La relazione di Dio con il suo popolo nei salmi

381 salda la relazione di dioMentre ci sono alcuni salmi che trattano la storia del popolo di Dio, la maggior parte dei salmi descrive la relazione dell'individuo con Dio. Si può presumere che un salmo riguardasse solo l'autore e non contenesse necessariamente una promessa agli altri. Tuttavia, i salmi sono stati inclusi nel libro degli inni dell'antico Israele, invitandoci a partecipare a una relazione come descritto in queste canzoni. Mostrano che Dio ha cercato non solo una relazione con la gente nel suo complesso, ma anche con gli individui in essa contenuti. Tutti potrebbero partecipare.

Lamentarsi piuttosto che capire

Tuttavia, il rapporto non è stato sempre così armonioso come avremmo voluto. La forma più comune di salmo era il lamento: quasi un terzo dei salmi era rivolto a Dio con una qualche forma di lamento. I cantanti hanno descritto un problema e hanno chiesto a Dio di risolverlo. Il salmo era spesso esagerato ed emozionante. Salmo 13,2-3 ne è un esempio: "Signore, per quanto tempo vuoi dimenticarmi completamente?" Per quanto tempo mi nascondi la tua faccia? Per quanto tempo dovrei preoccuparmi nella mia anima e temere nel mio cuore ogni giorno? Per quanto tempo il mio nemico dovrebbe elevarsi al di sopra di me?"

Le melodie erano conosciute come i salmi venivano spesso cantati. Anche a coloro che non sono stati toccati personalmente è stato chiesto di unirsi al lamento. Forse per ricordare loro che c'erano alcuni nel popolo di Dio che se la passavano davvero male. Si aspettavano l'intervento di Dio, ma non sapevano quando sarebbe accaduto. Questo descrive anche il nostro rapporto con Dio oggi. Sebbene Dio sia intervenuto attivamente tramite Gesù Cristo per sconfiggere i nostri peggiori nemici (il peccato e la morte), non sempre affronta i nostri problemi fisici con la rapidità che vorremmo. Le Lamentazioni ci ricordano che i guai possono durare a lungo. Quindi continuiamo a guardare a Dio e a sperare che risolva il problema.

Ci sono persino salmi che accusano Dio di dormire:
«Svegliati, svegliati, per giudicarmi e guidare la mia causa, mio ​​Dio e Signore! Signore mio Dio aiutami a rendere giustizia alla tua giustizia, affinché non si rallegrino in me. Non farle dire in cuor suo: là, là! Lo volevamo. Non lasciate che dicano: Lo abbiamo divorato (Sal 35,23-25).

I cantanti non immaginavano davvero che Dio si fosse addormentato dietro la panchina. Le parole non vogliono essere una rappresentazione fattuale della realtà. Piuttosto, descrivono lo stato emotivo personale - in questo caso è la frustrazione. Il libro degli inni nazionali ha invitato le persone a imparare questa canzone per esprimere la profondità dei propri sentimenti. Anche se in quel momento non si trovavano di fronte ai nemici descritti nel Salmo, potrebbe venire il giorno in cui lo fa. Perciò, in questo canto, si implora da Dio la punizione: «Si vergognino e si vergognino tutti quelli che si rallegrano della mia sventura; si rivestano di vergogna e disonore quelli che si vantano contro di me (v. 26)».

In alcuni casi, le parole "va oltre l'ordinario" - ben oltre ciò che ci aspetteremmo di sentire in chiesa: "Lascia che i tuoi occhi si oscurino in modo che non possano vedere e che i tuoi fianchi continuino a ondeggiare. Cancellali dal libro della vita, perché non siano scritti dai giusti» (Sal 69,24.29). Felice a colui che prende i tuoi figli piccoli e li fa a pezzi sulla roccia! (Salmo 137,9)

I cantanti lo intendevano letteralmente in quel modo? Forse alcuni lo hanno fatto. Ma c'è una spiegazione più comprensiva: dovremmo intendere il linguaggio estremo come un'iperbole - come esagerazioni emotive attraverso le quali il salmista... Dio vuole far sapere a Dio quanto sono forti i suoi sentimenti in una data situazione» (William Klein, Craig Blomberg e Robert Hubbard, Introduzione all'interpretazione biblica, p. 285).

