Karl Barth: PROFETA della chiesa

Il teologo svizzero Karl Barth è stato definito il più eccezionale e coerentemente teologo protestante della modernità. Papa Pio XII. (1876-1958) ha chiamato Barth il teologo più importante da Tommaso d'Aquino. Qualunque sia il tuo appetito, Karl Barth ha avuto una profonda influenza sui moderni leader della chiesa cristiana e studiosi di molte tradizioni diverse.

Apprendistato e crisi di fede

Barth era su 10. Maggio 1886 è nato, all'apice dell'influenza della teologia liberale in Europa. Era uno studente e discepolo di Wilhelm Herrmann (1846-1922), un esponente di spicco della cosiddetta teologia antropologica, basato sull'esperienza personale di Dio. Barth scrisse di lui: Herrmann era l'insegnante teologico dei miei giorni da studente. [1] In quei primi anni Barth seguì anche gli insegnamenti del teologo tedesco Friedrich Schleiermacher (1768-1834), il padre della teologia moderna. Ero incline a dargli credito fasullo implicito [cieco] su tutta la linea, ha scritto. [2]

1911-1921 Barth ha lavorato come pastore della comunità riformata di Safenwil in Svizzera. Un manifesto in cui gli intellettuali tedeschi di 93 si sono espressi per gli obiettivi di guerra del Kaiser Guglielmo II ha scosso 1914 la sua fede liberale costruendo ad agosto nelle fondamenta. Anche i professori di teologia liberale di Barth erano tra i firmatari. Con questo arrivò un intero mondo di esegesi, etica, dogmatica e predicazione, che fino ad allora avevo creduto di essere fondamentalmente credibile ... fino al punto di fallire, disse.

Barth riteneva che i suoi insegnanti avessero tradito la fede cristiana. Trasformando il Vangelo in una dichiarazione, in una religione, sull'autocoscienza del cristiano, si è perso di vista il Dio che, nella sua sovranità, affronta l'uomo, richiede un suo resoconto e agisce su di lui come maestro.

Eduard Thurneysen (1888 - 1974), pastore di un villaggio vicino e amico intimo di Barth, ha vissuto una crisi di fede simile. Un giorno, Thurneysen sussurrò a Barth: "Ciò di cui abbiamo bisogno per la predicazione, l'insegnamento e la cura pastorale è un fondamento teologico" molto diverso ". [3]

Insieme, hanno lottato per una nuova base per la teologia cristiana. È stato necessario riutilizzare l'ABC teologico ancora una volta e più contemplativamente di prima leggendo e interpretando gli scritti dell'Antico Testamento e del Nuovo Testamento. Ecco, hanno cominciato a parlare con noi ... [4] Era necessario un ritorno alle origini del Vangelo. È stato necessario ricominciare da capo con un nuovo orientamento interiore e riconoscere nuovamente Dio come Dio.

Romani e dogmatica ecclesiastica

1919 ha rilasciato il commento seminale di Barth The Letter to the Roman e ha ottenuto 1922 una completa riscrittura per una ristampa. La sua rivista Epistola ai Romani delineava un audace nuovo sistema teologico in cui Dio intendeva semplicemente semplicemente la sua indipendenza dall'uomo, e da guardare. [5]

Nella lettera di Paolo e in altri scritti biblici, Barth ha trovato un nuovo mondo. Un mondo in cui non erano più i pensieri giusti dell'uomo su Dio, ma i pensieri giusti di Dio sopra gli uomini divennero visibili. [6] Barth ha dichiarato che Dio è radicalmente diverso, oltre la nostra comprensione, che rimane incline a noi, che è estraneo ai nostri sensi e riconoscibile solo in Cristo. La divinità giustamente compresa di Dio include: la sua umanità. [7] La teologia deve essere dottrina di Dio e dell'uomo. [8]

1921 è diventato professore di Barth della teologia riformata a Göttingen, dove ha insegnato fino a 1925. La sua area principale era la dogmatica, che considerava una riflessione sulla Parola di Dio come rivelazione, hl. Scrittura e predicazione cristiana ... definirono il vero sermone cristiano. [9]

1925 fu nominato professore di Dogmatica e Esegesi del Nuovo Testamento a Münster e cinque anni dopo alla Cattedra di Teologia Sistematica a Bonn, che mantenne fino a 1935.

