Trova la nostra musa

Nella mitologia greca, le muse erano dee che ispiravano la gente alla letteratura, all'arte e alla scienza. A causa della storia delle nove muse, la gente continuava a guardarle, sperando in un aiuto nei loro sforzi creativi. Nei tempi moderni, l'autore britannico Robert Graves ha scritto romanzi sulla mitologia e il risorgente concetto popolare di muse. Scrittori, cantanti e ballerini hanno iniziato a chiamare le muse per chiedere aiuto e ispirazione. È dubbio che qualcuno credesse veramente nelle dee greche. Tuttavia, molti artisti, amanti e celebrità li considerano come le loro muse.

Da dove viene veramente l'ispirazione?

Il vero significato della parola ispirare bedeutet inspira qualcosa o soffia, Un essere divino o soprannaturale trasmette un'idea o una verità e respira o soffia in una persona. Quando i cristiani parlano di essere ispirati, credono di aver ricevuto un'idea o un pensiero da Dio. Quindi presumono che il loro modo di scrivere e parlare sia ispirato da Dio e che li guidi nelle loro idee e abilità.

Poiché la creatività viene da Dio, potremmo chiamarlo la nostra musa. Lo Spirito Santo è colui che guida, guida e ispira noi. Prende il nostro stato di inganno e ci guida nella verità di Gesù, che è la vita, la verità e la via. Se non avesse respirato la vita del Padre in noi, saremmo senza vita in un certo modo. Ci ravviva con la sua energia e ci riempie dello scintillio della sua mente.L'atto di creare è una parte di Dio stesso dato per aiutarci nella vita e per arricchire le nostre vite. Fa parte di quella vita abbondante che ci viene promessa in Joh 10,10. La nostra creatività ci consente di fare molte cose che non sono solo necessarie, come costruire case e macchine, ma ci forniscono anche le arti. L'impulso, forse anche il desiderio di creare qualcosa, è profondamente radicato in noi ed è il motore dietro la maggior parte delle nostre attività.

Come possiamo rendere a Dio la nostra musa ispiratrice, dandoci la direzione e l'ispirazione di cui abbiamo bisogno e che desideriamo? Potremmo iniziare praticando la preghiera di ascolto. Molte persone hanno familiarità con il solito modo di pregare: parlare con Dio, descrivere i nostri problemi e le nostre preoccupazioni, ringraziarlo e onorarlo, chiedere altre persone e semplicemente condividere i nostri pensieri. La preghiera in ascolto richiede un po 'più di disciplina perché ha bisogno di silenzio. È difficile stare zitti durante la preghiera perché spesso sentiamo il bisogno di dire qualcosa. Il silenzio può essere spiacevole: i nostri pensieri vagano in altre direzioni, ci distraggono, e poiché non possiamo udire udibilmente la voce di Dio, assumiamo che non comunichi con noi.

Essere silenziosi davanti a Dio durante la preghiera richiede tempo e pratica. Come inizio, si può dirigere un testo dalla Bibbia o un libro di devozione leggendo e poi concentrarsi su Dio e chiedergli di dirigere e dirigere i propri pensieri. Quando senti il ​​desiderio di parlare, ricorda che volevi sentire e non parlare. Dallas Willard ha scritto un libro ispiratore chiamato Hearing God che spiega in dettaglio come ascoltarlo. Certo, Dio è molto più di una musa e noi possiamo e dovremmo guardarlo mentre cerchiamo ispirazione e direzione in tutte le aree della nostra vita. Egli è più che disposto ad essere la nostra guida e parla e respira amore e saggezza tutto il tempo. Possiamo tutti imparare a sentire la sua voce amorevole sempre più chiara e chiara.

di Tammy Tkach


pdfTrova la nostra musa