Vino da matrimonio

619 vino da matrimonioGiovanni, un discepolo di Gesù, racconta una storia interessante avvenuta all'inizio del ministero di Gesù sulla terra. Gesù aiutò una festa di matrimonio a uscire da un grande imbarazzo trasformando l'acqua nel vino della migliore qualità. Mi sarebbe piaciuto provare questo vino e sono in linea con Martin Lutero, che ha affermato: "La birra è opera dell'uomo, ma il vino viene da Dio".

Anche se la Bibbia non dice nulla sul tipo di vino che Gesù aveva in mente quando trasformò l'acqua in vino al matrimonio, potrebbe essere stata la "Vitis vinifera", una varietà da cui proviene la maggior parte delle uve oggi utilizzate nel vino sarà prodotto. Questo tipo di vino produce uve che hanno bucce più spesse e noccioli più grandi e sono solitamente più dolci dei vini da tavola che conosciamo.

Trovo sorprendente che il primo miracolo pubblico di Gesù di trasformare l'acqua in vino sia avvenuto prevalentemente nella sfera privata, senza che la maggior parte degli invitati alla festa di nozze nemmeno si accorgesse di nulla. Giovanni chiamò il miracolo, segno mediante il quale Gesù rivelò la sua gloria (Giovanni 2,11). Ma come ha fatto questo? Nel guarire le persone, Gesù ha rivelato la sua autorità di perdonare i peccati. Maledicendo il fico, mostrò che il giudizio sarebbe arrivato sul tempio. Guarendo di sabato, Gesù ha rivelato la sua autorità sul sabato. Risuscitando le persone dai morti, ha rivelato di essere la risurrezione e la vita. Dando da mangiare a migliaia, ha rivelato di essere il pane della vita. Nel dare miracolosamente generosamente una cena di nozze a Cana, Gesù ha chiarito che è lui che detiene il compimento delle grandi benedizioni del regno di Dio. «Gesù fece molti altri segni davanti ai suoi discepoli, che non sono scritti in questo libro. Ma queste sono scritte perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome» (Gv 20,30, 31).

Questo miracolo è di grande importanza perché ha dato ai discepoli di Gesù una prova fin dall'inizio che era davvero il Figlio di Dio incarnato che era stato inviato per salvare il mondo.
Mentre medito su questo miracolo, vedo nella mia mente come Gesù ci sta trasformando in qualcosa di molto più glorioso di quanto saremmo mai senza la Sua meravigliosa opera nelle nostre vite.

Il matrimonio con Kana

Passiamo ora a uno sguardo più da vicino alla storia. Inizia con un matrimonio a Cana, un piccolo villaggio della Galilea. La posizione non sembra avere molta importanza, piuttosto il fatto che sia stato un matrimonio. I matrimoni erano le celebrazioni più grandi e importanti per gli ebrei: le settimane di celebrazioni segnalavano lo status sociale della nuova famiglia all'interno della comunità. I matrimoni erano tali celebrazioni che il banchetto nuziale veniva spesso citato metaforicamente nel descrivere le benedizioni dell'era messianica. Gesù stesso usò questa immagine per descrivere il regno di Dio in alcune delle sue parabole.

Il vino era finito e Maria informò Gesù, al che Gesù rispose: “Che c'entra questo con te e me, donna? Non è ancora giunta la mia ora» (Johannes 2,4 Bibbia di Zurigo). A questo punto Giovanni fa notare che Gesù è in una certa misura in anticipo sui tempi in ciò che fa. Maria si aspettava che Gesù facesse qualcosa perché ordinava ai servi di fare tutto ciò che lui diceva loro di fare. Non sappiamo se stesse pensando a un miracolo oa una breve deviazione al mercato del vino più vicino.

