Sei funzioni della chiesa

Perché ci incontriamo ogni settimana per adorare e istruire? Non potremmo pregare a casa con molto meno sforzo, leggere la Bibbia e ascoltare un sermone alla radio?

Nel primo secolo, le persone si incontravano settimanalmente per ascoltare le Scritture, ma oggi possiamo leggere le nostre copie della Bibbia. Quindi, perché non restare a casa e leggere la Bibbia da solo? Sarebbe certamente più facile - e anche più economico. Con la tecnologia moderna, ogni settimana nel mondo, ogni settimana, puoi ascoltare i migliori predicatori del mondo! O potremmo avere una scelta di scelte e solo ascoltare i sermoni che ci riguardano o argomenti che ci piacciono. Non sarebbe meraviglioso?

Beh, non proprio. Credo che i cristiani che stanno a casa perdano molti degli aspetti importanti della Chiesa. Spero di affrontarli in questo articolo, sia per incoraggiare i visitatori fedeli a portare via di più dalle nostre riunioni sia per incoraggiare altri a partecipare ai servizi settimanali. Per capire perché ci incontriamo ogni settimana, è utile chiederci: "Perché Dio ha creato la Chiesa?" Qual è il suo scopo? Man mano che apprendiamo le funzioni della Chiesa, possiamo vedere come le nostre riunioni settimanali servono a vari scopi secondo la volontà di Dio per i Suoi figli.

Vedi, i comandamenti di Dio non sono arbitrari solo per vedere se saltiamo quando Lui dice salta. No, i suoi comandamenti sono per il nostro bene. Certo, se siamo giovani cristiani potremmo non capire perché Lui comanda certe cose e dobbiamo obbedire prima ancora di capirne tutti i motivi. Confidiamo semplicemente in Dio che conosce meglio e facciamo quello che dice. Quindi un giovane cristiano potrebbe andare in chiesa solo perché ci si aspetta che i cristiani lo facciano. Un giovane cristiano potrebbe assistere alla funzione semplicemente perché è in ebraico 10,25 dice: "Non lasciamoci i nostri incontri..." Fin qui tutto bene. Ma mentre maturiamo nella fede, dovremmo arrivare a una comprensione più profonda del perché Dio comanda al suo popolo di radunarsi.

Molte offerte

Nell'esaminare questo argomento, cominciamo col dire che Ebrei non è l'unico libro che comanda ai cristiani di incontrarsi. "Amatevi gli uni gli altri" dice Gesù ai suoi discepoli (Giovanni 13,34). Quando Gesù dice "l'un l'altro", non si riferisce al nostro dovere di amare tutte le persone. Piuttosto, si riferisce alla necessità per i discepoli di amare gli altri discepoli: deve essere amore reciproco. E questo amore è un segno identificativo dei discepoli di Gesù (v. 35).

L'amore reciproco non si esprime negli incontri casuali al droghiere e agli eventi sportivi. Il comando di Gesù presuppone che i suoi discepoli si incontrino regolarmente. I cristiani dovrebbero avere comunione con altri cristiani su base regolare. "Facciamo del bene a tutti, ma soprattutto a coloro che condividono la fede" scrive Paolo (Galati 6,10). Per obbedire a questo comandamento è necessario sapere chi sono i nostri compagni di fede. Dobbiamo vederli e dobbiamo vedere i loro bisogni.

"Servitevi l'un l'altro", scrisse Paolo alla Chiesa in Galazia (Galati 5,13). Sebbene dovremmo servire i non credenti in certi modi, Paolo non usa questo versetto per dircelo. In questo versetto, non ci comanda di servire il mondo, e non comanda al mondo di servirci. Piuttosto, comanda il servizio reciproco tra coloro che seguono Cristo. "Portate il fardello gli uni degli altri e osserverete la legge di Cristo" (Galati 6,2). Paolo parla alle persone che vogliono obbedire a Gesù Cristo, racconta loro la responsabilità che hanno verso gli altri credenti. Ma come possiamo aiutarci l'un l'altro a sopportare i fardelli se non sappiamo quali sono questi fardelli - e come possiamo conoscerli, a meno che non ci incontriamo regolarmente.