1932 ha pubblicato la prima parte della Chiesa Dogmatica. Il nuovo lavoro è cresciuto di anno in anno dalle sue lezioni.

La Dogmatica ha quattro parti: La dottrina della Parola di Dio (KD I), La dottrina di Dio (KD II), La dottrina della creazione (KD III) e La dottrina della riconciliazione (KD IV). Le parti comprendono ciascuno diversi volumi. Originariamente, Barth ha progettato il lavoro in cinque parti. Non riuscì a finire la parte della riconciliazione, e la parte sulla salvezza rimase non scritta dopo la sua morte.

Thomas F. Torrance definisce i dogmi di Barth di gran lunga il contributo più originale e degno di nota alla teologia sistematica della modernità. KD II, parte 1 e 2, in particolare la dottrina dell'essere di Dio in effetti e il comportamento di Dio nel suo essere, egli considera il culmine delle dogmatiche di Barth. Negli occhi di Torrance, KD IV è l'opera più potente mai scritta su Espiazione e riconciliazione.

Cristo: eletto ed eletto

Barth ha sottoposto l'intera dottrina cristiana alla critica radicale e alla reinterpretazione alla luce dell'Incarnazione. Scrisse: Il mio nuovo compito era di ripensare e pronunciare tutto ciò che era stato detto prima, cioè ora come teologia della grazia di Dio in Gesù Cristo. [10] Barth ha cercato di individuare la predicazione cristiana come un'attività che proclama la potente azione di Dio e non le azioni e le parole degli uomini.

Cristo è al centro della dogmatica dall'inizio alla fine. Karl Barth era un teologo cristiano che si preoccupava soprattutto dell'unicità e della centralità di Cristo e del suo vangelo (Torrance). Barth: Se uno si manca qui, ci si è persi nel complesso. [11] Questo approccio e il radicamento in Cristo gli hanno impedito di cadere nella trappola della teologia naturale, che attribuisce all'autorità la legittima autorità personale sul messaggio e sulla forma della chiesa.

Barth ha insistito sul fatto che Cristo è l'agenzia rivelatrice e riconciliatrice attraverso cui Dio parla all'uomo; nelle parole di Torrance, il luogo in cui riconosciamo il Padre. Dio è conosciuto solo attraverso Dio, diceva Barth. [12] Una dichiarazione su Dio è vera se è in armonia con Cristo; tra Dio e l'uomo è la persona di Gesù Cristo, persino Dio e persino l'uomo, che media tra loro. In Cristo, Dio si rivela all'uomo; in lui vede e conosce Dio.

Nella sua dottrina della predestinazione, Barth procedette dall'elezione di Cristo in un duplice senso: Cristo come scelto ed eleggendo allo stesso tempo. Gesù non è solo il Dio che sceglie, ma anche l'uomo scelto. Pertanto, l'elezione di [13] deve avvenire esclusivamente con Cristo, la cui elezione, da lui scelta, condivide. Alla luce dell'elezione dell'uomo, secondo Barth, tutte le elezioni possono essere descritte solo come grazia libera.

Prima e dopo la seconda guerra mondiale

Gli anni di Barth a Bonn coincisero con l'ascesa e il sequestro del potere da parte di Adolf Hitler. Un movimento ecclesiastico nazionalsocialista, i cristiani tedeschi, cercò di legittimare il leader come un salvatore inviato da Dio.

