Nel punto più basso

607 nel punto più basso Il pastore della mia congregazione ha recentemente partecipato a una riunione di alcolisti anonimi. Non perché fosse dipendente da se stesso, ma perché aveva sentito parlare delle storie di successo di coloro che avevano padroneggiato il percorso in 12 passi verso una vita libera da dipendenza. La sua visita è nata dalla curiosità e dal desiderio di creare la stessa atmosfera di guarigione nella sua stessa comunità.

Mark è venuto all'incontro da solo e non sapeva cosa aspettarsi lì. Quando entrò, la sua presenza fu notata, ma nessuno gli fece domande imbarazzanti. Invece, tutti hanno offerto calorosamente la mano in segno di saluto o gli hanno dato una pacca sulla schiena in modo incoraggiante quando si è presentato ai presenti.

Uno dei partecipanti ha ricevuto un premio quella sera per i suoi nove mesi di astinenza, e quando tutti si erano radunati sul podio per annunciare di aver rinunciato all'alcool, il pubblico è scoppiato in uragani e applausi assordanti. Ma poi una donna di mezza età si diresse verso il podio con passi lenti e la testa china, con gli occhi bassi. Ha detto: “Oggi dovrei celebrare i miei 9 giorni di astinenza. Ma ieri, maledizione, ho bevuto di nuovo ».

Mark sta correndo caldo e freddo lungo la schiena, pensando cosa sarebbe successo adesso? Quanta vergogna e vergogna accompagnerebbero questo apparente fallimento dato l'applauso che è appena svanito? Tuttavia, non vi fu tempo per un silenzio spaventoso, perché non appena l'ultima sillaba ebbe superato le labbra della donna, gli applausi risuscitarono, questa volta ancora più freneticamente di prima, pieni di fischi e grida incoraggianti ed espressioni benefiche di apprezzamento.

Mark era così sopraffatto che dovette lasciare la stanza. In macchina ha lasciato correre le lacrime per un'ora prima di poter tornare a casa. Continuava a porre la domanda: «Come posso trasmettere questo alla mia comunità? Come posso creare un luogo in cui le confessioni di sconvolgimento interiore e l'umanità vengono accolte con applausi entusiasti come il trionfo e il successo? » Ecco come dovrebbe apparire la chiesa!

Piuttosto, perché la chiesa assomiglia a un posto in cui siamo vestiti ordinatamente e con espressioni facciali felici bandisce il lato oscuro di noi stessi dall'occhio pubblico? Sperando che nessuno che conosca il nostro vero sé ci angolerà con domande sincere? Gesù ha detto che i malati hanno bisogno di un posto dove possano guarire, ma abbiamo creato un club sociale basato sul rispetto di determinati criteri di ammissione. Apparentemente, con la migliore volontà del mondo, non possiamo immaginare di essere devastati allo stesso tempo e tuttavia essere assolutamente adorabili. Forse questo è il segreto di Alcolisti Anonimi. Ogni partecipante una volta aveva raggiunto il punto più basso e lo ammetteva e tutti hanno anche trovato un posto dove è "amato" comunque e ha accettato questo posto per se stesso.

È diverso con molti cristiani. In qualche modo, molti di noi sono arrivati ​​a credere di essere adorabili senza imperfezioni. Viviamo la nostra vita nel miglior modo possibile e lasciamo che gli altri e noi stessi sentiamo il nodo quando inevitabilmente porta a fallimenti. Sfortunatamente, con questa ricerca di superiorità morale, possiamo affrontare problemi mentalmente più grandi che con una volta in fondo.

Brennan Manning scrive: “Paradossalmente, sono proprio i nostri eccessivi standard morali e la nostra pseudo-pietà a spremere come un cuneo tra Dio e noi umani. Non è il più difficile per le prostitute o gli esattori delle tasse mostrare rimorso; sono proprio gli zeloti della fede che pensano di non aver bisogno di mostrare rimorso. Gesù non è morto per mano di rapinatori, stupratori o delinquenti. Cadde nelle mani strofinate delle persone profondamente religiose, i membri più rispettati della società » (Abba's Child Abbas Child, p. 80).

Sei un po 'scosso? In ogni caso, ho già avuto difficoltà a deglutire e devo ammettere a me stesso, che mi piaccia o no, che anche il fariseo stia dormendo in me. Sebbene sia oltraggiato dai loro atteggiamenti pregiudizievoli che incontriamo in tutto il Vangelo, faccio lo stesso ignorando coloro che hanno lottato e difendendo i giusti. Sono accecato da coloro che amano Dio con la mia avversione per il peccato.

I discepoli di Gesù erano peccatori. Molti di loro avevano quello che è noto come "un passato". Gesù la chiamò suoi fratelli. Molti sapevano anche com'era colpire il fondo. Ed è esattamente lì che hanno incontrato Gesù.

Non voglio più stare sopra coloro che camminano nel buio. Né voglio sostenere frasi inutili secondo il motto "Te l'ho detto subito", mentre io stesso nascondo i lati oscuri della mia esistenza. Voglio molto di più per essere preso da Dio e per affrontare il figliol prodigo a braccia aperte proprio come ha fatto per l'obbediente attraverso Gesù Cristo. Ama entrambi allo stesso modo. Gli alcolisti anonimi lo hanno già capito.

di Susan Reedy