Perdite. , ,

Mentre preparavo i miei vestiti per un viaggio, ho scoperto che il mio maglione preferito era scomparso e non era sospeso nel mio armadio come al solito. Ho cercato ovunque ma non sono riuscito a trovarlo. Probabilmente ho dovuto lasciarlo in un altro viaggio in un hotel. Così ho preparato il top corrispondente e ho trovato qualcos'altro che posso indossare bene.

Non mi piace perdere le cose. È frustrante e snervante, specialmente quando ha un valore. Perdere qualcosa è snervante, oltre a dimenticare dove mettere le cose, come chiavi o documenti importanti. Essere derubati è anche peggio. Tali situazioni ti fanno sentire impotente e incapace di controllare la propria vita. Per lo più, non possiamo fare altro che accettare la perdita e andare oltre.

La perdita è una parte della vita senza la quale preferiremmo andare d'accordo, ma lo viviamo tutti. Gestire e accettare la perdita è una lezione che dobbiamo imparare presto e spesso. Ma anche nella vecchiaia e con l'esperienza di vita e la consapevolezza che le cose sono facili da sostituire, è comunque frustrante perderle. Alcune perdite, come perdere un pullover o una chiave, sono più facili da accettare rispetto a perdite maggiori, come la perdita di un'abilità fisica o di una persona cara. In definitiva, c'è la perdita delle nostre vite. Come manteniamo la giusta prospettiva? Gesù ci ha messo in guardia dal mettere i nostri cuori e le nostre speranze in tesori temporanei, tesori che possono essere persi, rubati o bruciati. Le nostre vite non consistono in ciò che possediamo. Il nostro valore non è misurato dalle dimensioni del nostro conto in banca e il nostro gusto per la vita non è raggiunto dall'accumulo di merci. Le perdite più dolorose non sono così facili da spiegare o ignorare. Invecchiamento di corpi, capacità di fuga e sensi, la morte di amici e familiari - come affrontarlo?

Le nostre vite sono transitorie e hanno una fine. Siamo come i fiori che sbocciano al mattino e appassiscono la sera. Mentre questo non è incoraggiante, le parole di Gesù sono: Io sono la risurrezione e la vita. Attraverso la sua vita possiamo essere tutti restaurati, rinnovati e redenti. Nelle parole di una vecchia canzone del Vangelo si dice: Perché Gesù vive, io vivo anche domani.

Perché vive, le perdite di oggi scompaiono. Ogni lacrima, ogni urlo, ogni incubo, ogni paura e ogni cuore spezzato saranno spazzati via e sostituiti con la gioia della vita e un amore per il Padre.

La nostra speranza è in Gesù - nel suo sangue purificante, nella sua vita risorta e nell'amore che abbraccia tutto. Ha perso la vita per noi e ha detto che se avessimo perso le nostre vite, lo avremmo trovato di nuovo in lui. Tutto è perduto da questa parte del cielo, ma tutto è trovato in Gesù, e quando verrà quel giorno felice, nulla sarà mai più perso.

di Tammy Tkach


pdfPerdite. , ,