GIORNO PER GIORNO


Il modo difficile

050 nel modo più difficile"Perché lui stesso ha detto:" Io non voglio certo toglierti la mano e certamente non voglio lasciarti "(Eb 13, 5 ZUB).

Cosa facciamo quando non riusciamo a vedere il nostro percorso? Probabilmente non è possibile attraversare la vita senza avere le preoccupazioni ei problemi che la vita porta con sé. A volte questi sono quasi insopportabili. La vita, a quanto pare, a volte è ingiusta. Perchè è così? Ci piacerebbe sapere. Molto imprevedibile ci affligge e ci chiediamo cosa significhi. Non è una novità, la storia umana è piena di lamentele, ma al momento non è possibile comprendere tutto questo. Ma quando ci manca la conoscenza, Dio ci dà qualcosa in cambio che chiamiamo fede. Abbiamo fede dove ci manca la visione d'insieme e la piena comprensione. Se Dio ci dà fede, allora andiamo avanti con fiducia, anche se non possiamo vedere, capire o indovinare come dovrebbero andare le cose.

Quando incontriamo difficoltà, Dio ci dà la fede che non dobbiamo assumerci il peso da soli. Quando Dio, che non può mentire, promette qualcosa, è come se fosse già una realtà. Cosa ci dice Dio dei tempi difficili? Paolo ci riferisce in 1. Corinzi 10:13 “Non avete ricevuto altra tentazione che quella umana; Ma Dio è fedele, colui che non ti permetterà di essere tentato oltre le tue capacità, ma creerà anche la fine con la tentazione affinché tu possa sopportarla ".

Questo è supportato e ulteriormente spiegato da 5. Mose 31, 6 und 8: „Seid fest und unentwegt,…

Leggi di più ➜

La fame dentro di noi

361 la fame dentro di noi"Tutti ti guardano in attesa e tu dai loro cibo al momento giusto. Apri la tua mano e saturerai le tue creature ... "(Salmo 145, 15-16 HFA).

A volte sento una fame piangente da qualche parte nel profondo di me. Nei miei pensieri, cerco di mancargli di rispetto e di sopprimerlo per un po '. Ma all'improvviso torna alla luce.

Sto parlando del desiderio, del desiderio in noi di capire meglio la profondità, il grido di appagamento che cerchiamo disperatamente di riempire con altre cose. So che voglio di più da Dio. Per qualche ragione, tuttavia, quell'urlo mi spaventa, come se volesse chiedere più di quello che sono in grado di dare. È una paura se la lascio alzare, il che mi mostrerebbe i lati terribili. Mostrerebbe la mia vulnerabilità, rivelerebbe il mio bisogno di dipendenza da qualcosa o qualcuno più grande. David era affamato di Dio, che non poteva essere espresso con semplici parole. Scrisse Salmo per Salmo e ancora non riusciva a spiegare cosa stava cercando di dire.

Voglio dire, tutti noi sperimentiamo questa sensazione di tanto in tanto. In Atti 17,27 Dice: "Ha fatto tutto questo perché voleva che le persone lo cercassero. Dovrebbero essere in grado di sentirlo e trovarlo. E davvero, è così vicino a ciascuno di noi!” È Dio che ci ha creati per desiderarlo. Quando ci tira, proviamo fame. Molte volte ci prendiamo un breve periodo di silenzio o una preghiera, ma prendiamo...

Leggi di più ➜