Sii una benedizione per gli altri

574 essere una benedizione per gli altriLa Bibbia parla esplicitamente della benedizione in più di 400 luoghi. Inoltre, ce ne sono molti altri che si occupano indirettamente di lui. Non sorprende che ai cristiani piaccia usare questo termine nella loro vita con Dio. Nelle nostre preghiere chiediamo a Dio di benedire i nostri figli, nipoti, coniugi, genitori, parenti, amici, collaboratori e molte altre persone. Sui nostri biglietti di auguri scriviamo "Dio ti benedica" e usiamo frasi come "Abacuc un giorno benedetto". Non esiste una parola migliore per descrivere la bontà di Dio per noi, e speriamo che lo ringraziamo ogni giorno per le sue benedizioni. Penso che sia altrettanto importante essere una benedizione per gli altri.

Quando Dio chiese ad Abramo di lasciare la sua patria, gli disse cosa stava progettando: "Voglio fare di te un grande popolo e voglio benedirti e farti un grande nome, e tu sarai una benedizione" (1. Mosè 12,1-2). L'edizione New Life Bible dice: "Voglio farti una benedizione per gli altri". Mi interessa molto questo passaggio della Bibbia e spesso mi chiedo: "Sono una benedizione per gli altri?"

Sappiamo che dare è più benedetto che ricevere (Atti 20,35). Sappiamo anche condividere le nostre benedizioni con gli altri. Credo che quando si tratta di essere una benedizione per gli altri, ci sia di più. La benedizione contribuisce in modo significativo alla felicità e al benessere o è un dono del cielo. Le persone si sentono meglio o addirittura benedette in nostra presenza? O preferiresti stare con qualcun altro che è molto più fiducioso nella vita?

Come cristiani dovremmo essere la luce del mondo (Matteo 5,14-16). Il nostro compito non è risolvere i problemi del mondo, ma risplendere come una luce nell'oscurità. Sapevi che la luce viaggia più veloce del suono? La nostra presenza illumina il mondo di coloro che incontriamo? Siamo quindi una benedizione per gli altri?

Essere una benedizione per gli altri non dipende dal fatto che la nostra vita vada bene. Quando Paolo e Sila erano in prigione, decisero di non maledire la loro situazione. Hanno continuato a lodare Dio. Il loro esempio è stato una benedizione per gli altri prigionieri e le guardie carcerarie6,25-31). A volte le nostre azioni durante i momenti difficili possono essere utili agli altri e non ne sapremo nemmeno nulla. Quando siamo devoti a Dio, Egli può fare cose miracolose attraverso di noi senza che ce ne accorgiamo.

Chi può sapere con quante persone entrerà in contatto? Si dice che una persona possa colpire fino a 10.000 persone durante la loro vita. Non sarebbe meraviglioso se potessimo essere una benedizione per ognuna di queste persone, non importa quanto piccole? È possibile. Dobbiamo solo chiedere: "Signore, per favore fammi una benedizione per gli altri!"

Un suggerimento alla fine. Il mondo sarebbe un posto migliore se implementassimo la regola della vita di John Wesley:

"Fai il meglio che puoi
con tutti i mezzi a tua disposizione
in ogni modo possibile
quando e dove puoi
verso tutte le persone e
il più a lungo possibile. »
(John Wesley)

di Barbara Dahlgren