Eternal Hellstrings - Divine o Human Revenge?

L'inferno è un argomento di cui molti credenti sono entusiasti, ma anche preoccupati. Legato ad esso è una delle dottrine più controverso e controverso della fede cristiana. L'argomento non riguarda nemmeno la certezza che la corruzione e la malvagità siano giudicate. Molti cristiani concordano sul fatto che Dio giudicherà il male. La battaglia per l'inferno è tutta su come apparirà, su quali temperature prevarrà e quanto a lungo sarà esposta. Il dibattito riguarda la comprensione e la comunicazione della giustizia divina e le persone amano trasferire la loro definizione di tempo e spazio all'eternità.

Ma la Bibbia non dice che Dio ha bisogno della nostra visione macchiata per tradurla nella sua immagine perfetta dell'eternità. Sebbene la Bibbia dica sorprendentemente poco di come sarà all'inferno, raramente viene giudicata con freddezza quando si tratta di fatti concreti a questo riguardo. Quando si discutono le teorie, ad esempio, riguardo all'intensità della sofferenza all'inferno, quanto sarà caldo e quanto durerà la sofferenza - molti di loro diventeranno ipertesi e la tensione riempie la stanza.

Alcuni cristiani sostengono che ciò che è vera fede si rivela essere l'inferno. Alcuni si mostrano intransigenti, per quanto riguarda il loro più grande terrore possibile. Ogni altra vista è respinto in quanto libertario, progressista, la fede-ostile e tendono ad essere inverosimile e attribuita diverso da un atteggiamento di fede che tiene tenacemente ai peccatori che sono spedite nelle mani di un Dio adirato, persone piuttosto sciocco. In alcuni ambienti di fede si vede nella convinzione che l'inferno provoca tormenti indicibili, una vera e propria prova del vero cristianesimo.

Ci sono cristiani che credono nel giudizio divino, ma non sono così dogmatici riguardo ai dettagli. Io appartengo ad esso. Credo nel giudizio divino in cui l'inferno rappresenta l'eterna distanza divina; Per quanto riguarda i dettagli, tuttavia, sono tutt'altro che dogmatico. E io credo che la presunta necessità di tormenti eterni come un atto giustificato di soddisfare un Dio arrabbiato sia in netto contrasto con l'amorevole Dio, come rivelato nella Bibbia.

Sono scettico su un'immagine dell'inferno definita dal bilanciamento della giustizia - la convinzione che Dio metta sofferenza ai peccatori perché non la meritano in nessun altro modo. E rifiuto il pensiero che la rabbia di Dio possa essere placata dalle persone (o almeno le loro anime) vengono lentamente arrostiti allo spiedo, semplicemente. La giustizia di punizione non fa parte dell'immagine di Dio come la conosco. Credo fermamente, tuttavia, che la testimonianza della Bibbia insegna che Dio giudicherà il male; inoltre, sono convinto che non causerà tormenti eterni alle persone imponendo loro punizioni fisiche, mentali e spirituali che non finiranno.

Difendiamo la nostra personale idea di inferno?

I passaggi biblici sull'inferno possono essere indubbiamente e saranno interpretati in molti modi. Queste interpretazioni contraddittorie risalgono al bagaglio teologico e spirituale dei versetti biblici - secondo il motto: io la vedo così e la vedi diversamente. Il nostro bagaglio a mano può aiutarci a formulare conclusioni teologiche solide, oppure possiamo costringerci a scendere e portarci lontano dalla verità.

La visione di inferno che Bibelexegeten, pastori e maestri delle Scritture finalmente è, a quanto pare, senza compromettere quelli delle quali personalmente cominciare dall'inizio e sono in cerca di dimostrare in modo retrospettivo nella Bibbia.

Quindi, mentre dovremmo onestamente consultare la testimonianza della Bibbia, quando si tratta di inferno, è importante rendersi conto che viene spesso usato semplicemente per convalidare le credenze preconcette. Albert Einstein ha avvertito che dovremmo cercare di sapere cosa è reale e non ciò che vogliamo sapere.

Molti cristiani che si definiscono conservatori credono che l'autorità della Bibbia sia in gioco anche in questa lotta per e all'inferno. Secondo lei, solo un inferno letteralmente inteso di eterno tormento coincide con il precetto biblico. L'immagine dell'inferno che difendono è quella che gli è stata insegnata. È l'immagine infernale che potrebbe aver bisogno di mantenere lo status quo della loro visione del mondo religioso. Alcuni sono così convinti dell'accuratezza e della necessità della loro immagine religiosa dell'inferno che semplicemente non vogliono accettare alcuna prova o obiezione logica che metta in discussione il loro punto di vista.

