Martin Lutero: la sua vita e il suo contributo al cristianesimo

Uno dei miei lavori part time preferiti è quello di insegnare storia in una scuola popolare. Recentemente abbiamo accettato Bismarck e l'unificazione della Germania. Il libro di testo afferma: Bismarck è il più importante leader tedesco dopo Martin Lutero. Per un secondo mi sentii tentato di spiegare perché un pensatore teologico potesse ricevere un complimento così alto, ma poi me lo ricordai e lo ignorai.

Qui è ripreso: perché una figura religiosa tedesca è così alta in un libro di testo americano? Un'introduzione appropriatamente accattivante a una delle figure più impressionanti della storia del mondo.

Come può una persona rendere giustizia a Dio?

Martin Lutero, la figura centrale della Riforma protestante, nacque 1483 e morì 1546. Era un gigante in un periodo di eccezionali figure storiche. Machiavelli, Michelangelo, Erasmus e Thomas More furono i suoi contemporanei; Cristoforo Colombo salpò quando Lutero spinse a scuola alla scuola latina.

Lutero nacque nella città della Turingia di Eisleben. In un momento in cui la mortalità infantile e infantile era 60% e superiore, Luther ebbe la fortuna di nascere. Suo padre Hans Luder, un ex minatore, lo aveva portato alla prosperità come metallurgista nelle miniere di scisto di rame. L'amore per la musica di Lutero lo compensò per l'educazione rigorosa dei suoi genitori, che si prendevano cura di lui ma lo punivano anche con mano dura. All'età di sedici anni, Lutero era già un lettone competente e fu inviato all'Università di Erfurt. 1505, all'età di ventidue anni, ha ottenuto lì il MA e il soprannome del filosofo.

Suo padre decise che il Maestro Martin sarebbe diventato un buon avvocato; il giovane non ha resistito. Ma un giorno, sulla strada da Mansfeld a Erfurt, Martin ha avuto un forte temporale. Un fulmine lo gettò a terra e, secondo la buona usanza cattolica, gridò: Aiutami, Sant'Anna, voglio diventare un monaco! Ha onorato quella parola. Nel 1505 entrò nell'ordine degli eremiti agostiniani, nel 1507 lesse la sua prima messa. Dopo James Kittelson (Luther the Reformer), amici e fratelli non potevano ancora scoprire nessuno dei tratti salienti del giovane monaco, che lo ha reso una figura così eccezionale in dieci anni. Lutero in seguito disse che se fosse stato umanamente possibile vincere il paradiso come monaco, riguardo alla sua rigorosa osservanza delle regole religiose con i loro esercizi di digiuno e penitenza, lo avrebbe sicuramente fatto.

Un tempo tempestoso

L'era luterana era un'era di santi, pellegrini e morte onnipresente. Il Medioevo volgeva al termine e la teologia cattolica era ancora in gran parte arretrata. I pii dell'Europa si vedevano scritti in un recinto di rivendicazioni legalistiche, dai sacramenti dei sacramenti, dalla confessione e dall'oppressione della casta sacerdotale. L'ascetico giovane Lutero poteva cantare una canzone di mortificazione, di fame e sete, di privazione del sonno e auto-flagellazione. Tuttavia, la sua coscienza non era soddisfatta. La rigida disciplina religiosa aumentava solo il senso di colpa. Era la trappola del legalismo - come fai a sapere di aver fatto abbastanza?

Sebbene visse da monaco senza colpa, scrive Lutero, sentiva con la più grande coscienza possibile che fosse un peccatore davanti a Dio. ma non ho potuto amare i giusti, punire i peccati di Dio lo odiava, piuttosto ... ero pieno di risentimento contro Dio, se non in bestemmiare segreto, ma ha parlato con un potente soffio, e non devono essere sufficientemente lì per quello i miserabili peccatori che sono eternamente condannati dal peccato originale sono oppressi da ogni sorta di male dalla legge dei Dieci Comandamenti? Dio ha ancora da affliggere il Vangelo e minacciarci con la sua rettitudine e la sua ira attraverso il Vangelo?

