Stiamo vivendo negli ultimi giorni?

299 viviamo negli ultimi giorniSai che il Vangelo è una buona notizia. Ma la vedi davvero come una buona notizia? Come con molti di voi, per la maggior parte della mia vita mi è stato insegnato che viviamo negli ultimi giorni. Questo mi ha dato una visione del mondo che vedeva le cose da una prospettiva che la fine del mondo come lo conosciamo oggi sarebbe arrivata in pochi anni. Ma se mi comportassi di conseguenza, sarei risparmiato prima della Grande Tribolazione.

Per fortuna, questo non è più il centro della mia fede cristiana o il fondamento della mia relazione con Dio. Ma se hai creduto qualcosa per così tanto tempo, è difficile liberarsene completamente. Questo tipo di visione del mondo può renderti dipendente, quindi tendi a vedere tutto ciò che accade attraverso gli occhiali di una speciale interpretazione degli eventi della fine del tempo. Ho sentito dire che le persone che si fissano sulla profezia del tempo della fine sono state considerate divertenti come apokaholics.

In realtà, questa non è una risata. Questo tipo di visione del mondo può essere dannoso. In casi estremi, può portare le persone a vendere tutto, abbandonare tutte le relazioni e trasferirsi in un luogo solitario per aspettare l'apocalisse.

Molti di noi non andrebbero così lontano. Ma un sentimento che la vita, come la conosciamo, sta volgendo al termine nel prossimo futuro, può far sì che le persone cancellino il dolore e la sofferenza intorno a loro e pensino, che diavolo? Guardano tutto ciò che li circonda in modo pessimista e diventano più spettatori e giudici confortevoli di quelli che lavorano per migliorare le cose. Alcuni addetti ai profeti arrivano addirittura al punto di rifiutarsi di sostenere gli aiuti umanitari perché credono che altrimenti potrebbero in qualche modo ritardare i tempi finali. Altri trascurano la loro salute e quella dei loro figli e non si preoccupano delle loro finanze perché credono che non ci sia un futuro per loro da pianificare.

Questo non è il modo di seguire Gesù Cristo. Ci ha chiamati per essere luci nel mondo. Tristemente, alcune luci dei cristiani sembrano essere come i riflettori di un elicottero della polizia che pattuglia il quartiere per rintracciare il crimine. Gesù vuole che siamo luci nel senso che aiutiamo a rendere questo mondo un posto migliore per le persone che ci circondano.

Mi piacerebbe offrirti una prospettiva diversa. Perché non credere che viviamo nei primi giorni invece che negli ultimi giorni?

Gesù non ci ha dato l'ordine di dichiarare la rovina e l'oscurità. Ci ha dato un messaggio di speranza. Ci ha detto di dire al mondo che la vita è appena inizia invece di cancellarla. Il vangelo ruota intorno a lui, chi è, cosa ha fatto e cosa è possibile a causa di ciò. Quando Gesù si staccò dalla sua tomba, tutto cambiò. Ha fatto tutte le cose nuove. In lui, Dio ha redento e riconciliato ogni cosa in cielo e sulla terra (Kol 1,16-17).

Questo meraviglioso scenario è sintetizzato nel cosiddetto versetto d'oro del Vangelo di Giovanni. Sfortunatamente, questo versetto è così noto che il suo potere è noioso. Ma guarda di nuovo questo verso. Raccogli lentamente e lascia che i fatti sorprendenti affondino: perché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca ma abbia vita eterna (Giovanni 3,16 ).

Il vangelo non è un messaggio di condanna e dannazione. Gesù lo ha chiarito nel versetto seguente: Dio non ha mandato il suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma per salvare il mondo attraverso di lui (Joh 3,17).

Dio vuole salvare il mondo, non distruggerlo. Ecco perché la vita dovrebbe riflettere speranza e gioia, non pessimismo e timore di timore. Gesù ci ha dato una nuova comprensione di cosa significa essere umani. Lungi dall'essere orientati verso l'interno, possiamo vivere in modo produttivo e costruttivo in questo mondo. Se abbiamo l'opportunità, dovremmo fare del bene a tutti, specialmente ai compagni di fede (Gal 6,10). La sofferenza nel Dafur, i problemi emergenti del cambiamento climatico, le ostilità in corso in Medio Oriente e tutti gli altri problemi che sono più vicini alla nostra patria sono la nostra preoccupazione. Come credenti, dovremmo prenderci cura gli uni degli altri e fare tutto il possibile per aiutare - e non sederci in disparte e sorridere compiaciosamente: te l'abbiamo detto.

Quando Gesù fu risuscitato dai morti, tutto cambiò - per tutte le persone - se lo sapessero o no. Il nostro lavoro è fare del nostro meglio così le persone lo sanno. Finché l'attuale mondo malvagio non farà il suo corso, incontreremo opposizione e talvolta anche persecuzioni. Ma siamo ancora agli inizi. In termini di eternità, questi primi duemila anni di cristianesimo sono a malapena un battito di ciglia.

Ogni volta che la situazione diventa pericolosa, la gente pensa comprensibilmente di vivere negli ultimi giorni. Ma i pericoli nel mondo sono andati e venuti per duemila anni e tutti i cristiani che erano assolutamente sicuri di vivere negli ultimi tempi avevano torto, ogni volta. Dio non ci ha dato un modo infallibile per avere ragione.

Ci ha dato un vangelo di speranza, un vangelo che deve essere conosciuto da tutte le persone in ogni momento. Abbiamo il privilegio di vivere nei primi giorni della nuova creazione iniziata quando Gesù risuscitò dai morti.

di Joseph Tkach