Cristo è qui!

Una delle mie storie preferite è del famoso scrittore russo Leo Tolstoy. Scrisse di un calzolaio vedovo di nome Martin, che una notte sognò che Cristo avrebbe visitato il suo laboratorio il giorno seguente. Martin era profondamente commosso e voleva assicurarsi che non fosse come il fariseo che non ha salutato Gesù sulla porta. Così si alzò prima dell'alba, preparò la zuppa e cominciò a guardare attentamente la strada mentre stava facendo il suo lavoro. Voleva essere pronto quando Gesù arrivò.

Poco dopo l'alba, vide un soldato in pensione spalare la neve. Mentre il vecchio veterano lasciava la pala per riposarsi e scaldarsi, Martin provò compassione per lui e lo invitò a sedersi accanto al fornello ea bere tè caldo. Martin raccontò al soldato del suo sogno che aveva avuto la scorsa notte e di come aveva trovato conforto nel leggere i Vangeli dopo la morte del suo giovane figlio. Dopo diverse tazze di tè e dopo aver ascoltato diverse storie sulla bontà di Gesù verso le persone che erano di umore basso nella vita, lasciò il laboratorio e ringraziò Martin per nutrire il suo corpo e la sua anima.
Più tardi quella mattina, una donna mal vestita si fermò di fronte al negozio per imballare meglio il suo bambino urlante. Martin uscì dalla porta e invitò la donna a entrare per poter dare da mangiare al bambino vicino al forno caldo. Quando scoprì che non aveva niente da mangiare, le diede la zuppa che aveva preparato, insieme a un cappotto e dei soldi per uno scialle.

Nel pomeriggio, la moglie di un vecchio venditore ambulante con alcune mele rimanenti si fermò nel suo cesto dall'altra parte della strada. Portava un pesante sacco di trucioli di legno sulla spalla. Mentre bilanciava il cesto su uno stipite per rotolare il sacco sull'altra spalla, un ragazzo con un berretto frastagliato afferrò una mela e cercò di scappare con esso. La donna lo ha catturato, voleva batterlo e trascinarlo alla polizia, ma Martin è scappato dal suo laboratorio e le ha chiesto di perdonare il ragazzo. Quando la donna ha protestato, ha ricordato Martin della parabola di Gesù del servo che il padrone ha perdonato un grande debito, ma poi è andato via e afferrò il suo debitore per il colletto. Ha fatto scusare il ragazzo. Dovremmo perdonare tutte le persone e specialmente i senza pensieri, disse Martin. Può darsi che la donna si sia lamentata di questa giovane canaglia già così viziata. Poi tocca a noi, il Vecchio, per insegnarle meglio, rispose Martin. La donna fu d'accordo e iniziò a parlare dei suoi nipoti. Poi guardò il colpevole e disse: Che Dio vada con lui. Mentre prese la borsa per andare a casa, il ragazzo si lanciò in avanti e disse: "No, fammi indosso," Martin guardò mentre camminavano lungo la strada e poi tornò al suo lavoro. Presto era buio, quindi accese una lampada, mise da parte gli attrezzi e ripulì l'officina. Quando si sedette a leggere il Nuovo Testamento, vide in un buio figure angolari e una voce che diceva:? "? Martin Martin tu non sai di me" "Chi sei", chiese Martin ?.

Sono io, ho sussurrato la voce, vedi, sono io. Dall'angolo arrivò il vecchio soldato. Sorrise e poi scomparve.

Sono io, la voce sussurrò di nuovo. Dallo stesso angolo arrivò la donna con il suo bambino. Sorridevano e sparivano.

Sono io! La voce sussurrò di nuovo, e la vecchia e il ragazzo che rubarono la mela uscirono dall'angolo. Sorridevano e svanivano come gli altri.

Martin era felicissimo. Si sedette con il suo Nuovo Testamento, che si era aperto da solo. Ha letto in cima alla pagina:

"Perché avevo fame e mi hai dato da mangiare. Avevo sete e mi hai dato da bere. Ero un estraneo e tu mi hai accolto. ")" Quello che hai fatto a uno di questi miei fratelli minori, mi hai fatto questo "(Mt 25,35 e 40).

In effetti, cosa c'è di più cristiano che mostrare gentilezza e gentilezza delle persone verso le persone che ci circondano? Proprio come Gesù ci ha amato e ha dato se stesso per noi, attraverso lo Spirito Santo, ci attira nella sua gioia e nell'amore della sua vita con il Padre e ci dà la forza di condividere il suo amore con gli altri.

di Joseph Tkach


pdfCristo è qui!