, come l'usuraio e il pubblicano della parabola, solo quando la nostra preghiera quotidiana può essere "Dio, abbi pietà di me peccatore", solo allora possiamo tirare un sospiro di sollievo nel calore dell'abbraccio guaritore di Gesù.
 
Non c'è niente che dobbiamo dimostrare a Dio. Lui ci conosce meglio di quanto conosciamo noi stessi, conosce la nostra peccaminosità, conosce il nostro bisogno di misericordia. Ha già fatto tutto ciò che dovevamo fare per assicurare la nostra amicizia eterna con lui. Possiamo riposare nel suo amore. Possiamo fidarci della sua parola di perdono. Non dobbiamo essere perfetti; dobbiamo solo credere in lui e fidarsi di lui. Dio vuole che siamo suoi amici, non i suoi giocattoli elettronici oi suoi soldati di latta. Cerca l'amore, non l'obbedienza del cadavere e l'edonismo programmato.

Fede, non opere

Le buone relazioni si basano sulla fiducia, sull'attaccamento resiliente, sulla lealtà e, soprattutto, sull'amore. La pura obbedienza non basta come fondamento (Romani 3,28; 4,1-8). L'obbedienza ha il suo posto, ma - dovremmo saperlo - è una delle conseguenze della relazione, non una delle sue cause. Se si basa il proprio rapporto con Dio unicamente sull'obbedienza, si cade o nell'arroganza soffocante come il fariseo della parabola o nella paura e nella frustrazione, a seconda di quanto si è onesti nel leggere il proprio grado di perfezione sulla scala della perfezione.
 
CS Lewis scrive in Cristianesimo Per eccellenza che non ha senso dire che ti fidi di qualcuno se non segui i suoi consigli. Dì: Chi ha fiducia in Cristo ascolterà anche il suo consiglio e lo metterà in pratica al meglio delle sue capacità. Ma chi è in Cristo, chi ha fiducia in lui, farà del suo meglio senza timore di essere rifiutato se fallisce. Succede a tutti noi molto spesso (fallimento, intendo).

Quando riposiamo in Cristo, il nostro sforzo per superare le nostre abitudini e mentalità peccaminose diventa una mentalità impegnata radicata nel perdono e nella salvezza affidabili di Dio. Non ci ha gettato in una battaglia senza fine per la perfezione (Galati 2,16). Al contrario, ci conduce in un pellegrinaggio di fede in cui impariamo a liberarci dalle catene della schiavitù e del dolore da cui siamo già stati liberati (Romani 6,5-7). Non siamo condannati a una lotta di Sisifo per la perfezione che non possiamo vincere; otteniamo invece la grazia di una vita nuova in cui lo Spirito Santo ci insegna a godere dell'uomo nuovo, creato nella giustizia e nascosto con Cristo in Dio (Efesini 4,24; Colossesi 3,2-3). Cristo ha già fatto la cosa più difficile: morire per noi; quanto più farà la cosa più facile - riportarci a casa (Romani 5,8-10)?

Il salto della fede

Credi che così faremo noi in Ebrei 11,1 detto, è la nostra ferma fiducia in ciò che noi, coloro che sono amati da Cristo, speriamo. La fede è attualmente l'unica apparenza tangibile e reale del bene che Dio ha promesso, il bene che rimane nascosto ai nostri cinque sensi. In altre parole, con gli occhi della fede vediamo come se fosse già lì, il meraviglioso mondo nuovo dove le voci sono amichevoli, le mani sono gentili, dove c'è molto da mangiare e nessuno è estraneo. Vediamo ciò di cui non abbiamo prove tangibili e fisiche nell'attuale mondo malvagio. La fede generata dallo Spirito Santo, che accende in noi la speranza della salvezza e della redenzione di tutta la creazione (Romani 8,2325), è un dono di Dio (Efesini 2,8-9), e in lui siamo immersi nella sua pace, nella sua calma e nella sua gioia attraverso l'incomprensibile certezza del suo amore traboccante.

Hai fatto il salto della fede? In una cultura di ulcere allo stomaco e pressione alta, lo Spirito Santo ci spinge sulla via della serenità e della pace tra le braccia di Gesù Cristo. Ancora di più: in un mondo spaventoso, pieno di povertà e malattie, fame, brutale ingiustizia e guerra, Dio ci chiama (e ci permette) di dirigere il nostro sguardo credente alla luce della sua parola, che è la fine del dolore, delle lacrime, della Tirannia e morte e la creazione di un mondo nuovo in cui la giustizia è di casa, promesse (2. Petrus 3,13).

"Fidati di me", ci dice Gesù. «Indipendentemente da ciò che vedi, renderò tutto nuovo, incluso te. Smetti di preoccuparti e costruisci sul fatto che per te, per i tuoi cari e per il mondo intero, sarò esattamente quello che ho annunciato. Non preoccuparti più e fai affidamento sul fatto che farò esattamente quello che ho annunciato per te, per i tuoi cari e per il mondo intero. »

Possiamo fidarci di lui. Possiamo caricare i nostri pesi sulle nostre spalle - i nostri fardelli di peccato, i nostri fardelli di paura, i nostri fardelli di dolore, delusioni, confusione e dubbio. Lo indosserà come ha trasportato e indosserà ancora prima che lo sapessimo.

di J. Michael Feazel


pdfFai il grande passo