L'apprezzamento del nostro battesimo

176 apprezzamento del nostro battesimoVediamo incantato come il mago, avvolto in catene e fissato con lucchetti, viene abbassato in un grande serbatoio d'acqua. Quindi la parte superiore è chiusa e l'assistente del mago si trova sopra di esso e avvolge il serbatoio con un panno che la solleva sopra la testa. Dopo pochi istanti, il panno cade e con nostra sorpresa e la gioia è ora il mago sul serbatoio e il suo assistente, protetto da catene, è dentro. Questo "scambio" improvviso e misterioso accade proprio davanti ai nostri occhi. Sappiamo che è un'illusione. Ma il modo in cui l'apparentemente impossibile è stato realizzato non è stato rivelato, in modo che questo miracolo di "magia" possa essere ripetuto alla sorpresa e alla gioia di un altro pubblico.

Alcuni cristiani vedono il battesimo come se fosse un atto di magia; vai sott'acqua per un momento, i peccati vengono lavati via e la persona emerge dall'acqua come un neonato. Ma la verità biblica sul battesimo è molto più eccitante. Non è l'atto stesso del battesimo che realizza la salvezza; Gesù lo fa come nostro rappresentante e sostituto. Quasi 2000 anni fa, ci ha salvato attraverso la sua vita, morte, risurrezione e ascensione.

Non è nell'atto del battesimo scambiare la nostra depravazione morale e la nostra peccaminosità con la giustizia di Gesù. Gesù non sempre toglie i peccati dell'umanità quando una persona viene battezzata. Lo ha fatto una volta per tutte, attraverso il suo battesimo, la sua vita, la sua morte, la sua risurrezione e l'ascensione. La gloriosa verità è questa: attraverso il nostro battesimo partecipiamo allo Spirito del battesimo di Gesù! Siamo stati battezzati perché Gesù, come nostro rappresentante e rappresentante, è stato battezzato per noi. Il nostro battesimo è una riflessione e un riferimento al suo battesimo. Riponiamo la nostra fiducia nel battesimo di Gesù, non nel nostro.

È importante rendersi conto che la nostra salvezza non dipende da noi. È come ha scritto l'apostolo Paolo. Parla di Gesù, di chi è e di ciò che ha fatto per noi (e continuerà a farlo): "Anche tu devi tutto ciò che sei, comunione con Gesù Cristo. Egli è la saggezza di Dio per noi. Attraverso Lui abbiamo trovato riconoscimento davanti a Dio, attraverso Lui possiamo vivere una vita come piace a Dio, e per mezzo di Lui siamo anche liberati dalla nostra colpa e dal nostro peccato. Quindi, ciò che dicono le Scritture: "Se qualcuno vuole essere orgoglioso, che siano orgogliosi di ciò che Dio ha fatto per loro!" (1, Corinzi 1,30-31 HFA).

Ogni volta che ci penso nella Settimana Santa, i pensieri mi toccano per rendere festoso il mio battesimo. Mi ricorda il battesimo molti anni fa, che è più del mio, nel nome di Cristo. È il battesimo con cui Gesù, come sostituto, fu battezzato. Rappresentando la razza umana, Gesù è l'ultimo Adamo. È nato come un essere umano, come noi. Visse, morì e fu elevato con un corpo umano glorificato e ascese al cielo. Quando siamo battezzati, ci associamo al battesimo di Gesù attraverso lo Spirito Santo. In altre parole, quando siamo battezzati, siamo battezzati in Gesù. Questo battesimo è completamente trinitario. Quando Gesù fu battezzato da suo cugino Giovanni Battista, fu data la Trinità: "Quando Gesù uscì dall'acqua, i cieli si aprirono sopra di lui e vide lo Spirito di Dio fluttuare come una colomba e venire su di sé. Nello stesso tempo una voce dal cielo ha parlato: <Questo è il mio amato Figlio, nel quale ho gioia! L'ho scelto (Matthew 3,16-17 HFA).

