La risurrezione e il ritorno di Gesù Cristo

228 la Resurrezione e il ritorno di Gesù Cristo

Gli atti di 1,9 ci dicono: "E quando lo disse, fu rapidamente sollevato e una nuvola lo portò via dai loro occhi". A questo punto vorrei fare una semplice domanda: perché? Perché Gesù è stato portato via in questo modo? Ma prima di arrivare a quello, leggiamo i seguenti tre versetti: "E quando lo videro andare in cielo, ecco, c'erano due uomini in vesti bianche con loro. Dissero: "Voi uomini di Galilea, cosa state guardando lì in cielo? Questo Gesù, che è stato portato via in cielo da te, tornerà come lo hai visto andare in paradiso. Poi sono tornati a Gerusalemme dalla montagna, che si chiama Monte degli Ulivi, ed è vicino a Gerusalemme, in una via da sabbatico. "

Questo passaggio descrive due cose: che Gesù è asceso al cielo e che verrà di nuovo. Entrambi i fatti sono importanti per la fede cristiana e quindi anche radicati, ad esempio, nel Credo degli Apostoli. Primo, Gesù salì al cielo. Il giorno dell'Ascensione viene celebrato ogni anno 40 giorni dopo Pasqua, sempre il giovedì.

Il secondo punto che questo passaggio descrive è che Gesù verrà di nuovo nello stesso modo in cui è asceso. Ecco perché, credo, Gesù ha anche lasciato questo mondo in modo visibile.

Sarebbe stato molto facile per Gesù lasciare che i suoi discepoli sapessero che avrebbe visto suo padre e che sarebbe tornato. Dopo di ciò, sarebbe semplicemente scomparso, come aveva fatto diverse volte prima. Tranne che non sarebbe stato visto di nuovo questa volta. Non riesco a pensare a una giustificazione teologica per cui Gesù abbia lasciato la terra in modo così visibile, ma lo ha fatto per insegnare ai suoi discepoli, e quindi anche a noi.

Sparendo visibilmente nell'aria, Gesù ha chiarito che non solo sarebbe scomparso, ma che sarebbe salito in cielo per mediare sul lato destro del Padre per noi come l'eterno Sommo Sacerdote e per dire una buona parola. Come ha detto un autore, "Egli è il nostro rappresentante in cielo". Abbiamo qualcuno in cielo che capisce chi siamo, comprende le nostre debolezze e conosce i nostri bisogni perché è un essere umano. Anche in paradiso, è entrambi: completamente umano e totalmente Dio.

Anche dopo l'Ascensione, viene indicato come un umano nella Bibbia. Quando Paolo predicò agli abitanti di Atene sull'Areopago, disse che Dio giudicherà il mondo da un uomo che ha nominato e che quest'uomo è Gesù Cristo. Quando scrisse a Timoteo, lo chiamò l'uomo Cristo Gesù. È ancora un uomo ora e ha ancora un corpo. Il suo corpo è risorto dai morti e lo ha portato in paradiso.

Questo porta alla domanda su dove sia il suo corpo adesso? Come può Dio, che è onnipresente e quindi non legato allo spazio, alla materia e al tempo, avere anche un corpo che si trova in un certo luogo? Il corpo di Gesù Cristo è da qualche parte nell'universo? Non lo so Non so come Gesù sia apparso a porte chiuse e come potesse salire in cielo, indipendentemente dalla gravità. Apparentemente le leggi fisiche non si applicano al corpo di Gesù Cristo. È ancora un corpo, ma non ha i limiti che dovremmo attribuire a un corpo.

Questo ancora non risponde alla domanda su dove sia il suo corpo adesso. Non è la cosa più importante di cui dobbiamo preoccuparci! Dobbiamo sapere che Gesù è nei cieli, ma non dove è il cielo. Per noi è molto più importante sapere quanto segue riguardo al corpo spirituale di Gesù - il modo in cui Gesù opera tra di noi qui e ora sulla terra, lo fa attraverso lo Spirito Santo.