I salmi sono pieni di linguaggio emotivo. Questo dovrebbe incoraggiarci ad essere in grado di esprimere i nostri sentimenti più profondi nella nostra relazione con Dio e di mettere i problemi nelle nostre mani.

Salmi di ringraziamento

Alcuni lamenti terminano con una promessa di lode e di ringraziamento: "Ringrazio il Signore per la sua giustizia e loderò il nome del Signore altissimo" (Salmo 7,18).

Questo può sembrare che l'autore offre a Dio un baratto: se mi aiuti, allora ti loderò. Ma in realtà la persona elogia Dio già. La richiesta di aiuto è l'ammissione implicita che Dio possa soddisfare la richiesta. Le persone stanno già aspettando il loro intervento nei momenti di bisogno e sperano di potersi riunire di nuovo per i servizi nei prossimi giorni di festa per applaudire i loro ringraziamenti e le loro lodi. Anche le loro melodie li conoscono bene. Anche i grandi sofferenti addolorati sono tenuti ad imparare i ringraziamenti e lodare i salmi, perché ci saranno momenti nella vita, poiché anche queste canzoni esprimono i loro sentimenti. Esso ci spinge a lodare Dio, anche se ci fa male personalmente, perché gli altri membri della nostra comunità potranno affrontare periodi di gioia. La nostra relazione con Dio non riguarda solo noi come individui: si tratta di essere membri del popolo di Dio. Se una persona è felice, siamo tutti felici; se una persona soffre, ne soffriamo tutti. I salmi di dolore e salmi di gioia sono ugualmente importanti per noi. Anche se siamo in grado di godere di un sacco di benedizioni, ci lamentiamo che molti cristiani sono perseguitati per la loro fede. E anche loro cantano salmi di gioia, sicuri che vedranno giorni migliori in futuro.

Il Salmo 18 è un esempio di ringraziamento per la salvezza di Dio da un'emergenza. Il primo versetto del Salmo spiega che Davide cantò le parole di questo Salmo "quando il Signore lo liberò dalla mano di tutti i suoi nemici": io grido al Signore, il Beato, e sarò salvato dai miei nemici. I vincoli della morte mi circondavano e mi terrorizzavano fiumi di rovina. I legami dei morti mi circondavano e le funi della morte mi sopraffacevano. Quando ebbi paura, invocai il Signore... La terra tremava e tremava, e le fondamenta dei monti si muovevano e tremavano... Il fumo si levava dal suo naso e il fuoco divoratore dalla sua bocca; Da lui sprizzarono fiamme (Salmo 18,4-9).

Di nuovo, David usa una scelta esagerata di parole per enfatizzare qualcosa. Ogni volta che siamo stati salvati da un'emergenza - causata da invasori, vicini, animali o siccità - ringraziamo e lodiamo Dio per tutto l'aiuto che ci sta dando.

canti di lode

Il salmo più breve illustra il concetto base di un inno: la chiamata alla lode seguita da una spiegazione: Lodate il Signore, tutti i pagani! Lodatelo, popoli tutti! Poiché la sua grazia e verità regnano su di noi per sempre. Hallelujah! (Salmo 117,1-2)

Il popolo di Dio è chiamato ad assorbire questi sentimenti come parte della loro relazione con Dio: sono sentimenti di ammirazione, ammirazione e sicurezza. Questi sentimenti di sicurezza sono sempre presenti nel popolo di Dio? No, i lamenti ci ricordano che siamo negligenti. Ciò che è sorprendente nel libro dei Salmi è che tutti i diversi tipi di Salmi sono stati mescolati insieme. Lode, grazie e lamento sono connessi; questo riflette il fatto che il popolo di Dio sperimenta tutte queste cose e che Dio è con noi ovunque andiamo.

Alcuni salmi trattano dei re di Giuda e probabilmente venivano cantati alle parate pubbliche ogni anno. Alcuni di questi salmi sono interpretati oggi come il Messia, poiché tutti i salmi trovano il loro compimento in Gesù. Come persona, ha sperimentato - come noi - preoccupazioni, paure, sentimenti di abbandono, ma anche di fede, di lode e di gioia. Lo lodiamo come nostro Re, Colui attraverso il quale Dio ci ha portato la salvezza. I salmi ispirano la nostra immaginazione. Ci rafforzano attraverso la nostra relazione viva con il Signore come membri del popolo di Dio.

di Michael Morrison


La relazione di Dio con il suo popolo nei salmi