"Ma quando camminiamo nella luce ... abbiamo comunione gli uni con gli altri", ha scritto Johannes (1. Johannes 1,7). John parla di persone che camminano nella luce. Sta parlando di comunione spirituale, non di incontri casuali con i non credenti. Mentre camminiamo nella luce, cerchiamo altri credenti con cui avere comunione. Allo stesso modo, Paolo scrisse: "Ricevetevi l'un l'altro" (Romani 15,7). "Siate gentili e cordiali gli uni con gli altri e perdonatevi gli uni gli altri" (Efesini 4,35). I cristiani hanno una responsabilità speciale gli uni verso gli altri.

In tutto il Nuovo Testamento leggiamo che i primi cristiani si riunivano per adorare insieme, per imparare insieme, per condividere le loro vite gli uni con gli altri (ad esempio negli Atti degli Apostoli 2,41-47). Ovunque andasse Paolo, fondava chiese invece di lasciare dietro di sé credenti dispersi. Erano ansiosi di condividere la loro fede e il loro zelo l'uno con l'altro. Questo è un modello biblico.

Ma oggigiorno le persone si lamentano di non portare nulla con sé dal sermone. Può essere vero, ma non è davvero una scusa per non venire alle riunioni. Queste persone devono cambiare la loro prospettiva, da "prendere" a "dare". Non andiamo alle funzioni religiose solo per ricevere, ma anche per dare - per adorare Dio con tutto il cuore e per servire gli altri membri della comunità.

Come possiamo servirci l'un l'altro ai servizi? Insegnando ai bambini, aiutando a pulire l'edificio, cantando canzoni e suonando musica speciale, allestendo sedie, dando il benvenuto alle persone, ecc. Creiamo un'atmosfera in cui gli altri possono prendere parte del sermone. Abbiamo comunione e troviamo disagi per cui preghiamo e cose che possiamo fare per aiutare gli altri durante la settimana. Se non guadagni nulla dai sermoni, almeno partecipa al servizio per dare agli altri.

Paolo scrisse: "Così consolatevi... gli uni gli altri ed edificatevi gli uni gli altri" (2. Tessalonicesi 4,18). "Stimoliamoci gli uni gli altri ad amare e a compiere opere buone" (Ebrei 10,24). Questa è la ragione precisa data nel contesto del comandamento delle riunioni regolari in Ebrei 10,25 Venne dato. Dovremmo incoraggiare gli altri a essere una fonte di parole positive, qualunque cosa sia vera, qualunque cosa sia amabile e abbia una buona reputazione.

Prendi un esempio di Gesù. Frequentava regolarmente la sinagoga e ascoltava regolarmente le letture delle Scritture che non contribuivano alla sua comprensione, ma andava comunque ad adorare. Forse era noioso per un uomo colto come Paul, ma questo non lo fermò.

Dovere e desiderio

Le persone che credono che Gesù li ha salvati dalla morte eterna dovrebbero davvero amarla. Sono felici di incontrare gli altri per lodare il loro Salvatore. Certo, a volte abbiamo brutte giornate e non vogliamo davvero andare in chiesa. Ma anche se non è il nostro desiderio al momento, è ancora nostro dovere. Non possiamo semplicemente vivere la vita e fare solo ciò che vogliamo, non quando seguiamo Gesù come nostro Signore. Non ha cercato di fare la sua volontà, ma la volontà del Padre. Questo a volte è il punto che ci viene in mente. Se tutto il resto fallisce, come dice il vecchio proverbio, leggi il manuale. E le istruzioni ci dicono di essere presenti ai servizi.