Mentre Gesù è asceso al cielo con il suo corpo, ha chiarito che continuerà ad essere uomo e Dio. Questo ci assicura che è il sommo sacerdote che ha familiarità con le nostre debolezze, come è scritto in Ebrei. Salendo visibilmente al cielo, ci viene assicurato ancora una volta che non è semplicemente scomparso, ma continua ad agire come nostro sommo sacerdote, mediatore e mediatore.

Un'altra ragione

Secondo me, c'è un'altra ragione per cui Gesù è visibilmente andato via da noi. Ha detto ai suoi discepoli in Giovanni 16,7: "Ma ti dico la verità: è un bene per te che me ne vada. Perché se non me ne vado, il consolatore non verrà da te. Ma se me ne vado, lo manderò da te. "

Non so esattamente perché, ma sembra che Gesù abbia dovuto ascendere al cielo prima che la Pentecoste potesse avere luogo. Quando i discepoli videro Gesù risorgere, avevano ricevuto la promessa, la ricezione dello Spirito Santo, quindi non c'era tristezza, almeno nessuno è descritto in Atti. Non c'era tristezza che i bei vecchi tempi fossero finiti con Gesù di carne e sangue. Il passato non è stato sorvolato, ma il futuro in attesa gioiosa nella visione presa. C'era una gioia per le cose ancora più grandi che Gesù aveva annunciato e promesso.

Mentre leggiamo nel libro degli Atti, troviamo uno stato d'animo eccitato tra i follower di 120. Si riunirono, pregarono e pianificarono il lavoro che doveva essere fatto. Sapendo che avevano una missione, scelsero un nuovo apostolo per ricostruire il posto di Giuda Iscariota. Sapevano anche che avevano bisogno di dodici uomini per rappresentare il nuovo Israele che progettava di costruire Dio. Hanno avuto un incontro di lavoro perché avevano affari da fare. Gesù aveva già dato loro il compito di andare al mondo come suoi testimoni. Dovevano solo aspettare a Gerusalemme, come disse loro, finché non furono riempiti del potere dall'alto e ricevettero il consolatore promesso.

L'Assunzione Gesù fu un momento di suspense: i discepoli stavano aspettando il prossimo passo per espandere la loro attività, poiché Gesù aveva promesso loro che avrebbero fatto cose più grandi con lo Spirito Santo di Gesù stesso. Gesù era quindi la promessa di cose ancora più grandi.

Gesù chiamò lo Spirito Santo "un altro Consolatore". In greco ci sono due parole per "un altro". Uno significa "qualcosa del genere" e l'altro significa "qualcosa di diverso". Gesù ha usato la frase "qualcosa del genere". Lo Spirito Santo è come Gesù. La mente è una presenza personale di Dio e non solo un potere soprannaturale.

Lo Spirito Santo vive e insegna, parla e prende decisioni. Lo Spirito Santo è una persona, una persona divina e parte di Dio. Lo Spirito Santo è così simile a Gesù che possiamo anche parlare di Gesù che vive in noi e nella Chiesa. Gesù ha detto che sta con chi crede e vive in quello, ed è esattamente ciò che fa nella persona dello Spirito Santo. Gesù è andato via, ma non ci ha lasciati soli. È tornato attraverso lo Spirito Santo che vive in noi, ma tornerà anche in modo fisico e visibile, e credo che sia proprio la ragione principale della sua visibile ascensione. Quindi non abbiamo l'idea di dire che Gesù è già qui nella forma dello Spirito Santo e non dovremmo aspettarci di più da Lui di quello che abbiamo già.