Tale schiettezza e aperta onestà è sempre stata tipica di Lutero. E anche se il mondo conosce il suo futuro storia ministero e la vita ben - la sua crociata contro una splendida chiesa secolarizzata dipendenti delle indulgenze, elemosine e opere arroganti giustizia - degno pochi si rendono conto che era per Lutero sempre una questione di coscienza. La sua domanda di base era di semplicità superba: come può una persona rendere giustizia a Dio? Di tutte le barriere artificiali che fingevano di guardare la semplicità del Vangelo, Lutero divenne il centro di quello che molti avevano dimenticato nella cristianità - il messaggio della giustificazione per sola fede. Questa giustizia supera tutto e ha una natura fondamentalmente diversa dalla giustizia in ambito politico-politico e la giustizia nella sfera ecclesiastico-cerimoniale.

Lutero lanciò un fragoroso grido di protesta contro il fastidioso ritualismo del suo tempo. Cinquecento anni dopo, vale la pena vederlo come lo vedevano i suoi colpevoli compagni cristiani: come un pastore appassionato che di solito è dalla parte del peccatore oppresso; come evangelista di primissimo ordine per ciò che conta di più: la pace con Dio (Rom 5,1); come salvatore della coscienza torturata nelle questioni relative a Dio.

Lutero potrebbe essere scortese, rozzo come un contadino. La sua rabbia contro coloro che si opponevano a lui, come pensava, al suo messaggio di giustificazione poteva essere terribile. È stato accusato di antisemitismo e non erroneamente. Ma con tutti gli errori che Lutero deve considerare: il messaggio cristiano centrale - salvezza per fede - era in Occidente in quel momento, in pericolo di estinzione. Dio mandò un uomo che poteva salvare la fede dalla macchia senza speranza degli accessori umani e renderla di nuovo attraente. L'omologo e riformatore Melantone ha affermato nella sua omelia su Lutero di essere stato un acuto medico dell'età malata, lo strumento per il rinnovamento della chiesa.

Pace con Dio

Questo è ora l'arte cristiana da sola, Lutero scrisse che mi rivolgo lontano dal mio peccato, e vuole sapere niente, e mi attivare la giustizia di Cristo, che so così certo che Cristo pietà, il merito, l'innocenza e la santità mia Sey, per quanto ne so, questo corpo è mio. Vivo, muoio e guido verso di lui, poiché è morto per noi, è risorto per noi. Non sono pio, ma Cristo è pio. Nel tuo nome sono stato battezzato ...

Dopo una difficile lotta spirituale e molte dolorose crisi di vita, Lutero finalmente trovò la giustizia di Dio, la giustizia che viene da Dio attraverso la fede (Fil. 3,9). Ecco perché la sua prosa canta il canto della speranza, della gioia, della fiducia nel pensare al Dio onnipotente e onnisciente, che, nonostante tutto, è accanto al peccatore penitente attraverso la sua opera in Cristo. Sebbene fosse un peccatore secondo la legge in merito alla giustizia della legge, Lutero scrive che se non si dispera, non morirà perché Cristo vive, che è entrambi, giustizia umana e vita eterna celeste. In quella giustizia e in quella vita, Lutero, non conosceva più il peccato, la coscienza, la preoccupazione per la morte.

I brillanti richiami di Lutero ai peccatori per professare la vera fede e non cadere nella trappola della facile misericordia sono sorprendenti e belli. La fede è qualcosa che Dio opera in noi. Ci ha cambiati e siamo nati di nuovo da Dio. Vitalità inimmaginabile e potere inimmaginabile si sofferma su di lui. Poteva sempre fare solo cose buone. Non aspetta mai e chiede se ci sono buone opere da fare; ma prima che venga posta la domanda, ha già fatto l'atto e continua a farlo.