Ma perché? A cosa serve la chiesa? La chiesa ha molte funzioni. Puoi dividerli in tre categorie: verso l'alto, verso l'interno e verso l'esterno. Questo piano organizzativo, come ogni piano, ha sia vantaggi che limitazioni. Lui è semplice e la semplicità è buona.

Ma non mostra il fatto che il nostro rapporto verso l'alto abbia un'espressione sia privata che pubblica. Copre il fatto che le nostre relazioni all'interno della chiesa non sono esattamente le stesse per tutti nella chiesa. Non mostra che il ministero è fatto sia internamente che esternamente, sia all'interno della chiesa che all'esterno nella comunità e nel vicinato.

Per sottolineare ulteriori aspetti del lavoro della Chiesa, alcuni cristiani hanno usato uno schema di quattro o cinque volte. Per questo articolo userò sei categorie.

culto

La nostra relazione con Dio è sia privata che pubblica, e abbiamo bisogno di entrambe. Cominciamo con la nostra relazione pubblica con Dio - con l'adorazione. Certo, è possibile adorare Dio quando siamo tutti soli, ma il più delle volte il termine adorazione indica qualcosa che stiamo facendo in pubblico. La parola inglese adorazione è collegata alla parola valore. Affermiamo il valore di Dio quando lo adoriamo.

Questa affermazione di valore si esprime sia privatamente, nelle nostre preghiere, sia pubblicamente, con parole e canti di lode. In 1. Petrus 2,9 dice che siamo chiamati a predicare la lode di Dio. Questo suggerisce una dichiarazione pubblica. Sia l'Antico che il Nuovo Testamento mostrano come il popolo di Dio insieme, come comunità, adora Dio.

Il modello biblico dell'Antico e del Nuovo Testamento mostra che le canzoni fanno spesso parte del culto. Canzoni esprimono alcune delle emozioni che abbiamo per Dio. Le canzoni possono esprimere paura, fede, amore, gioia, fiducia, ammirazione e una vasta gamma di altre emozioni che abbiamo nel nostro rapporto con Dio.

Certo, non tutti in chiesa hanno le stesse emozioni allo stesso tempo, ma cantiamo ancora insieme. Alcuni membri esprimerebbero le stesse emozioni in modo diverso, con canzoni diverse e in modi diversi. Eppure cantiamo insieme. "Incoraggiatevi a vicenda con salmi, inni e canti sacri" (Efesini 5,19). Per fare questo dobbiamo incontrarci!

La musica dovrebbe essere un'espressione di unità - eppure è spesso causa di disaccordo. Diverse culture e diversi gruppi esprimono la lode di Dio in modi diversi. In quasi ogni comune sono rappresentate diverse culture. Alcuni membri vogliono imparare nuove canzoni; alcuni vogliono usare le vecchie canzoni. Sembra che a Dio piacciano entrambi. Gli piacciono i salmi millenari; Ama anche le nuove canzoni. È anche utile notare che alcune delle vecchie canzoni - i salmi - comandano nuove canzoni:

«Rallegratevi nel Signore, giusti; lo lodino i giusti. Rendete grazie al Signore con le arpe; cantate a lui lodi sul salterio di dieci corde. Cantagli una nuova canzone; suona bene sulle corde con un suono allegro!" (Salmo 33,13).

Nella nostra musica, dobbiamo considerare i bisogni di coloro che possono visitare la nostra chiesa per la prima volta. Abbiamo bisogno di musica che trovino significativa, musica che esprima la gioia in modo che la capiscano come gioiosa. Cantare solo quelle canzoni che ci piacciono ci fa capire che ci preoccupiamo più del nostro benessere che delle altre persone.