No, Gesù rende molto chiaro che il suo ritorno non sarà una missione invisibile e segreta. Accadrà chiaramente. Come visibile come la luce del giorno e il sorgere del sole. Sarà visibile a tutti, proprio come il Giorno dell'Ascensione era visibile a chiunque sul Monte degli Ulivi per quasi 2000 anni fa, questo ci dà la speranza che possiamo aspettarci qualcosa di più di quello che abbiamo davanti. Ora vediamo molta debolezza. Debolezza in noi, nella nostra chiesa e nella cristianità nel suo complesso. Speriamo che le cose cambino in meglio, e abbiamo la promessa di Cristo che tornerà in modo drammatico e inaugurerà il Regno di Dio sempre più grande di quanto possiamo immaginare. Non lascerà le cose come sono adesso.

Ritornerà nello stesso modo in cui ascese al cielo: visibile e fisico. Anche i dettagli che non considero particolarmente importanti saranno lì: le nuvole. Proprio come è asceso nelle nuvole, tornerà anche nelle nuvole. Non so cosa significano le nuvole; sembra che le nuvole simboleggiano gli angeli che camminano con Cristo, ma potrebbero anche essere state nuvole fisiche. Ne parlo solo marginalmente. L'importante è che Cristo ritornerà in modo drammatico. Ci saranno lampi di luce, rumori forti, segni fenomenali di sole e luna, e tutti lo vedranno. Sarà indubbiamente riconoscibile e nessuno sarà in grado di dire che questo sta accadendo altrove. Questo è fuori discussione, questi eventi accadranno ovunque nello stesso momento. Quando ciò accade, Paolo ci dice in 1. Salonicco, saliremo per incontrare Cristo sulle nuvole nell'aria. Questa pratica è conosciuta come Rapture e non si svolgerà in segreto. Sarà un rapimento pubblico perché tutti possono vedere Cristo che ritorna sulla terra. Così diventiamo parte dell'Ascensione di Gesù, così come facciamo parte della sua crocifissione, sepoltura e risurrezione, saliremo in cielo per incontrare il Signore quando ritorna e insieme a lui torneremo sulla terra ,

Fa la differenza?

Non sappiamo quando accadrà tutto questo. Fa quindi la differenza nelle nostre vite? Questo dovrebbe essere. In 1. Corinthians e 1. A John viene detto. Facciamo 1. Vedi John 3,2-3:

"Miei cari, siamo già figli di Dio; ma non è ancora chiaro cosa saremo. Ma sappiamo che quando sarà rivelato, saremo come lui; perché lo vedremo così com'è. E chiunque ha una tale speranza in lui si purifica, proprio come è puro. "

John continua dicendo che i credenti ascoltano Dio e non vogliono condurre una vita peccaminosa. Questo è un effetto pratico di ciò in cui crediamo. Gesù verrà di nuovo e noi saremo come lui. Ciò non significa che i nostri sforzi salvano noi o che la nostra colpa affondi, ma siamo in accordo con la volontà di Dio di non peccare.

La seconda conclusione biblica è nella prima Lettera ai Corinzi nel capitolo 15. Dopo aver spiegato il ritorno di Cristo e la nostra resurrezione all'immortalità, Paolo scrive in v. 58:

"Perciò, miei diletti fratelli, siate fermi, irremovibili e crescete sempre nell'opera del Signore, perché sapete che la vostra opera non è invano nel Signore."

C'è del lavoro da fare per noi, poiché i primi discepoli dovevano lavorare in quel momento. Ci dà anche l'incarico che Gesù ha dato loro. Abbiamo la missione di predicare e trasmettere le buone notizie. Abbiamo ricevuto lo Spirito Santo per questo, quindi possiamo fare proprio questo: non stare in piedi, guardare in alto nel cielo e aspettare Cristo. Inoltre, non abbiamo la Bibbia in un momento preciso. Le Scritture ci dicono che non dovremmo conoscere la seconda venuta di Gesù. Invece, abbiamo la promessa che Gesù tornerà e che dovrebbe essere sufficiente per noi. C'è del lavoro da fare. Siamo sfidati con tutto il nostro essere per questo lavoro. Perciò dovremmo rivolgerci a lei perché lavorare per il Signore non è inutile.

di Michael Morrison