Una lezione dal bucato

438 una lezione in lavanderia Lavare i vestiti è una delle cose che sai che devi fare, a meno che tu non riesca a convincere qualcun altro a farlo per te! Gli abiti devono essere ordinati - colori scuri separati da quelli bianchi e più chiari. Alcuni indumenti devono essere lavati con un programma delicato e un detergente speciale. È possibile imparare questo nel modo più duro in cui l'ho vissuto al college. Ho messo il mio nuovo abbigliamento sportivo rosso con la mia maglietta bianca in lavatrice e tutto è uscito di rosa. In seguito, tutti sanno cosa succede se lo dimentichi e metti un articolo sensibile nell'asciugatrice!

Ci prendiamo particolarmente cura dei nostri vestiti. Ma a volte dimentichiamo che le persone dovrebbero essere ugualmente premurose l'una dell'altra. Non abbiamo troppe difficoltà con l'ovvio, come malattia, disabilità o circostanze difficili. Ma non possiamo guardare nei nostri simili e indovinare cosa e come pensano. Ciò può portare a problemi.

È così facile guardare qualcuno ed esprimere giudizi. La storia di Samuele, che avrebbe dovuto ungere un re dai tanti figli di Jesse, è un classico. Chi avrebbe mai pensato che Dio avesse in mente David come nuovo re? Anche Samuele ha dovuto imparare questa lezione: "Ma il Signore disse a Samuele:" Non essere colpito dal fatto che è alto e bello. Non è il prescelto. Giudico in modo diverso rispetto alle persone. Una persona vede ciò che attira l'attenzione; ma guardo nel cuore » (1 Sam 16,7 Bibbia di buone notizie).

Dovremmo fare attenzione a non esprimere giudizi sulle persone che abbiamo appena incontrato. Neanche quelli che conosciamo da molto tempo. Non possiamo immaginare ciò che queste persone hanno vissuto e come le loro esperienze hanno influenzato e plasmato.

In Colossesi 3,12: 14 Ci viene ricordato come dovremmo trattarci a vicenda: «Fratelli e sorelle, siete scelti da Dio, appartenete al suo santo popolo, siete amati da Dio. Ecco perché ora ti vesti con profonda compassione, cordialità, modestia, considerazione e pazienza. Sii indulgente l'uno con l'altro e perdona l'un l'altro se uno ha qualcosa da rimproverare all'altro. Proprio come il Signore ti ha perdonato, dovresti perdonarti a vicenda. Ma soprattutto, vestiti con amore; è il legame che ti unisce a una perfetta unità ».

In Efesini 4,31-32 Leggiamo (NGÜ): «L'amarezza, la rabbia, la rabbia, le urla rabbiose e il discorso diffamatorio non ti hanno perso nulla, proprio come nessun'altra forma di malizia. Piuttosto trattatevi l'un l'altro gentilmente, siate compassionevoli e perdonatevi l'un l'altro, proprio come Dio ti ha perdonato per mezzo di Cristo ».

Il modo in cui trattiamo gli altri è importante per molte ragioni. Come credenti facciamo parte del corpo di Cristo. Nessuno odia i propri corpi, ma se ne preoccupa (Efesini 5,29). Siamo creati a immagine di Dio. Quando abusiamo o disonoriamo gli altri, disonoriamo Dio. La regola d'oro non è un cliché. Dobbiamo trattare gli altri nello stesso modo in cui vogliamo essere trattati. Ricordiamo che tutti combattiamo le nostre battaglie personali. Alcuni sono ovvi per i nostri vicini, altri sono nascosti in profondità dentro di noi. Sono conosciuti solo da noi e da Dio.

La prossima volta che dividi il bucato, prenditi un momento per pensare alle persone della tua vita e alla considerazione speciale di cui ogni persona ha bisogno. Da allora Dio ci fa da sempre e ci tratta come individui che hanno bisogno delle sue cure speciali.

di Tammy Tkach


pdfUna lezione dal bucato