La Chiesa evangelica tedesca fu fondata ad aprile 1933 con lo scopo di introdurre l'etica tedesca su razza, sangue e suolo, persone e stato (Barth) come seconda base e fonte di rivelazione per la chiesa. Il contro-movimento fu la Chiesa confessatrice, che respinse questa ideologia nazionalista e centrata sull'uomo. Barth era una delle sue figure di spicco.

A maggio 1934 ha pubblicato la famosa dichiarazione teologica dei barman, che è per lo più di Barth e riflette la sua teologia legata al Cristo. In sei articoli, la Dichiarazione invita la Chiesa a concentrarsi esclusivamente sulla rivelazione di Cristo e non su poteri e poteri umani. Al di fuori dell'unica parola di Dio, non c'è altra fonte per la proclamazione della chiesa.

A novembre, 1934 Barth perse la licenza d'insegnamento a Bonn, dopo che si era rifiutato di firmare un giuramento incondizionato di fedeltà ad Adolf Hitler. Formalmente licenziato da 1935 a giugno, ha immediatamente ricevuto una chiamata in Svizzera come professore di teologia a Basilea, carica che ha ricoperto fino al suo ritiro 1962.

1946, dopo la guerra, Barth fu invitato a Bonn, dove tenne una pubblicazione l'anno seguente come dogmatica nella serie di conferenze per demolizioni. Costruito secondo il Simbolo degli Apostoli, il libro tratta argomenti che Barth aveva sviluppato nei suoi voluminosi dogmatici ecclesiastici.

1962 ha visitato Barth USA e tenuto lezioni al Princeton Theological Seminary e all'Università di Chicago. Quando gli fu chiesto di dare una breve formula al significato teologico dei milioni di parole della Dogmatica della Chiesa, pensò per un momento e poi disse:
Gesù mi ama, questo è sicuro. Perché rende lo script riconoscibile. Se la citazione è autentica o meno: questo è il modo in cui Barth ha spesso risposto alle domande. Esprime la sua fondamentale convinzione che al centro del Vangelo c'è un semplice messaggio che indica Cristo come nostro Salvatore, che ci ama con il perfetto amore divino.

Barth ha compreso il suo dogmatico rivoluzionario non come l'ultima parola in teologia, ma come l'apertura di un nuovo dibattito comune. [14] Modestamente, non riconosce necessariamente la sua opera di valore eterno: da qualche parte su un massetto celeste, ad un certo punto nel tempo, sarà anche in grado di depositare la chiesa dogmatica ... in una carta straccia. [15] Nelle sue ultime lezioni, conclude che le sue intuizioni teologiche porteranno a un ripensamento in futuro, perché alla Chiesa è richiesto di ricominciare da zero ogni giorno, anche ogni ora.

Su 12. Dicembre 1968 Karl Barth, invecchiato 82, è morto a Basilea.

di Paul Kroll


pdfKarl Barth: PROFETA della chiesa

letteratura
Karl Barth, L'umanità di Dio. Biel 1956
Karl Barth, Chiesa Dogmatica. Vol. I / 1. Zollikon, Zurigo 1952 idem, Vol. II
Karl Barth, I Romani. 1. Versione. Zurich 1985 (come parte della Barth Complete Edition)

Karl Barth, Dogmatica di contorno. Monaco di Baviera 1947
Eberhard Busch, il CV di Karl Barth. Monaco di Baviera 1978
Thomas F. Torrance, Karl Barth: teologo biblico ed evangelico. T. & T. Clark 1991

referenze:
1 Busch, P. 56
2 Busch, P. 52
3 Romani, Prefazione, pagina IX
4 Busch, P. 120
5 Busch, p 131-132
6 Busch, P. 114
7 Busch, P. 439
8 Busch, P. 440
9 Busch, P. 168
10 Busch, P. 223
11 Busch, P. 393
12 bush, passim
13 Busch, P. 315
14 Busch, P. 506
15 Busch, P. 507