Chi è il mio nemico?

Non dimenticherò mai quel tragico giorno a Durban, in Sud Africa. Avevo 13 anni e stavo giocando a tag nel cortile con i miei fratelli, sorelle e amici in una bella giornata di sole di beatitudine quando mia madre chiamò la famiglia dentro. Le lacrime le scorrevano sul viso mentre teneva in mano un articolo di giornale che riportava la tragica morte di mio padre in Africa orientale.

Le circostanze che circondano la sua morte hanno sollevato alcuni punti interrogativi. Tuttavia, tutto sembrava indicare che fosse vittima della guerra di Mao Mao, che durò dal 1952 al 1960 e fu diretta contro il dominio coloniale del Kenya. Il gruppo più attivo nel conflitto armato proveniva dai Kikuyu, la più numerosa tribù del Kenya. Anche se gli scontri erano diretti principalmente contro il potere coloniale britannico e i coloni bianchi, ci furono anche violenti scontri tra Mao Mao e gli africani leali. Mio padre era un maggiore in un reggimento keniota all'epoca e svolse un ruolo importante nella guerra ed era quindi sulla lista dei risultati. Ero emotivamente disperato, confuso e molto turbato da giovane adolescente. L'unica cosa di cui ero consapevole era la perdita del mio amato padre. Questo è stato poco dopo la fine della guerra. Aveva programmato di trasferirsi in Sud Africa con noi in pochi mesi. A quel tempo non capivo il motivo esatto della guerra e sapevo solo che mio padre stava combattendo un'organizzazione terroristica. Era il nemico che ha fatto perdere la vita a molti dei nostri amici!

Non solo abbiamo dovuto far fronte alla perdita traumatica, ma ci siamo anche trovati di fronte al fatto che avremmo potuto affrontare una vita di grande povertà perché le autorità statali si sono rifiutate di ripagarci il valore della nostra proprietà in Africa orientale. Mia madre dovette quindi affrontare la sfida di trovare un lavoro e crescere cinque figli in età scolare con uno stipendio esiguo. Anche così, negli anni che seguirono, rimasi fedele alla mia fede cristiana e non feci rabbia o odio contro le persone responsabili della terribile morte di mio padre.

Nessun altro modo

Le parole che Gesù pronunciò mentre era appeso alla croce, guardando quelle persone che lo avevano denunciato, schernito, frustato, inchiodato alla croce e guardato morire agonizzante, mi confortarono nel mio dolore: «Padre, perdona perché non sanno cosa stanno facendo ".
La crocifissione di Gesù fu istigata dai capi religiosi ipocriti dell'epoca, gli scribi e i farisei, avvolti dalla politica, dall'autorità e dall'autocompiacimento nel loro mondo. Sono cresciuti in questo mondo ed erano profondamente radicati nella loro psiche e nelle tradizioni culturali del loro tempo. Il messaggio che Gesù predicava rappresentava una seria minaccia per l'esistenza di questo mondo, quindi escogitarono un piano per assicurarlo alla giustizia e crocifiggerlo. Era completamente sbagliato farlo, ma non vedevano altro modo.


I soldati romani facevano parte di un altro mondo, parte di un dominio imperialista. Hanno semplicemente eseguito gli ordini dei loro superiori come avrebbe fatto qualsiasi altro soldato leale. Non vedevano altro modo.

Anch'io ho dovuto affrontare la verità: i ribelli di Mao Mao sono stati coinvolti in una guerra feroce che riguardava la sopravvivenza. La tua libertà è stata compromessa. Sono cresciuti credendo nella loro causa e hanno scelto la via della violenza per assicurarsi la libertà. Non vedevano altro modo. Molti anni dopo, nel 1997, fui invitato come ospite in una riunione vicino a Kibirichia nella regione orientale di Meru in Kenya. È stata un'entusiasmante opportunità per esplorare le mie radici e mostrare a mia moglie e ai miei figli la maestosa natura del Kenya e ne sono rimasti entusiasti.

