Dio ci ha benedetti!

527 Dio ci ha benedetti Questa lettera è la mia ultima lettera mensile come dipendente GCI perché mi ritirerò questo mese. Quando penso al mio mandato come presidente della nostra comunità di fede, mi vengono in mente molte benedizioni che Dio ci ha dato. Una di queste benedizioni ha a che fare con il nostro nome: "Grace Communion International". Penso che descriva magnificamente il nostro cambiamento fondamentale come comunità. Per grazia (Grazia) Dio siamo una comunità internazionale di fede basata sulla grazia (Comunione) che partecipa alla comunità di Padre, Figlio e Spirito Santo. Non ho mai dubitato che il nostro Dio uno e trino ci abbia portato grandi benedizioni in e attraverso questo meraviglioso cambiamento. Miei cari membri, amici e dipendenti del GCI / WKG, grazie per la vostra lealtà in questo viaggio. La tua vita è la prova vivente del nostro cambiamento.

Un'altra benedizione a cui posso pensare è quella di cui molti dei nostri membri di lunga data possono riferire. Per molti anni abbiamo spesso pregato nei nostri servizi a Dio di rivelare più della Sua verità a noi. Dio ha risposto a questa preghiera - in modo drammatico! Ha aperto i nostri cuori e le nostre menti per comprendere la grande profondità del suo amore per tutta l'umanità. Ci ha mostrato che è sempre con noi e che con la sua grazia il nostro futuro eterno è sicuro.

Molti mi avevano detto di non aver ascoltato prediche sulla grazia nelle nostre chiese per anni. Ringrazio Dio per aver iniziato nel 1995 a superare questo deficit. Sfortunatamente, alcuni membri hanno reagito negativamente alla nostra nuova enfasi sulla grazia di Dio e hanno posto la domanda: "A cosa servono tutte le cose di Gesù?" La nostra risposta allora (come oggi) è: "Predichiamo la buona notizia su chi ci ha creati, chi è venuto per noi, chi è morto e risorto per noi e chi ci ha salvato!"

Secondo la Bibbia, Gesù Cristo, il nostro Signore risorto, è ora in cielo come nostro sommo sacerdote e sta aspettando il suo ritorno nella gloria. Come promesso, sta preparando un sito per noi. «Non spaventare il tuo cuore! Credi in Dio e credi in me! Ci sono molti appartamenti nella casa di mio padre. Se non lo fosse, ti avrei detto: preparerò il posto per te? E quando vado a preparare il posto per te, voglio tornare e portarti in modo che anche tu sia dove sono. E ovunque io vada, conosci la strada » (Giovanni 14,1-4). Questo posto è il dono della vita eterna con Dio, un dono reso possibile da tutto ciò che Gesù ha fatto e farà. La natura di questo dono è stata rivelata a Paolo attraverso lo Spirito Santo: «Stiamo parlando della saggezza di Dio, che è nascosta nel mistero, che Dio ha predeterminato soprattutto per la nostra gloria, che nessuno ha riconosciuto dai governanti di questo mondo; perché se li avessero riconosciuti, non avrebbero crocifisso il Signore della Gloria. Parliamo invece come è scritto (Isaia 64,3): "Ciò che nessun occhio ha visto, nessun orecchio ha udito e il cuore di nessun uomo ha ciò che Dio ha preparato per coloro che lo amano." Ma Dio ce lo rivelò attraverso lo Spirito; perché lo Spirito esplora tutte le cose, comprese le profondità di Dio » (1 Corinzi 2,7: 10). Ringrazio Dio per averci rivelato il mistero della nostra salvezza in Gesù - una salvezza assicurata dalla nascita, vita, morte, risurrezione, ascensione e il promesso ritorno di nostro Signore. Tutto ciò è fatto per grazia - la grazia di Dio donataci in e attraverso Gesù, attraverso lo Spirito Santo.

Sebbene il mio impiego presso la GCI finirà presto, rimarrò connesso alla nostra comunità. Continuerò a far parte dei consigli di amministrazione degli Stati Uniti e del Regno Unito e del Consiglio del seminario di comunione Grace (GCS) lavora e fa prediche nella mia chiesa natale. Il pastore Bermie Dizon mi ha chiesto se potevo fare un sermone ogni mese. Ho scherzato con lui sul fatto che nessuno di questi compiti sembra una pensione. Come sappiamo, il nostro ministero non è un lavoro normale: è una vocazione, un modo di vivere. Finché Dio mi darà la forza, non smetterò di servire gli altri nel nome di nostro Signore.

Guardando indietro negli ultimi decenni, ho meravigliosi ricordi di GCI e molte benedizioni che hanno a che fare con la mia famiglia. Tammy e io abbiamo la fortuna di vedere i nostri due figli crescere, diplomati al college, trovare un buon lavoro e felicemente sposati. La nostra celebrazione di questi traguardi è così sconvolgente che non ci aspettavamo di raggiungerli. Come molti di voi sanno, la nostra comunità in precedenza aveva insegnato che non ci sarebbe stato tempo per tali cose: Gesù sarebbe tornato presto e saremmo stati portati in un "luogo di sicurezza" in Medio Oriente prima della sua seconda venuta. Fortunatamente, Dio aveva altri piani, anche se c'è un posto di sicurezza che è preparato per tutti noi: è il suo regno eterno.

Quando ho iniziato a servire come presidente della nostra comunità nel 1995, mi sono concentrato sul rendere le persone consapevoli che Gesù Cristo ha la priorità in tutto: "È il capo del corpo, la chiesa. È l'inizio, il primogenito dai morti, così che è il primo in tutto » (Colossesi 1,18). Anche se sto andando in pensione dopo più di 23 anni come presidente della GCI, il mio obiettivo è ancora e continuerà a esserlo. Per grazia di Dio non smetterò di indicare le persone a Gesù! Vive, e poiché vive, anche noi viviamo.

Trasportato dall'amore,

Joseph Tkach
CEO
GRACE COMMUNION INTERNATIONAL