Dal bruco alla farfalla

591 quello del bruco alla farfallaUn piccolo bruco si muove in avanti con difficoltà. Si allunga verso l'alto perché vuole raggiungere le foglie leggermente più alte perché sono più gustose. Quindi scopre una farfalla seduta su un fiore che può essere scossa avanti e indietro dal vento. È bello e colorato. Lei lo guarda volare da un fiore all'altro. Lo chiama un po 'invidiosamente: «Sei fortunato, voli di fiore in fiore, brilli di colori meravigliosi e puoi volare verso il sole mentre devo lottare qui, con i miei molti piedi e posso solo strisciare sulla terra. Non riesco ad arrivare ai bellissimi fiori, alle deliziose foglie e al mio vestito è piuttosto incolore, come è la vita ingiusta! »

La farfalla prova un po 'di compassione per il bruco e la consola: «Puoi anche diventare come me, forse con colori molto più belli. Allora non devi più lottare ». Il bruco chiede: "Come hai fatto, cosa è successo che hai cambiato così tanto?" La farfalla risponde: "Ero un bruco come te. Un giorno ho sentito una voce che mi diceva: Ora è arrivato il momento di cambiarti. Seguimi e ti porterò in una nuova fase della vita, mi prenderò cura del tuo cibo e passo dopo passo ti cambierò. Fidati di me e persevera, alla fine sarai un essere completamente nuovo. L'oscurità in cui ti stai muovendo ora ti condurrà alla luce e volerà verso il sole ».

Questa piccola storia è un meraviglioso confronto che ci mostra il piano di Dio per noi umani. Il bruco ricorda la nostra vita prima di conoscere Dio. È il momento in cui Dio inizia a lavorare in noi, per cambiarci passo dopo passo fino alla nascita e alla metamorfosi della farfalla. Un tempo in cui Dio ci nutre spiritualmente e fisicamente e ci modella in modo che possiamo raggiungere l'obiettivo che ci ha fissato.
Ci sono molti passaggi nella Bibbia sulla nuova vita in Cristo, ma ci concentriamo su ciò che Gesù vuole dirci nelle Beatitudini. Diamo un'occhiata a come Dio lavora con noi e come ci trasforma sempre più in una nuova persona.

I poveri spiritualmente

La nostra povertà è spirituale e abbiamo urgente bisogno del suo aiuto. «Beati i poveri in spirito; perché di essi è il regno dei cieli» (Matteo 5,3). Qui Gesù comincia a mostrarci quanto abbiamo bisogno di Dio. Possiamo riconoscere questo bisogno solo attraverso il suo amore. Cosa significa essere "poveri in spirito"? È una sorta di umiltà che fa capire a una persona quanto è povera davanti a Dio. Scopre quanto sia impossibile per lui pentirsi dei suoi peccati, metterli da parte e controllare i suoi sentimenti. Una tale persona sa che tutto viene da Dio e si umilierà davanti a Dio. Vorrebbe accogliere con gioia e gratitudine la vita nuova che Dio nella sua grazia gli dona. Poiché siamo inclini a peccare come persone naturali e carnali, inciamperemo più spesso, ma Dio ci raddrizzerà sempre. Spesso non ci rendiamo conto di essere spiritualmente poveri.

L'opposto della povertà spirituale è: essere orgogliosi nello spirito. Questo atteggiamento di fondo lo vediamo nella preghiera del fariseo: "Ti ringrazio, Dio, che non sono come gli altri, ladri, ingiusti, adulteri, e nemmeno come questo pubblicano" (Lc 18,11). Poi Gesù ci mostra l'esempio di un uomo povero in spirito, usando la preghiera del pubblicano: "Dio, abbi pietà di me peccatore!"

I poveri di spirito sanno di essere indifesi. Sanno che la loro giustizia è solo presa in prestito e dipendono da Dio. Essere spiritualmente poveri è il primo passo che ci modella nella nuova vita in Gesù, in una trasformazione in una nuova persona.

Gesù Cristo è stato un esempio di dipendenza dal Padre. Gesù ha detto di se stesso: “In verità, in verità vi dico: il Figlio da sé non può fare nulla, ma solo ciò che vede fare dal Padre; per quello che fa quest'ultimo, allo stesso modo fa anche il figlio» (Giovanni 5,19). Questa è la mente di Cristo che Dio vuole plasmare in noi.

