Le miniere di re Salomone (parte 13)

"Sono un combattente. Credo che questa roba faccia a faccia. Tengo la mia guancia. Non ho rispetto per un uomo che non reagisce. Se uccidi il mio cane, allora dovresti portare il tuo gatto al sicuro. "Questo detto potrebbe essere divertente, ma allo stesso tempo, questo atteggiamento dell'ex campione del mondo di pugilato Muhammad Ali è uno che molte persone condividono. L'ingiustizia ci capita e a volte fa così male che chiediamo retribuzione. Ci sentiamo truffati o sembra che siamo stati umiliati e cerchiamo vendetta. Vogliamo lasciare che il dolore che proviamo faccia sentire il nostro avversario. Potremmo non pianificare di infliggere dolore fisico ai nostri avversari, ma se possiamo ferirli psicologicamente o emotivamente con un po 'di sarcasmo o rifiuto di parlare, anche la nostra vendetta sarà dolce.

"Non dire:" ripagherò il male! ". La mano di Geova ti aiuterà" (Spr 20,22). La vendetta non è la risposta! A volte Dio ci chiede di fare cose difficili, giusto? Non ostacolare la rabbia e la vendetta, perché abbiamo un tesoro inestimabile, una verità che cambia la vita. "Harre of the Lord". Non leggere queste parole troppo velocemente. Medita su queste parole. Non solo sei la chiave per affrontare le cose che causano dolore, amarezza e rabbia in noi, ma sono al centro della nostra relazione con Dio.

Ma non vogliamo aspettare. Nell'era del caffè-to-go, sms e twitter vogliamo tutto ora e immediatamente. Odiamo ingorghi, code e altri ladri di tempo. Dr. James Dobson dice così: "C'è stato un tempo in cui non importava se avessi perso l'allenatore. L'hanno appena portata un mese dopo. Se devi aspettare l'apertura di oggi con una porta girevole, il dispiacere aumenta! "

L'impulso descritto nella Bibbia non ha nulla a che fare con l'attesa dei denti alla cassa. La parola ebraica di attesa è "qavah" che significa speranza per qualcosa, aspettarsi qualcosa e include il concetto di anticipazione. L'attesa tesa dei bambini perché i genitori si svegliano la mattina di Natale e permetta loro di aprire i loro regali illustra questa anticipazione anticipata. Sfortunatamente, la parola speranza ha perso il suo significato nei tempi moderni. Diciamo cose come "Spero di ottenere il lavoro". E "Speriamo che non piova domani". Ma questo tipo di speranza è senza speranza. Il concetto biblico di speranza è una speranza fiduciosa che qualcosa accadrà. Si prevede che qualcosa accadrà con completa certezza.

Il sole risorgerà?

Molti anni fa ho trascorso alcuni giorni a fare escursioni sulle montagne di Drakensburg (Sudafrica). La sera del secondo giorno si è rovesciato dai secchi e quando ho trovato una caverna sono stato bagnato da pozzanghere e anche la mia scatola di fiammiferi. Il sonno era fuori questione e le lezioni non sarebbero passate. Ero stanco, congelato e non potevo aspettare che finisse la notte. Dubitavo che il sole sorgesse di nuovo il mattino dopo? Certo che no! Ho aspettato con impazienza i primi segnali di un'alba. Alle quattro del mattino, le prime strisce di luce apparvero nel cielo e iniziò la luce del giorno. I primi uccelli cantavano e io ero sicuro che la mia infelicità sarebbe presto finita. Ho aspettato con l'aspettativa che il sole sorgesse e un nuovo giorno sarebbe spuntato. Ho aspettato che l'oscurità cedesse alla luce e il freddo fosse sostituito dal calore del sole (Ps 130,6) Aspettativa di sicurezza Anticipazione Gioia duratura. Questo è ciò che attende in senso biblico. Ma come fai ad aspettare? Come aspetti il ​​Signore? Sii consapevole di chi è Dio. Lo sai!

La Lettera ebraica contiene alcune delle parole più incoraggianti della Bibbia sulla natura di Dio: "sii soddisfatto di ciò che è lì. Perché il Signore ha detto: "Io non voglio lasciarti e non ti lascerò". (Hebr 13,5). Secondo gli esperti greci, questo passaggio è tradotto nelle parole: "Non lo farò mai, mai, mai, mai, MAI uscire". Che promessa dal nostro amorevole padre! Lui è giusto e lui è buono. Cosa ci insegna il verso di Proverbi 20,22? Non cercare la vendetta. Aspetta Dio. E? Egli ti riscatterà.

Hai notato che una penalità per l'avversario non è menzionata? La tua salvezza è l'obiettivo. Lui la salverà. Questa è una promessa! Dio si prenderà cura di esso. Riprenderà le cose nella giusta direzione. Lo chiarirà nel suo tempo e a modo suo.

Non si tratta di vivere una vita passiva o di aspettare che Dio faccia tutto per noi. Dovremmo vivere sotto la nostra responsabilità. Se dobbiamo perdonare, allora dobbiamo perdonare. Quando dobbiamo confrontarci con qualcuno, chiediamo a qualcuno di parlare. Se dobbiamo esplorare e interrogarci, lo facciamo anche noi. Giuseppe doveva aspettare il Signore, ma mentre aspettava faceva ciò che poteva. Il suo atteggiamento nei confronti della situazione e del suo lavoro ha portato a una promozione. Dio non è passivo quando aspettiamo, ma lavora dietro le quinte per mettere insieme tutti i pezzi del puzzle che non ci sono ancora. Solo allora soddisfa i nostri desideri, desideri e richieste.

L'attesa è fondamentale per la nostra vita con Dio. Quando aspettiamo Dio, abbiamo fiducia in lui, lo aspettiamo e lo aspettiamo. La nostra attesa non è invano. Si renderà visibile, forse diverso da come ci aspettavamo. La sua azione penetrerà più in profondità di quanto tu possa immaginare. Dai le tue ferite, la tua rabbia e il tuo dolore, il tuo dolore nelle mani di Dio. Non cercare la vendetta. Non prendere giustizia e giustizia nelle tue mani - questo è il lavoro di Dio.

di Gordon Green


pdfLe miniere di re Salomone (parte 13)