Nel perdono di Dio, Lutero ha posto la fiducia incondizionata e suprema: essere cristiani non è nient'altro che la pratica costante del sentimento che uno non ha peccato - anche se un solo peccato - ma che i propri peccati sono gettati su Cristo. Dice tutto. Da questa travolgente fede, Lutero attaccò l'istituzione più potente del suo tempo, il papato, e fece sedere l'Europa e notarlo. Certamente, in aperta confessione delle sue continue lotte con il diavolo, Lutero è ancora un uomo del Medioevo. Come dice Heiko A. Oberman in Lutero - L'uomo tra Dio e il diavolo: un'analisi psichiatrica porterebbe Lutero al di fuori delle sue possibilità di insegnare in un'università moderna.

Il grande evangelista

Tuttavia, nella sua auto-apertura, nella sconfitta delle sue lotte interiori, visibile agli occhi del mondo, il Maestro Martin era in anticipo sui suoi tempi. Non aveva remore a rintracciare pubblicamente la sua malattia e proclamava con forza il rimedio. Il suo tentativo di sottoporsi a un'autoanalisi severa, a volte poco lusinghiera nei suoi scritti dà loro una sensazione di calore che raggiunge l'21. Il secolo irradia. Parla della gioia profonda che riempie il cuore quando l'uomo ascolta il messaggio cristiano che ha ricevuto il conforto del Vangelo; poi ama Cristo come non ha mai potuto, a causa delle leggi o delle opere da solo. Il cuore crede che la giustizia di Cristo sia sua e che il suo peccato non sia più proprio di Cristo, ma di Cristo; che ogni peccato è divorato dalla giustizia di Cristo.

Ciò che potrebbe essere visto come l'eredità di Lutero (una parola così spesso usata in bocca oggi)? Nell'adempiere alla sua grande missione di affrontare il cristianesimo con la salvezza per grazia, Lutero ha dato tre contributi teologici fondamentali. Erano monumentali e insegnava il primato della coscienza individuale sulle forze di oppressione. Era il Thomas Jefferson del cristianesimo. Nei paesi dell'Europa settentrionale dell'Inghilterra, della Francia e dei Paesi Bassi, questo ideale cadde su un terreno fertile; nei secoli successivi divennero bastioni dei diritti umani e delle libertà individuali.

Nel 1522 pubblicò la sua traduzione del Nuovo Testamento (The Newe Testament Deutzsch) basato sul testo greco di Erasmo. Ciò ha creato un precedente per altri paesi: non più il latino, ma il vangelo nella madrelingua! Ciò diede una forte spinta alla lettura della Bibbia e all'intero sviluppo intellettuale dell'Occidente - per non parlare della letteratura tedesca. L'insistenza della Riforma su Sola Scriptura (La sola Scrittura) ha promosso enormemente il sistema educativo - dopo tutto, dovevi imparare a leggere per studiare il testo sacro.

Lutero doloroso, ma alla fine la coscienza vittorioso e di coscienza, che ha operato pubblicamente, un atteggiamento confessore fatto di alimentazione, una nuova apertura a discutere questioni delicate che ha colpito non solo evangelisti come John Wesley, ma anche scrittori, storici e psicologi secoli successivi.

Sradicare la foresta e i bastoni

Lutero era umano, troppo umano. A volte imbarazza i suoi più ardenti difensori. I suoi insulti contro ebrei, contadini, turchi e rottengeister fanno ancora rizzare i capelli. Lutero era solo un combattente, un precursore con un'ascia curva, qualcuno che stava diserbando e barattando. È buono arare quando il campo è sgomberato; ma distruggi la foresta e i bastoni e prepara il campo, nessuno lo vuole, scrive nella lettera di interpretazione, la sua giustificazione per la sua epica traduzione della Bibbia.

Per tutti i lati negativi: Lutero era la figura chiave della Riforma, uno dei grandi punti di svolta nella storia, per aver creduto ai protestanti la svolta dopo gli eventi del primo secolo. Se è così, se abbiamo bisogno di giudicare personalità contro il loro background e la loro influenza al di là del loro tempo, allora il cristiano può davvero essere orgoglioso che Martin Lutero si erge come una figura storica a livello degli occhi accanto a Otto von Bismarck.

di Neil Earle


pdfMartin Lutero