L'immagine infernale del tormento eterno rappresenta la grande, minacciosa coda per molti gruppi di credenze: è lo strumento della disciplina con cui minacciano le loro pecore e le guidano nella direzione che ritengono appropriata. Mentre l'inferno, come visto da credenti estremamente prevenuti, può essere uno strumento disciplinante avvincente per mantenere le pecore in carreggiata, è improbabile che avvicini le persone a Dio. Dopo tutto, coloro che si uniscono a questi gruppi perché non vogliono cadere lungo la strada non sono attratti da questo tipo di campo di addestramento religioso a causa dell'amore senza pari e onnicomprensivo di Dio.

All'altro estremo, ci sono cristiani che credono che il giudizio di Dio sul male sia equivalente a una breve preparazione nel microonde - in modo rapido, efficace e relativamente indolore. Vedono l'energia e il calore rilasciati dalla fusione nucleare metaforicamente per la cremazione indolore con cui Dio punirà senza dubbio il male. Questi cristiani, a volte chiamati sostenitori dell'annientamento, sembrano a Dio essere gentili Dr. Kevorkian (un medico americano che ha assistito 130 pazienti suicidi) che ha somministrato un'iniezione letale ai peccatori che erano stati uccisi all'inferno (che provoca una morte indolore).

Anche se non credo in un inferno di tormento eterno, non mi unisco agli avvocati dell'annientamento. Entrambe le prospettive non vanno in tutte le prove bibliche e, a mio avviso, non rendono pienamente giustizia al nostro Padre celeste, che è soprattutto caratterizzato dall'amore.

L'inferno, come la vedo io, è sinonimo di separazione eterna da Dio, ma credo che non ci permette la nostra fisicità, i nostri limiti in termini di logica e il linguaggio di individuare la portata del giudizio di Dio. Non posso concludere che il giudizio di Dio sarà segnato dall'idea di punizione o dal dolore e dalla sofferenza che i corrotti hanno inflitto agli altri nel corso della loro vita; perché non ho sufficienti prove bibliche per sostenere una tale teoria. Soprattutto, tuttavia, la natura di Dio contrasta i fantasmi del tormento eterno.

Speculazione: come sarà all'inferno?

Letteralmente, l'inferno segnato da eterno tormento è un luogo di immensa sofferenza, dominato dal calore, dal fuoco e dal fumo. Questa visione presuppone che il nostro senso del fuoco e della distruzione, che sono soggetti alle norme umane, siano uno a uno equiparati ai tormenti eterni.

Ma l'inferno è davvero un posto? Esiste già o sarà alimentato in un secondo momento? Dante Alighieri ipotizzò che l'inferno fosse un enorme cono rivolto verso l'interno la cui punta trafisse il centro della terra. Sebbene tali scritture attribuiscano l'inferno a diversi luoghi terreni, si riferisce anche a non terreni.

Uno degli argomenti al cielo e all'inferno che obbediscono alle leggi della logica è che l'esistenza letterale dell'una dipende da quella dell'altra. Molti cristiani hanno risolto questo problema logico equiparando il cielo con l'eterna vicinanza a Dio, mentre attribuiscono l'eterna distanza da Dio all'inferno. Ma i sostenitori fedeli dell'immagine dell'inferno non sono affatto contenti delle opinioni che chiamano scuse. Insistono che tali spiegazioni non sono altro che Vishivashi teologico annacquato. Ma come può l'inferno essere un luogo fisso, geograficamente localizzabile, fisso? (sia nel passato che nel presente, compresa l'eternità o come inferno, i cui carboni di punizione devono ancora essere fatti brillare), su cui il dolore fisico degli eterni tormenti dell'inferno deve essere sopportato da anime non fisiche?

Alcuni sostenitori della fede nella lettera ipotizzano che Dio fornirà gli indegni del paradiso al loro arrivo all'inferno con abiti speciali dotati di recettori del dolore. Questa idea - il Dio del perdono verheissenden grazia può realmente dell'Inferno risposto anime in un vestito bloccato che li fa sentire il dolore eterno erduldende - avanzata da persone altrimenti ragionevoli che sembrano essere superati con sincera pietà. Secondo alcuni di questi fedeli seguaci, è necessario placare l'ira di Dio; Così è l'inferno su anime risposto loro come indicato, su misura per soddisfare loro da Dio dato e non uno che viene da l'arsenale di strumenti di tortura sadica di Satana.

Eterna tortura: una soddisfazione per Dio o piuttosto per noi?

