MEDIA


La storia pastorale

693 la storia del pastoreUno sconosciuto alto e forte, sulla cinquantina, entrò con passo pesante nella locanda affollata e si guardò intorno, sbattendo le palpebre alla luce fumosa delle lampade a olio di argilla che erano sparse casualmente per la stanza. Abiel e io l'abbiamo annusato prima di vederlo. Istintivamente abbiamo spostato le nostre posizioni al nostro tavolino per farlo sembrare più piccolo. Tuttavia, lo sconosciuto si avvicinò a noi e chiese: Mi faresti spazio?

Abiel mi guardò interrogativamente. Non volevamo che si sedesse accanto a noi. Sembrava un pastore e odorava di conseguenza. La locanda era piena al tempo della Pasqua e degli Azzimi. La legge richiedeva che gli estranei fossero trattati in modo ospitale, anche se erano pastori.

Abiel gli ha offerto un posto e un drink dalla nostra bottiglia di vino. Sono Nathan e questo è Abiel, ho detto. Da dove vieni, straniero? Hebron, disse, e il mio nome è Jonathan. Hebron si trova 30 chilometri a sud di Gerusalemme, nel luogo in cui Abramo seppellì sua moglie Sara più di 1500 anni fa.

Sono venuto qui poco prima del festival, ha continuato Jonathan. Posso dirtelo, i soldati stanno sciamando qui e sarò felice di andarmene presto. Si arrabbiò con i romani e sputò per terra. Abiel ed io ci scambiammo degli sguardi. Se eri qui per la Pasqua, devi aver visto il terremoto...

Leggi di più ➜

Dio è con noi

508 dio è con noiIl periodo natalizio è alle nostre spalle. Come la nebbia, tutti i segni del Natale scompariranno nei nostri giornali, in televisione, nelle vetrine, nelle strade e nelle case.

Probabilmente avrai sentito il detto: "Il Natale accade solo una volta all'anno". La storia del Natale è una buona notizia da parte di un Dio che non si ferma solo di tanto in tanto, come ha fatto con il popolo d'Israele. È una storia su Emmanuele, "Dio con noi" - che è sempre presente.

Quando le tempeste della vita si abbattono su di noi da tutte le parti, è difficile rendersi conto che Dio è con noi. Possiamo sentire che Dio dorme, come quando Gesù era sulla barca con i suoi discepoli: “E salì sulla barca e i suoi discepoli lo seguirono. Ed ecco, una tremenda tempesta si levò sul lago, tanto che anche la barca fu coperta dalle onde. Ma dormiva. E vennero da lui, lo svegliarono e dissero: Signore, aiuto, stiamo per morire! ”(Matt 8,23-25 LUT).

Era una situazione burrascosa al momento in cui fu predetta la nascita di Gesù. Gerusalemme era stata attaccata: “È stato annunciato alla casa di Davide che gli Aramei si sono accampati a Efraim. Allora il suo cuore e il cuore del suo popolo tremarono come gli alberi della foresta tremano davanti al vento [tempesta] ”(Isa 7,2 LUT). Dio sapeva quanto terrorizzava il re...

Leggi di più ➜