Nel mio discorso di apertura ho parlato dell'infanzia che ho vissuto in questo bellissimo paese, ma non ho parlato del lato oscuro della guerra e della morte di mio padre. Poco dopo la mia apparizione, un signore anziano dai capelli grigi è venuto da me camminando su una stampella e con un grande sorriso sul volto. Circondato da un gruppo entusiasta di circa otto nipoti, mi ha chiesto di sedermi perché voleva dirmi qualcosa.

Un momento toccante seguito da una sorpresa inaspettata. Ha parlato francamente della guerra e di come si trovava in una terribile battaglia come membro del Kikuju. Ho sentito parlare dell'altro lato del conflitto. Ha detto che faceva parte di un movimento che voleva vivere liberamente e lavorare nelle terre che gli erano state sottratte. Purtroppo, lui e molte migliaia di altri cari si sono persi, comprese donne e bambini. Questo gentiluomo cristiano di buon cuore poi mi guardò con occhi pieni d'amore e disse: "Mi dispiace molto per la perdita di tuo padre". Ho trovato difficile trattenere le lacrime. Qui stavamo parlando come cristiani qualche decennio dopo, dopo essere stati da parti opposte in una delle guerre più crudeli del Kenya, anche se ero solo un bambino ingenuo durante il conflitto.
 
Siamo stati subito collegati in profonda amicizia. Anche se non ho mai trattato con amarezza le persone responsabili della morte di mio padre, ho sentito una profonda riconciliazione con la storia. Filippesi 4,7 poi mi venne in mente: "E la pace di Dio, che è più alta di ogni ragione, custodisci i tuoi cuori e le tue menti in Cristo Gesù". L'amore, la pace e la grazia di Dio ci unirono in unità alla sua presenza. Le nostre radici in Cristo ci hanno portato alla guarigione, interrompendo il ciclo di dolore in cui avevamo trascorso la maggior parte delle nostre vite. Un'indescrivibile sensazione di sollievo e di liberazione ci ha riempiti. Il modo in cui Dio ci ha riuniti riflette la futilità della guerra, del conflitto e dell'ostilità. Nella maggior parte dei casi, nessuna delle due parti aveva davvero vinto. È straziante vedere i cristiani combattere i cristiani a favore della loro causa. In tempo di guerra, entrambe le parti pregano Dio e Gli chiedono di stare dalla loro parte, e in tempo di pace, gli stessi cristiani sono molto probabilmente amici tra loro.

Imparare a lasciare andare

Questo incontro che mi ha cambiato la vita mi ha aiutato a capire meglio i versetti della Bibbia che parlano dell'amore per il nemico (Luca 6,27-36). A parte una situazione di guerra, richiede anche la domanda su chi sia il nostro nemico e avversario? E le persone che incontriamo ogni giorno? Suscitiamo odio e avversione per gli altri? Forse contro il capo, con il quale non andiamo d'accordo? Forse contro l'amico fidato che ci ha ferito profondamente? Forse contro il vicino con cui siamo in disputa?

Il testo di Luca non proibisce comportamenti sbagliati. Piuttosto, si tratta di mantenere il quadro generale in vista esercitando il perdono, la grazia, la bontà e la riconciliazione e diventando la persona che Cristo ci chiama ad essere. Si tratta di imparare ad amare come Dio ama mentre maturiamo e cresciamo come cristiani. L'amarezza e il rifiuto possono facilmente portarci prigionieri e prendere il controllo. Imparare a lasciar andare mettendo nelle mani di Dio le circostanze che non possiamo controllare e influenzare fa la vera differenza. In Giovanni 8,31: 32, Gesù ci incoraggia ad ascoltare le sue parole e ad agire di conseguenza: «Se obbedirete alla mia parola, sarete veramente miei discepoli e conoscerete la verità, e la verità vi renderà liberi. " Questa è la chiave della libertà nel suo amore.

di Robert Klynsmith


pdfChi è il mio nemico?