Se una simile immagine dell'inferno, plasmata da tormenti eterni, può essere scioccante di fronte al Dio dell'amore, noi, come persone di una tale dottrina dottrinale, possiamo certamente anche ottenere qualcosa. Da un punto di vista puramente umano, non siamo presi dall'idea che qualcuno possa fare qualcosa di male senza essere ritenuto responsabile. Vogliamo assicurarci che la giusta punizione di Dio non permetta a nessuno di rimanere impunito. Alcuni dicono che è importante lenire l'ira di Dio, ma questo senso di giustizia legale è in realtà una innovazione basata sull'uomo che serve solo alla nostra comprensione umana di equità. Tuttavia, non dovremmo essere calpestati nello stesso modo in cui siamo, nella convinzione che Dio voglia trasferire a Dio il nostro concetto di fair play.

Ti ricordi come un bambino piccolo non ha risparmiato lo sforzo di indicare ai tuoi genitori un imminente passo falso dei loro fratelli? Erano riluttanti a guardare i tuoi fratelli a cavarsela con qualsiasi cosa, specialmente se tu fossi già stato punito per la stessa trasgressione. Si trattava di soddisfare il tuo senso di giustizia compensativa. Forse conosci la storia del credente che si è svegliato di notte perché, convinto che da qualche parte qualcuno è fuggito impunito, non è riuscito a dormire.

Eterni tormenti infernali possono confortarci perché sono in sintonia con il desiderio umano di giustizia e fair play. Ma la Bibbia ci insegna che Dio opera l'obbedienza nella vita delle persone con la sua grazia e non il valore predefinito di persone definizioni di fair play. E la Scrittura rende abbondantemente chiaro che noi umani non sempre riconoscono la grandezza della meravigliosa grazia di Dio. Tra Vedrò ad esso che si ottiene ciò che si meritano e Dio vedrà in modo che si ottiene ciò che si merita una linea sottile. Noi abbiamo le nostre idee di giustizia, spesso al principio occhio Testamento per occhio Dente per dente, ma ci sono solo le nostre idee.

Per quanto devotamente seguiamo un teologo o una teologia sistematica che postula il placare l'ira di Dio, la verità rimane che spetta solo a Dio, come fa agli avversari (suo e nostro). Paolo ci ricorda: non vendicarti, miei cari, ma date spazio all'ira di Dio; perché è scritto: "La vendetta è mia, ripagherò, dice il Signore" (Romani 12,19).

Molte delle rappresentazioni infernali, inquietanti e sconvolgenti e dettagliate di cui ho sentito e letto provengono da fonti religiose e forum che usano esplicitamente la stessa lingua in un contesto diverso da quello che sarebbe condannato in modo inappropriato e barbaro, poiché ridurrebbe la brama umana di spargimento di sangue e La violenza dice la parola. Ma il desiderio appassionato della giusta punizione di Dio è così grande che, a causa della mancanza di specifiche basi bibliche, una magistratura guidata dall'uomo prende il sopravvento. I mob linciatori religiosi che insistono sul fatto che gli eterni tormenti dell'inferno che hanno propagandato hanno servito Dio sono diffusi in ampi circoli del cristianesimo (vedi Giovanni 16,2).

È un culto religioso insistere sul fatto che coloro che non sono all'altezza delle credenze qui sulla terra dovranno espiare il loro fallimento per sempre. Secondo molti cristiani, l'inferno sarà riservato ai non salvati ora e in futuro. Non salvato? Chi sono esattamente i non salvati? In molti ambienti della fede, coloro che sono al di fuori dei loro limiti specifici di fede sono chiamati non salvati. Alcuni di questi gruppi e alcuni dei loro insegnanti ammettono che tra i (dagli eterni tormenti dell'ira divina), alcuni di quelli salvati possono anche essere al di fuori della loro organizzazione. Tuttavia, si può presumere che praticamente tutte le religioni che propagano un'immagine dell'inferno caratterizzata dal tormento eterno considerino che la salvezza eterna può essere raggiunta in modo più sicuro se ci si sposta all'interno dei propri confini confessionali.

Respingo un punto di vista testardo e duro, che rende omaggio a un dio dell'ira che condanna coloro che sono al di fuori dei confini della fede strettamente definiti. Un dogmatico dogmatismo che insiste sulla dannazione eterna può essere considerato solo come un mezzo per giustificare il senso della giustizia umana. In questo modo siamo in grado di assumere, perché in Dio, come noi, si sentono doverosamente utilizzato come un agente di viaggio, che offre un viaggio senza ritorno in un rilievo della tortura l'eternità - e che assegnano il loro giusto posto all'inferno che violano le nostre tradizioni religiose e gli insegnamenti ,

La grazia annichilisce l'eterno Fuoco dell'Inferno?