Sopportare la sofferenza

Le persone con il cuore spezzato sono raramente arroganti, sono aperte a qualunque cosa Dio voglia fare attraverso di loro. Di cosa ha bisogno una persona depressa? «Beati coloro che soffrono; perché devono essere consolati» (Matteo 5,4). Ha bisogno di consolazione e il Consolatore è lo Spirito Santo. Un cuore spezzato è la chiave perché lo Spirito di Dio operi dentro di noi. Gesù sa di cosa sta parlando: era un uomo che conosceva il dolore e la sofferenza più di chiunque di noi. La sua vita e la sua mente ci mostrano che i cuori spezzati sotto la guida di Dio possono condurci alla perfezione. Purtroppo, quando soffriamo e Dio appare lontano, spesso reagiamo con amarezza e accusiamo Dio. Questa non è la mente di Cristo. Lo scopo di Dio nella vita difficile ci mostra che ha in serbo per noi benedizioni spirituali.

Il mansueto

Dio ha un piano per ognuno di noi. «Beati i miti; poiché possederanno la terra» (Matteo 5,5). L'obiettivo di questa benedizione è la disponibilità a donarsi volontariamente a Dio. Quando ci arrendiamo a lui, ci dà la forza per farlo. Nella sottomissione impariamo che abbiamo bisogno l'uno dell'altro. L'umiltà ci aiuta a riconoscere i bisogni gli uni degli altri. Troviamo una splendida affermazione dove ci invita a sottoporre a lui i nostri fardelli: «Prendete su di voi il mio giogo e imparate da me; perché io sono mite e umile di cuore» (Matteo 11,29). Che dio, che re! Quanto siamo lontani dalla sua perfezione! L'umiltà, la mitezza e la modestia sono qualità che Dio vuole plasmare in noi.

Ricordiamo brevemente come Gesù fu pubblicamente insultato quando era in visita da Simone il fariseo. Non fu salutato, i suoi piedi non furono lavati. Come ha reagito? Non si è offeso, non si è giustificato, ha sopportato. E quando in seguito lo fece notare a Simone, lo fece umilmente (Luca 7:44-47). Perché l'umiltà è così importante per Dio, perché ama gli umili? Perché riflette la mente di Cristo. Amiamo anche le persone con questa qualità.

Fame di giustizia

La nostra natura umana cerca la propria giustizia. Quando ci rendiamo conto che abbiamo urgente bisogno di giustizia, Dio ci dona la sua giustizia attraverso Gesù: «Beati coloro che hanno fame e sete di giustizia; perché saranno saziati» (Matteo 5,6). Dio ci attribuisce la giustizia di Gesù perché non possiamo stare davanti a lui. L'affermazione «fame e sete» indica un bisogno acuto e consapevole dentro di noi. Il desiderio è un'emozione forte. Dio vuole che allineiamo i nostri cuori e desideri con la Sua volontà. Dio ama i bisognosi, le vedove e gli orfani, i prigionieri e gli stranieri nella terra. Il nostro bisogno è la chiave del cuore di Dio, Lui vuole prendersi cura dei nostri bisogni. È una benedizione per noi riconoscere questo bisogno e lasciare che Gesù lo calmi.
Nelle prime quattro beatitudini, Gesù mostra quanto abbiamo bisogno di Dio. In questa fase della trasformazione "pupation", riconosciamo il nostro bisogno e la dipendenza da Dio. Questo processo aumenta e alla fine proveremo un profondo desiderio di vicinanza a Gesù. Le successive quattro beatitudini mostrano il lavoro di Gesù dentro di noi.

Il misericordioso

Quando esercitiamo la misericordia, le persone vedono in noi qualcosa della mente di Cristo. «Beati i misericordiosi; perché riceveranno misericordia» (Matteo 5,7). Attraverso Gesù impariamo ad essere misericordiosi perché riconosciamo il bisogno di una persona. Sviluppiamo compassione, empatia e ci prendiamo cura dei nostri cari. Impariamo a perdonare chi ci fa del male. Trasmettiamo l'amore di Cristo ai nostri simili.

