I doni spirituali sono dati per il servizio

Comprendiamo i seguenti punti essenziali derivati ​​dalla Bibbia in relazione ai doni spirituali che Dio dà ai suoi figli:

  • Ogni cristiano ha almeno un dono spirituale; generalmente due o tre.
  • Tutti dovrebbero usare i propri doni per servire gli altri nella chiesa.
  • Nessuno ha tutti i doni, quindi abbiamo bisogno l'uno dell'altro.
  • Dio decide chi riceve quale dono.

Abbiamo sempre capito che ci sono doni spirituali. Ma di recente ne siamo diventati ancora più consapevoli. Abbiamo riconosciuto che quasi ogni membro desidera essere coinvolto in un ministero ("ministero" si riferisce a tutti i ministeri e non solo al lavoro pastorale).Ogni cristiano dovrebbe portare i suoi doni per servire il bene di tutti (1 Cor 12,7, 1 animale domestico 4,10). Questa consapevolezza dei doni spirituali è una grande benedizione per ogni individuo e per le comunità. Si può anche abusare delle cose buone, e così sono sorti alcuni problemi relativi ai doni spirituali. Naturalmente, questi problemi non erano esclusivi di una chiesa particolare, quindi è utile vedere come altri leader cristiani hanno affrontato questi problemi.

Il rifiuto di servire

Ad esempio, alcune persone usano il termine doni spirituali come scusa per non servire gli altri. Ad esempio, dicono che il loro dono è in testa e quindi si rifiutano di fare qualsiasi altro ministero d'amore. Oppure affermano di essere un insegnante e si rifiutano di servire in qualsiasi altro modo. Credo che questo sia l'esatto contrario di ciò che Paolo intendeva dire. Ha spiegato che Dio dà doni alle persone per il servizio, non per il rifiuto di servire. A volte è necessario lavorare, indipendentemente dal fatto che qualcuno abbia o meno un dono speciale per questo. Le sale riunioni devono essere preparate e pulite. La compassione dovrebbe essere conferita alla tragedia, indipendentemente dal fatto che abbiamo o meno il dono della compassione. Tutti i membri dovrebbero essere in grado di insegnare il Vangelo (1. Petrus 3,15), indipendentemente dal fatto che abbiano o meno il dono dell'evangelizzazione; non è realistico pensare che tutti i membri siano incaricati solo di servire ciò per cui sono particolarmente dotati spiritualmente. Non solo devono essere svolte altre forme di servizio, ma tutti i membri dovrebbero anche sperimentare altre forme di servizio. I vari servizi spesso ci sfidano al di fuori della nostra zona di comfort, la zona in cui ci sentiamo dotati. Dopotutto, Dio potrebbe voler sviluppare in noi un dono che non abbiamo ancora riconosciuto!

Alla maggior parte delle persone vengono dati da uno a tre doni principali. Pertanto, è meglio che l'area principale di servizio per la persona sia in una o più aree dei doni principali. Ma tutti dovrebbero essere felici di servire in altre aree quando la Chiesa ne ha bisogno. Ci sono grandi chiese che operano secondo il seguente motto: “Si dovrebbe decidere su certi servizi secondo i propri doni primari, ma si dovrebbe anche essere disposti (o pronti) a impegnarsi in altri servizi spirituali secondari basati su quei Bisogni degli altri ”. Tale politica aiuta i membri a crescere ei servizi comunitari sono assegnati solo per un periodo di tempo limitato. Questi servizi non idonei passano ad altri membri. Alcuni pastori esperti stimano che i parrocchiani contribuiscano solo al 60% circa del loro ministero nell'area dei loro principali doni spirituali.

La cosa più importante è che tutti vengano coinvolti in qualche modo. Il servizio è una responsabilità e non una questione di "lo accetterò solo se mi piace".

Scopri il tuo regalo

Ora alcuni pensieri su come scoprire quali doni spirituali abbiamo. Ci sono diversi modi per farlo:

  • Giveaway, sondaggi e inventario
  • Autoanalisi di interessi ed esperienze
  • Conferma da parte di persone che ti conoscono bene

Tutti e tre di questi sono utili. È particolarmente utile se tutti e tre portano alla stessa risposta. Ma nessuno dei tre è privo di errori.

Alcuni degli inventari scritti sono semplicemente un metodo di autoanalisi che aiuta a mostrare ciò che gli altri pensano di te. Le possibili domande sono: cosa vorresti fare? In cosa sei veramente bravo? Cosa dicono gli altri che stai facendo bene? Quali bisogni vedi nella chiesa? (L'ultima domanda si basa sull'osservazione, in cui le persone di solito sono particolarmente consapevoli di dove possono aiutare. Ad esempio, una persona con il dono della compassione penserà che la chiesa abbia bisogno di più compassione.)

Spesso non conosciamo i nostri doni finché non li usiamo e vediamo che siamo competenti in un certo tipo di attività. Non solo i regali crescono attraverso l'esperienza, ma possono anche essere scoperti attraverso l'esperienza. Pertanto, è utile che i cristiani provino occasionalmente diversi modi di servire. Possono imparare qualcosa su se stessi e aiutare gli altri.    

di Michael Morrison


pdfI doni spirituali sono dati per il servizio