Gesù fu battezzato nel suo ruolo di unico mediatore tra Dio e l'uomo. Fu battezzato per amore dell'umanità e il nostro battesimo significa partecipazione all'amore pieno e vicario del Figlio di Dio. Il battesimo è il fondamento della connessione ipostatica attraverso cui Dio si avvicina all'umanità e l'umanità si avvicina a Dio. La Connessione ipostatica è un termine teologico derivato dalla parola greca hypostasis, che descrive l'unità inseparabile della divinità di Cristo e dell'umanità. Quindi Gesù è allo stesso tempo completamente Dio e umano. Essendo completamente divino e pienamente umano, Cristo, per sua natura, attira Dio vicino a noi e vicino a Dio. TF Torrance lo spiega come segue:

Per Gesù, il battesimo significava che era consacrato come il Messia e che, come giusto, divenne un tutt'uno con noi, prendendo su di sé la nostra ingiustizia affinché la sua giustizia potesse diventare nostra. Per noi, il battesimo significa diventare uno con Lui, condividere la Sua giustizia e essere santificati in Lui come membri del popolo messianico di Dio, uniti all'unico corpo di Cristo. C'è un battesimo e un corpo attraverso l'unico Spirito. Cristo e la sua Chiesa partecipano all'unico battesimo in diversi modi, Cristo attivo e vicario come Salvatore, la Chiesa passiva e ricettiva come la chiesa redenta.

Quando i credenti credono che saranno salvati attraverso l'atto del battesimo, fraintendono chi è Gesù e cosa ha fatto come Messia, Mediatore, riconciliatore e Redentore. Adoro la risposta che TF Torrance ha dato quando è stato salvato. "Sono stato salvato sulla morte e risurrezione di Gesù su 2000 anni fa." La sua risposta chiarisce la verità che la salvezza non è nell'esperienza battesimale, ma nell'opera di Dio in Cristo attraverso lo Spirito Santo. Quando parliamo della nostra salvezza, siamo trasportati indietro nel momento della storia della salvezza che ha poco a che fare con noi, ma tutto ciò che ha qualcosa a che fare con Gesù. Fu il momento in cui fu istituito il Regno dei Cieli e il piano originale di Dio per aumentarci si adempì nel tempo e nello spazio.

Sebbene al tempo del mio battesimo non comprendessi pienamente questa realtà quadridimensionale della salvezza, non è meno vero, né meno vero. Il battesimo e la cena del Signore riguardano Gesù come egli unisce con noi e noi con lui. Queste rappresentazioni di adorazione piene di grazia non sono conformi alle concezioni umane, ma a ciò che si trova nell'orario di Dio. Sia che siamo stati battezzati mediante aspersione, irrigazione o immersione, il fatto è ciò che Gesù ci ha fatto attraverso il suo sacrificio espiatorio. In Grace Comunione Internazionale, seguiamo l'esempio di Gesù e di solito siamo battezzati per immersione. Non è sempre possibile. Ad esempio, la maggior parte delle prigioni non consente il battesimo per immersione. Inoltre, molte persone fragili non possono essere immerse, ed è appropriato che i bambini vengano cosparsi. Lasciatemi collegare questo con un'altra citazione di TF Torrance:

Tutto questo aiuta a chiarire che durante il battesimo di sia l'azione di Cristo e l'atto Chiesa nel suo nome, in ultima analisi, la sua non è nello spirito per capire cosa fa la Chiesa, ma ciò che Dio ha fatto in Cristo, quello che sta facendo ora e in futuro il suo spirito farà per noi. Il suo significato non sta nel rito e nella sua attuazione in se stesso, né nell'atteggiamento dei battezzati e della loro obbedienza alla fede. Anche il riferimento minore al battesimo, che è per natura un atto passivo in cui riceviamo e non portiamo il battesimo, ci indirizza a trovare un significato nel Cristo vivente, che non può essere separato dal suo lavoro finito, che ci rende presenti attraverso il potere della sua realtà (Teologia della riconciliazione, pagina 302).

Ricordando la Settimana Santa e gioendo per la celebrazione del sacrificio appassionato di Gesù, ricordo con amore il giorno in cui fui battezzato per immersione. Comprendo ora l'atto di obbedienza di Gesù molto meglio e più profondamente alla nostra fede per il nostro bene. La mia speranza è che una migliore comprensione del battesimo sarà una vera connessione con il battesimo di Gesù e sarà sempre un motivo per festeggiare.

Apprezzando il nostro battesimo in gratitudine e amore,

Joseph Tkach

presidente
GRACE COMMUNION INTERNATIONAL


pdfL'apprezzamento del nostro battesimo