Abluzioni rituali

Johannes riferisce: “C'erano sei brocche d'acqua di pietra, come quelle usate dagli ebrei per le abluzioni prescritte, in piedi nelle vicinanze. Le brocche contenevano da ottanta a centoventi litri ciascuna» (Johannes 2,6 Nuova traduzione di Ginevra). Per i loro riti di purificazione preferivano l'acqua dei contenitori di pietra ai vasi di ceramica altrimenti utilizzati. Questa parte della storia sembra essere di grande importanza. Gesù stava per trasformare in vino l'acqua destinata ai riti delle abluzioni ebraiche. Immagina cosa sarebbe successo se gli ospiti avessero voluto lavarsi di nuovo le mani. Avrebbero cercato i vasi d'acqua e li avrebbero trovati pieni di vino! Non sarebbe rimasta acqua per il suo rito stesso. Così, la purificazione spirituale dei peccati attraverso il sangue di Gesù ha sostituito le abluzioni rituali. Gesù compì questi riti e li sostituì con qualcosa di molto migliore: lui stesso. I servi poi trangugiarono un po' del vino e lo portarono al maggiordomo, il quale poi disse allo sposo: «Ognuno dà prima il vino buono e se è ubriaco , il povero vino ; ma fino ad ora hai trattenuto il buon vino» (Giov 2,10).

Perché pensi che John abbia registrato queste parole? Come consiglio per futuri banchetti o per dimostrare che Gesù sa fare del buon vino? No, intendo per il loro significato simbolico. Il vino è un simbolo del suo sangue versato, che porta al perdono di tutte le colpe dell'umanità. Le abluzioni rituali erano solo l'ombra del meglio che doveva venire. Gesù ha portato qualcosa di nuovo e migliore.

La pulizia del tempio

Per approfondire questo argomento, Giovanni ci racconta di seguito come Gesù cacciò i mercanti dal cortile del tempio. Ricolloca la storia nel contesto del giudaismo: "Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme" (Giovanni 2,13). Gesù trovò persone nel tempio che vendevano animali e scambiavano denaro lì. Erano animali che venivano offerti in offerta dai credenti per il perdono dei peccati e denaro che serviva per pagare le tasse del tempio. Gesù legò un semplice flagello e cacciò tutti fuori.

È sorprendente che un individuo sia stato in grado di scacciare tutti i concessionari. Suppongo che i commercianti sapessero che non appartenevano a questo posto e che anche molte persone comuni non li volevano qui. Gesù si limitò a mettere in pratica ciò che le persone già sentivano e i commercianti sapevano di essere in inferiorità numerica. Giuseppe Flavio descrive altri tentativi da parte dei capi ebrei di cambiare le usanze del tempio; in questi casi si levò un tale clamore tra la gente che gli sforzi furono fermati. Gesù non aveva nulla contro la gente che vendeva animali per i sacrifici o scambiava denaro per i sacrifici del tempio. Non ha detto nulla sulle commissioni di cambio addebitate per questo. Ciò che denunciò fu semplicemente il luogo prescelto per esso: «Fatte di funi un flagello e li cacciò tutti al tempio con le pecore e i buoi e versò il denaro ai cambiavalute e rovesciò le tavole e parlò a quelli che i piccioni hanno venduto: Portatelo via e non trasformare la casa di mio padre in un grande magazzino! " (Giovanni 2,15-16). Avevano fatto affari redditizi per fede.

I capi giudei della fede non arrestarono Gesù, sapevano che il popolo approvava ciò che aveva fatto, ma gli chiesero cosa gli dava il diritto di agire così: «Che segno ci stai mostrando che ti è permesso per fare questo? ? Gesù rispose e disse loro: Distruggete questo tempio e in tre giorni lo rialzerò" (Giovanni 2,18-19).

Gesù non spiegò loro perché il tempio non era il posto giusto per questo tipo di attività. Gesù parlò del proprio corpo, che i capi ebrei non conoscevano. Senza dubbio pensavano che la sua risposta fosse ridicola, ma ora non l'hanno arrestato. La risurrezione di Gesù mostra che era autorizzato a purificare il tempio e le sue parole già indicavano la sua imminente distruzione.

«Allora dissero i Giudei: Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni, e in tre giorni lo farai risorgere? Ma ha parlato del tempio del suo corpo. Quando fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo e credettero alle Scritture e alla parola detta da Gesù» (Giovanni 2,20-22).

Gesù pose fine sia al sacrificio del tempio che ai rituali di purificazione, ei capi ebrei lo aiutarono inconsapevolmente cercando di distruggerlo fisicamente. Entro tre giorni, tuttavia, tutto, dall'acqua al vino e dal vino al suo sangue, doveva essere simbolicamente trasformato: il rito morto doveva diventare l'ultima pozione di fede. Alzo il mio bicchiere alla gloria di Gesù, al regno di Dio.

di Joseph Tkach