Non possiamo aspettare che nuove persone assistano il servizio prima di iniziare a imparare alcune canzoni contemporanee. Abbiamo bisogno di impararlo ora in modo che possiamo cantarlo in modo significativo. Ma la musica è solo un aspetto della nostra adorazione. L'adorazione implica più che semplicemente esprimere le nostre emozioni. La nostra relazione con Dio include anche la nostra mente, i nostri processi mentali. Parte del nostro scambio con Dio avviene sotto forma di preghiera. Come popolo riunito di Dio, parliamo a Dio. Lo lodiamo non solo con la poesia e le canzoni, ma anche con le parole ordinarie e il linguaggio ordinario. Ed è l'esempio biblico che preghiamo insieme e individualmente.

Dio non è solo amore ma anche verità. C'è una componente emotiva e un fatto. Quindi abbiamo bisogno della verità nella nostra adorazione e troviamo la verità nella parola di Dio. La Bibbia è la nostra massima autorità, il fondamento di tutto ciò che facciamo. I sermoni devono essere basati su questa autorità. Anche le nostre canzoni dovrebbero riflettere la verità.

Ma la verità non è una vaga idea di cui possiamo parlare senza emozione. La verità di Dio riguarda le nostre vite e i nostri cuori. Lei richiede una risposta da noi. Richiede tutto il nostro cuore, mente, anima e forza. Ecco perché i sermoni devono essere rilevanti per la vita. I sermoni dovrebbero trasmettere concetti che influenzano le nostre vite e il modo in cui pensiamo e agiamo a casa e al lavoro la domenica, il lunedì, il martedì e così via.

I sermoni devono essere veri e basati sulla Scrittura. I sermoni devono essere pratici, fare appello alla vita reale. Anche i sermoni devono essere sentimentali e produrre una risposta accorata nel modo giusto. La nostra adorazione implica anche che ascoltiamo la parola di Dio e rispondiamo con il pentimento per i nostri peccati e la gioia per la salvezza che Egli ci dà.

Possiamo ascoltare i sermoni a casa, tramite MC / CD o alla radio. Ci sono molti buoni sermoni. Ma questa non è l'esperienza completa offerta dalla visita di culto. Come forma di culto è solo una partecipazione parziale. C'è una mancanza di un aspetto comune dell'adorazione in cui cantiamo canzoni di lode insieme rispondendo insieme alla parola di Dio esortandoci a vicenda per mettere in pratica la verità nelle nostre vite.

Naturalmente, alcuni dei nostri membri non possono venire al servizio a causa della loro salute. Ti stai perdendo qualcosa - e la maggior parte di loro lo sa per certo. Preghiamo per loro e sappiamo anche che è nostro dovere visitarli per adorarli insieme (Giacomo 1,27).

Sebbene i cristiani costretti a casa possano aver bisogno di aiuto fisico, spesso possono servire gli altri emotivamente e spiritualmente. Tuttavia, un cristianesimo “casalingo” è un'eccezione basata sulla necessità. Gesù non voleva che i suoi discepoli, che erano fisicamente capaci, lo facessero.

Discipline spirituali

Il culto è solo una parte della nostra adorazione. La Parola di Dio deve entrare nei nostri cuori e nelle nostre menti per influenzare tutto ciò che facciamo durante la settimana. L'adorazione può cambiare il suo formato, ma non dovrebbe mai fermarsi. Parte della nostra risposta a Dio comporta la preghiera personale e lo studio della Bibbia. L'esperienza ci mostra che questi sono assolutamente necessari per la crescita. Le persone che diventano spiritualmente più mature desiderano conoscere Dio nella Sua Parola. Sono desiderosi di indirizzare le loro richieste a lui, di condividere le loro vite con lui, di camminare con lui, di essere consapevoli della sua presenza costante nelle loro vite. La nostra devozione a Dio racchiude il nostro cuore, il nostro spirito, la nostra anima e il nostro potere. Dovremmo desiderare di pregare e studiare, ma anche se non è il nostro desiderio, dobbiamo ancora esercitarlo.