Avere un cuore puro

Un cuore puro è orientato verso Cristo. «Beati i puri di cuore; perché vedranno Dio» (Matteo 5,8). La nostra dedizione alla nostra famiglia e ai nostri amici è guidata da Dio e dal nostro amore per lui. Se il nostro cuore si rivolge più alle cose terrene che a Dio, allora questo ci separa da lui. Gesù si è donato completamente al Padre. Questo è ciò per cui dovremmo lottare e donarci completamente a Gesù.

Fai la pace

Dio vuole la riconciliazione, l'unità con lui e nel corpo di Cristo. «Beati gli operatori di pace; perché saranno chiamati figli di Dio» (Matteo 5,9). C'è spesso disaccordo nelle comunità cristiane, paura della concorrenza, paura che le pecore migrino e preoccupazioni finanziarie. Dio vuole che costruiamo ponti, soprattutto nel corpo di Cristo: «Tutti siano uno, come tu, Padre, sei in me e io in te, così anche loro siano in noi, perché il mondo creda che mi hai mandato. E ho dato loro la gloria che tu mi hai dato, perché siano uno come noi siamo uno, io in loro e tu in me, perché siano perfettamente uno e il mondo sappia che mi hai mandato e amali come ami me» (Giovanni 17,21-23).

Che vengono seguiti

Gesù profetizza ai suoi seguaci: «Il servo non è maggiore del suo padrone. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche te; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la tua” (Gv 15,20). Le persone ci tratteranno come hanno trattato Gesù.
Qui viene menzionata una benedizione in più per coloro che sono perseguitati per aver fatto la volontà di Dio. «Beati i perseguitati a causa della giustizia; poiché di essi è il regno dei cieli» (Matteo 5,10).

Per Gesù Cristo stiamo già vivendo nel regno di Dio, nel regno dei cieli, perché in lui abbiamo la nostra identità. Tutte le Beatitudini portano a questo traguardo. Alla fine delle Beatitudini, Gesù ha consolato le persone e ha dato loro speranza: «Siate felici e rallegratevi; sarai riccamente ricompensato in cielo. Allo stesso modo infatti hanno perseguitato i profeti che sono stati prima di te» (Matteo 5,12).

Nelle ultime quattro beatitudini siamo i donatori, lavoriamo esternamente. Dio ama i donatori. È il più grande donatore di tutti. Continua a darci ciò di cui abbiamo bisogno, spiritualmente e materialmente. I nostri sensi sono diretti agli altri qui. Dovremmo riflettere la natura di Cristo.
Il corpo di Cristo inizia a legarsi davvero quando i suoi membri riconoscono che dovrebbero sostenersi a vicenda. Coloro che hanno fame e sete hanno bisogno di nutrimento spirituale. In questa fase Dio intende riconoscere il desiderio di lui e del nostro prossimo attraverso le nostre condizioni di vita.

La metamorfosi

Prima di poter condurre gli altri a Dio, Gesù lavora con noi per costruire una relazione molto intima con lui. Attraverso di noi, Dio mostra alle persone intorno a noi la sua misericordia, purezza e pace. Nelle prime quattro beatitudini, Dio opera in noi. Nelle seguenti quattro beatitudini, Dio opera attraverso di noi. L'interno si armonizza con l'esterno. In questo modo, pezzo per pezzo, forma in noi la persona nuova. Dio ci ha dato una nuova vita attraverso Gesù. È nostro compito lasciare che questo cambiamento spirituale avvenga in noi. Gesù lo rende possibile. Pietro ci avverte: "Se tutto questo deve dissolversi, come dovete stare in santo cammino ed essere pii" (2. Petrus 3,11).

Ora siamo nella fase della gioia, un piccolo assaggio della gioia che deve ancora venire. Mentre la farfalla vola verso il sole, allora incontreremo Gesù Cristo: «Perché egli stesso, il Signore, scenderà dal cielo quando sarà fatta la chiamata, quando suoneranno la voce dell'arcangelo e la tromba di Dio, e i morti diventare i primi che sono morti in Cristo sono risorti. Dopo noi che siamo vivi e che siamo rimasti saremo rapiti insieme con loro sulle nuvole nell'aria per incontrare il Signore. E così saremo sempre con il Signore»(1. Ts 4,16-17).

di Christine Joosten