Decidere di guardare a Dio

Mosè era un uomo mansueto. Dio lo ha scelto per condurre Israele fuori dall'Egitto. Ha condiviso il Mar Rosso. Dio gli ha dato i Dieci Comandamenti. Il popolo delle tende, che di tanto in tanto aveva intravisto Mosè mentre passava accanto a loro, probabilmente disse: Quello è lui. Quello è Mosè. Lui è l'unico. È il servo di Dio. È un uomo grande e potente. "E se l'unica volta in cui hanno visto Moses è stato quando era così sconvolto e ha colpito il rock con il suo staff. Avrebbero quindi pensato Che uomo arrabbiato. Come può mai Dio usarlo? "David era un uomo secondo il cuore di Dio. Cercò la volontà di Dio di rendere la sua vita conforme ad essa. Con la divina certezza, ha ucciso il gigante Golia. Ha scritto salmi. Dio lo ha scelto per sostituire Saul come re attraverso di lui. Quando David ha attraversato il regno e la gente lo ha intravisto, probabilmente hanno detto, eccolo. Questo è il re David. Lui è il servitore di Dio. È un uomo grande e potente! Ma se l'unica volta in cui hanno visto David era quando ha fatto un appuntamento segreto con Bathsheba? O quando ha mandato il marito Uriah nella parte anteriore della guerra per essere ucciso? Dicevano allora che uomo ingiusto! Com'è malvagio e insensibile! "Come può mai Dio usarlo?

Elia era un famoso profeta. Ha parlato con Dio. Ha trasmesso la parola di Dio al popolo. Ha chiamato il fuoco dal cielo in terra. Ha umiliato i profeti di Baal. Se la gente avesse intravisto Elia, direbbe con ammirazione: questo è Elia. È un uomo grande e potente. È un vero servitore di Dio. Ma cosa succederebbe se l'unica volta in cui videro Elia fu quando fuggì da Jezebel o quando si nascose in una grotta per paura della sua vita. Diranno allora: che vigliacco! Lui è una salvietta. Come può mai Dio usarlo? "

Come potevano questi grandi servitori di Dio condividere il Mar Rosso in un giorno, uccidere un gigante o far cadere il fuoco dal cielo e arrabbiarsi, ingiusti o spaventati il ​​giorno dopo? La risposta è semplice: erano umani. Ecco il problema con il tentativo di fare idoli da leader cristiani, amici, parenti o chiunque altro. Sono tutti umani. Hanno piedi di argilla. Alla fine ci deluderanno. Forse è per questo che Dio ci dice di non confrontare noi stessi e giudicare gli altri (2, Kor 10,12, Mt 7,1). Dobbiamo prima guardare Dio. Quindi dobbiamo cercare il bene in coloro che servono e seguono Lui. Come possiamo mai conoscere l'intero essere umano se ne vediamo solo una piccola parte? Solo Dio vede le persone completamente e in ogni momento della loro vita. Ecco una parabola che lo rende chiaro.

L'albero in tutte le sue stagioni

Un vecchio re persiano volle una volta avvertire i suoi figli di non emettere giudizi prematuri. Al suo comando, il figlio maggiore fece un viaggio in inverno per vedere un albero di mango. La primavera è arrivata e il figlio successivo è stato inviato per lo stesso viaggio. Il terzo figlio ha seguito in estate. Quando il figlio più giovane tornò da lui dal suo viaggio in autunno, il re convocò i suoi figli e descrisse l'albero. Il primo ha detto: sembra un vecchio gambo bruciato. Il secondo parlò di nuovo: guarda filigrana e ha i fiori come una bella rosa. Il terzo disse: No, aveva un magnifico fogliame. Il quarto ha detto: hai tutti torto, ha frutti come le pere. Tutto ciò che dici è corretto, disse il re, perché ognuno di voi ha visto l'albero in un altro momento! Quindi per noi, quando ascoltiamo i pensieri di qualcun altro o vediamo le loro azioni, dobbiamo trattenere il nostro giudizio finché non siamo sicuri di aver afferrato tutto. Ricorda questa favola. Dobbiamo vedere l'albero in tutti i suoi tempi.

di Barbara Dahlgren


pdfDecidere di guardare a Dio