Il mediatore è il messaggio

056 il broker è il messaggio «Ancora e ancora, anche prima del nostro tempo, Dio ha parlato ai nostri antenati in molti modi attraverso i profeti. Ma ora, in questo ultimo tempo, Dio ci ha parlato tramite suo Figlio. Per mezzo di lui Dio creò il cielo e la terra e lo fece anche un'eredità su ogni cosa. Nel Figlio si manifesta la gloria divina del Padre suo, perché è tutta immagine di Dio » (Lettera agli Ebrei 1,1: 3 Speranza per tutti).

Gli scienziati sociali usano parole come "moderno", "post-moderno" o anche "post-post-moderno" per descrivere il tempo in cui viviamo. Raccomandano anche tecniche diverse per comunicare con ogni generazione.

In qualsiasi momento viviamo, la vera comunicazione è possibile solo quando entrambe le parti vanno oltre il parlare e l'ascoltare, fino al livello della comprensione. Parlare e ascoltare sono mezzi per un fine. L'obiettivo della comunicazione è la vera comprensione. Solo perché qualcuno è stato in grado di parlare e ascoltare qualcuno e quindi adempiere al proprio dovere non significa necessariamente che queste persone si siano capite. E se non si capivano veramente, non comunicavano veramente, conversavano e ascoltavano senza capire.

È diverso con Dio. Dio non solo ci ascolta e ci parla delle sue intenzioni, comunica con comprensione. Prima ci dà la Bibbia. Questo non è un libro, è l'auto-rivelazione di Dio per noi. Attraverso loro ci comunica chi è, quanto ci ama, quanti doni ci dà, come possiamo conoscerlo e come organizzare al meglio le nostre vite. La Bibbia è una guida per la vita adempiuta che Dio ha inteso per i Suoi figli. Non importa quanto sia grande la Bibbia, non è la più alta forma di comunicazione.

L'ultimo modo in cui Dio comunica è attraverso la rivelazione personale tramite Gesù Cristo. Lo apprendiamo dalla Bibbia. Dio comunica il suo amore diventando uno di noi, condividendo con noi l'umanità, le nostre sofferenze, le nostre tentazioni e le nostre pene. Gesù si è preso i nostri peccati, li ha perdonati tutti e ha creato un posto per noi con lui al fianco di Dio. Anche il nome di Gesù trasmette l'amore di Dio per noi. Gesù significa: Dio è la salvezza. Un altro nome applicato a Gesù, "Emmanuele", significa "Dio con noi".

Gesù non è solo il Figlio di Dio, ma anche la "Parola di Dio", che ci rivela il Padre e la volontà del Padre. «La parola si fece uomo e visse in mezzo a noi. Noi stessi abbiamo visto la sua gloria divina, come Dio dà solo al suo unico Figlio. In lui è venuto a noi l'amore perdonatore e la fedeltà di Dio »(Giovanni 1:14).

Secondo la volontà di Dio "chiunque vede il Figlio e crede in lui vivrà per sempre" (Giovanni 6:40).

Dio stesso ha preso l'iniziativa per noi di conoscerlo. E ci invita a comunicare con lui personalmente leggendo le Scritture, pregando e facendo amicizia con altri che lo conoscono. Ci conosce già, non è ora di conoscerlo meglio?

di Joseph Tkach


pdfIl mediatore è il messaggio