troviamo una delle più importanti e allo stesso tempo sostenuto dalle obiezioni evangelici il più terribile di tutti i tipi di immagini infernali tormento eterno nel messaggio centrale della Buona Novella. La fede legittima descrive i biglietti gratuiti dell'inferno che vengono assegnati alle persone in base al loro lavoro. Tuttavia, un'occupazione predominante con l'inferno porta inevitabilmente a essere troppo auto-assorbiti. Certo, possiamo sforzarci di condurre le nostre vite in modo che non andiamo all'inferno cercando di vivere secondo liste arbitrarie di offerte e divieti. Qui inevitabilmente non può sfuggire che gli altri non possono cerchi tanto come noi - e così cominciamo a dormire bene la notte, volontari nell'aiutare Dio qui, altro mai un posto in una segnato da eterna dell'inferno torture prenotare

Nella sua opera The Great Divorce CS Lewis ci porta in un tour in autobus di fantasmi che sono partiti dall'inferno in paradiso nella speranza di un diritto permanente di rimanere.

Incontrano gli abitanti del cielo, che Lewis chiama i redenti per sempre. Un grande spirito è stupito di trovare qui in cielo un uomo di cui sa di essere stato accusato sulla terra di omicidio e giustiziato.

Lo Spirito chiede: Quello che vorrei sapere è quello che devi fare come un dannato assassino qui in paradiso, mentre dovevo andare dall'altra parte e passare tutti quegli anni in un posto che è più simile a un porcile.

Colui che è salvato per sempre cerca di spiegare che sia la persona che ha assassinato sia lui stesso si sono riconciliati con il Padre celeste davanti al trono di Dio.

Ma la mente semplicemente non può accettare questa spiegazione. In contraddizione con il suo senso di giustizia. L'ingiustizia di sapere che è eternamente salvato in cielo, mentre lui stesso è condannato a rimanere all'inferno, letteralmente lo supera.

Così urla a colui che è riscattato per sempre e gli chiede i suoi diritti: voglio solo i miei diritti ... Ho gli stessi diritti di te, non è vero?

Questo è esattamente dove Lewis vuole guidarci. Lascia rispondere a quelli che sono stati salvati per sempre: non ho ottenuto ciò che era mio, altrimenti non sarei qui. E non otterrai nemmeno quello a cui hai diritto. Ottieni qualcosa di molto meglio (The Great Divorce, CS Lewis, Harper Collins, San Francisco, pagg. 26, 28).

La testimonianza della Bibbia - deve essere intesa letteralmente o metaforicamente?

I fautori di un quadro dell'inferno, in quanto non potrebbe essere peggiore e più duraturo, devono basarsi sull'interpretazione letterale di tutti i passaggi biblici riguardanti l'inferno. In 14. Dante Alighieri nel suo lavoro La Divina Commedia ha introdotto l'inferno come luogo di orrore e tormento inimmaginabile. L'inferno di Dante era un luogo di tortura sadica in cui i malvagi erano condannati a contorcersi in un dolore senza fine e a bollire nel sangue mentre le loro urla echeggiavano nell'eternità.

Alcuni dei primi padri della Chiesa erano dell'opinione che i redenti in cielo potrebbe passare a testimonianza reale tempo delle torture dei dannati. Seguendo lo stesso stile, autori e insegnanti contemporanei oggi teorizzano che l'Onnipotente è presente all'inferno a essere virtualmente consapevole del fatto che il suo giudizio su Dio viene effettivamente applicato. Alcuni seguaci della fede cristiana, ma insegnano fatto che sarebbe rattristare lo non in cielo, perché finisce per conoscere i membri della famiglia e altre persone care in un inferno, ma che la loro felicità eterna per il fatto che ora sono in termini di più di ogni giustizia in piedi di Dio hanno la certezza ulteriormente migliorata e la loro preoccupazione per una volta amato sulla terra le persone che ora soffrono tormento eterno, sembrerebbe relativamente insignificante.

Quando fedele alla Bibbia (associato a un distorto senso della giustizia) diventa pericoloso, i pensieri assurdi prendono rapidamente il sopravvento. Non riesco a immaginare come coloro che vengono nel regno di Dio per grazia di Dio possano nutrirsi della tortura degli altri - per non parlare dei loro cari! Piuttosto, credo in un Dio che non smette mai di amarci. Credo anche che ci siano molte descrizioni e metafore illustrative usate nella Bibbia secondo cui l'input di Dio dovrebbe essere compreso anche dalle persone. E Dio non ha ispirato l'uso di metafore e parole poetiche nella speranza che distorcessimo il loro significato prendendole letteralmente.

di Greg Albrecht


pdfEternal Hellstrings - Divine o Human Revenge?