Una lezione dal bucato

438 una lezione in lavanderiaLavare i vestiti è una delle cose che sai che devi fare, a meno che tu non riesca a convincere qualcun altro a farlo per te! Gli abiti devono essere ordinati - colori scuri separati da quelli bianchi e più chiari. Alcuni indumenti devono essere lavati con un programma delicato e un detergente speciale. È possibile imparare questo nel modo più duro in cui l'ho vissuto al college. Ho messo il mio nuovo abbigliamento sportivo rosso con la mia maglietta bianca in lavatrice e tutto è uscito di rosa. In seguito, tutti sanno cosa succede se lo dimentichi e metti un articolo sensibile nell'asciugatrice!

Ci prendiamo particolarmente cura dei nostri vestiti. Ma a volte dimentichiamo che le persone dovrebbero essere ugualmente premurose l'una dell'altra. Non abbiamo troppe difficoltà con l'ovvio, come malattia, disabilità o circostanze difficili. Ma non possiamo guardare nei nostri simili e indovinare cosa e come pensano. Ciò può portare a problemi.

È così facile guardare qualcuno e dare giudizi. La storia di Samuele, che doveva ungere un re tra i tanti figli di Jesse, è un classico. Chi avrebbe mai pensato che Dio avesse in mente Davide come nuovo re? Anche Samuele dovette imparare questa lezione: "Ma il Signore disse a Samuele:" Non lasciarti impressionare dal fatto che sia alto e maestoso. Non è il prescelto. Giudico diversamente dalle persone. Una persona vede ciò che cade negli occhi; ma guardo nel cuore »(1. Sam 16,7 Bibbia delle buone notizie).

Dovremmo fare attenzione a non esprimere giudizi sulle persone che abbiamo appena incontrato. Neanche quelli che conosciamo da molto tempo. Non possiamo immaginare ciò che queste persone hanno vissuto e come le loro esperienze hanno influenzato e plasmato.

in Colossesi 3,1214 ci viene ricordato come dobbiamo trattarci gli uni gli altri: «Fratelli e sorelle, siete stati scelti da Dio, appartenete al suo popolo santo, siete amati da Dio. Perciò vestitevi ora di profonda compassione, gentilezza, umiltà, considerazione e pazienza. Siate indulgenti gli uni con gli altri e perdonatevi a vicenda quando uno ha qualcosa da rimproverare all'altro. Come il Signore vi ha perdonato, così anche voi dovreste perdonarvi gli uni gli altri. Ma soprattutto rivestitevi d'amore; è il legame che vi unisce per formare un'unità perfetta».

Nella lettera agli Efesini 4,31-32 (NGÜ) leggiamo: «In te non c'è posto per amarezza, temperamento, rabbia, grida rabbiose e discorsi diffamatori, come ogni altra forma di malizia. Piuttosto, siate benigni gli uni verso gli altri, siate compassionevoli e perdonatevi gli uni gli altri, come anche Dio vi ha perdonato per mezzo di Cristo».

Il modo in cui trattiamo gli altri è importante per molte ragioni. Come credenti, siamo parte del corpo di Cristo. Nessuno odia il proprio corpo ma se ne preoccupa (Efesini 5,29). Siamo fatti a immagine di Dio. Quando abusiamo o disonoriamo gli altri, disoniamo Dio. La regola d'oro non è un cliché. Dobbiamo trattare gli altri nello stesso modo in cui vorremmo essere trattati. Ricordiamo che tutti abbiamo le nostre battaglie personali. Alcuni sono evidenti ai nostri vicini, altri sono nascosti nel profondo di noi. Sono conosciuti solo da noi e da Dio.

La prossima volta che dividi il bucato, prenditi un momento per pensare alle persone della tua vita e alla considerazione speciale di cui ogni persona ha bisogno. Da allora Dio ci fa da sempre e ci tratta come individui che hanno bisogno delle sue cure speciali.

di Tammy Tkach


pdfUna lezione dal bucato