Nel posto giusto al momento giusto

536 nel posto giusto al momento giustoDurante una riunione di acquisizione di clienti in uno dei nostri negozi, un dipendente mi ha parlato della sua strategia: "Devi essere nel posto giusto al momento giusto". Ho pensato che questa fosse sicuramente una buona strategia. Tuttavia, tutto è più facile a dirsi che a farsi. Sono stato nel posto giusto al momento giusto alcune volte, ad esempio quando sono andato a fare una passeggiata sulla spiaggia in Australia e ho incontrato un gruppo di persone che avevano appena visto le balene. Solo pochi giorni prima ero stato in grado di osservare un uccello raro, il ridendo Hans. Non ti piacerebbe essere sempre nel posto giusto al momento giusto? A volte succede per caso, altre volte è una risposta alla preghiera. È qualcosa che non possiamo né pianificare né controllare.

Se siamo nel posto giusto al momento giusto, alcuni lo attribuiscono a una costellazione di stelle e altri lo chiamano semplicemente fortuna. Ai credenti piace chiamare una situazione del genere "l'intervento di Dio nella nostra vita" perché credono che Dio sia stato coinvolto in questa situazione. L'intervento di Dio può essere qualsiasi situazione che fa sembrare che Dio abbia unito le persone o le circostanze per il bene. «Sappiamo però che ogni cosa serve al meglio per coloro che amano Dio, per coloro che sono chiamati secondo i suoi consigli» (Romani 8,28). Questo versetto ben noto e talvolta frainteso non significa necessariamente che tutto ciò che accade nella nostra vita sia guidato e controllato da Dio. Tuttavia, ci esorta a cercare il meglio anche in tempi difficili e circostanze tragiche.

Quando Gesù è morto sulla croce, i suoi seguaci si sono anche chiesti come questa esperienza dell'orrore dovrebbe produrre qualcosa di buono. Alcuni dei suoi discepoli tornarono alle loro vecchie vite e lavorarono come pescatori perché si erano rassegnati alla conclusione che la morte sulla croce significasse la fine di Gesù e della sua missione. Durante quei tre giorni tra la morte sulla croce e la risurrezione, tutte le speranze sembravano perse. Ma come i discepoli in seguito hanno imparato e lo sappiamo oggi, nulla è stato perso con la croce, ma molto di più ha vinto tutto. La morte sulla croce non era la fine per Gesù, ma solo l'inizio. Naturalmente, Dio ha previsto fin dall'inizio che qualcosa di buono dovrebbe uscire da questa situazione apparentemente impossibile. Era più che una coincidenza o l'intervento di Dio, ma era il piano di Dio sin dall'inizio. Tutta la storia umana ha portato a questo punto di svolta. Egli è il punto centrale nel grande piano di Dio di amore e salvezza.

Gesù era nel posto giusto al momento giusto e quindi abbiamo sempre ragione dove siamo adesso. Siamo esattamente dove Dio ci vuole. In Lui e per mezzo di Lui siamo sicuramente incorporati in Padre, Figlio e Spirito Santo. Amato e liberato dallo stesso potere che Gesù ha risuscitato dai morti. Non dobbiamo preoccuparci se la nostra vita vale qualcosa e fa la differenza sulla terra. Non importa quanto disperate le condizioni di vita intorno a noi sembrano essere, possiamo essere sicuri che tutto sarà messo insieme per il meglio, perché Dio ci ama.

Proprio come le donne e i discepoli abbandonarono disperatamente la speranza durante questi tre giorni bui, a volte anche noi disperavamo per le nostre vite o per quelle degli altri perché non sembra esserci speranza in vista. Ma Dio asciugherà ogni singola lacrima e ci darà il buon finale che desideriamo. Tutto ciò accade solo perché Gesù era nel posto giusto al momento giusto.

di Tammy Tkach