Questo mi ricorda il consiglio che John Wesley aveva dato una volta. In quel periodo della sua vita, disse, aveva una comprensione intellettuale del cristianesimo, ma non sentiva la fede nel suo cuore. Così è stato consigliato di predicare la fede fino a quando non hai la fede - e se lo hai, lo predicherai sicuramente! Sapeva di avere il dovere di predicare la fede, quindi avrebbe dovuto fare il suo dovere. E col tempo, Dio gli ha dato quello che gli mancava. Gli ha dato la fede che senti nel tuo cuore. Ciò che aveva precedentemente fatto per dovere ora lo faceva per desiderio. Dio gli aveva dato il desiderio di cui aveva bisogno. Dio farà lo stesso anche per noi.

La preghiera e lo studio sono talvolta chiamati discipline spirituali. "Disciplina" può suonare come una punizione, o forse qualcosa di spiacevole che dobbiamo costringerci a fare. Ma il significato esatto della parola disciplina è qualcosa che ci rende studenti, cioè ci insegna o ci aiuta a imparare. Nel corso dei secoli i dirigenti spirituali hanno scoperto che certe attività ci aiutano a imparare da Dio.

Ci sono molte pratiche che ci aiutano a camminare con Dio. Molti membri della Chiesa hanno familiarità con la preghiera, lo studio, la meditazione e il digiuno. E puoi anche imparare da altre discipline, come la semplicità, la generosità, le celebrazioni o la visita di vedove e orfani. Essere presenti ai servizi di chiesa è anche una disciplina spirituale che promuove la relazione individuale con Dio. Potremmo anche imparare di più sulla preghiera, sullo studio della Bibbia e altre abitudini spirituali, visitando piccoli gruppi in cui vediamo altri cristiani praticare questo tipo di culto.

La fede autentica conduce alla vera obbedienza - anche se questa obbedienza non è piacevole, anche se è noiosa, anche se ci richiede di cambiare il nostro comportamento. Lo adoriamo nello spirito e nella verità, nella Chiesa, a casa, al lavoro e ovunque andiamo. La chiesa è composta dal popolo di Dio, e il popolo di Dio ha sia un culto privato che pubblico. Entrambe sono funzioni necessarie della chiesa.

discepolato

In tutto il Nuovo Testamento vediamo leader spirituali che insegnano agli altri. Questo fa parte dello stile di vita cristiano; fa parte del grande incarico: "Andate dunque e ammaestrate tutti i popoli... e insegnate loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato" (Matteo 28,1920). Ognuno deve essere un discepolo o un insegnante, e la maggior parte delle volte lo siamo entrambi allo stesso tempo. "Insegnatevi ed esortatevi gli uni gli altri con ogni sapienza" (Colossesi 3,16). Dobbiamo imparare gli uni dagli altri, dagli altri cristiani. La chiesa è un istituto di istruzione.

Paolo disse a Timoteo: "E ciò che hai udito da me davanti a molti testimoni, comanda a persone fedeli che sappiano insegnare anche ad altri" (2. Timoteo 2,2). Ogni cristiano dovrebbe essere in grado di insegnare il fondamento della fede per dare una risposta riguardo alla speranza che abbiamo in Cristo.

Che dire di quelli che hanno già imparato? Dovrebbero diventare insegnanti per trasmettere la verità alle generazioni future. Ovviamente, molto insegnamento avviene attraverso i pastori. Ma Paolo comanda a tutti i cristiani di insegnare. Piccoli gruppi offrono una possibilità. I cristiani maturi possono insegnare sia nella Parola che nel loro esempio. Possono dire agli altri come Cristo li ha aiutati. Se la loro fede è debole, possono cercare l'incoraggiamento degli altri. Se la loro fede è forte, possono provare ad aiutare i deboli.

Non è bene che l'uomo sia solo; né è bene che un cristiano sia solo. “Quindi è meglio essere in due che da soli; perché hanno una buona ricompensa per il loro lavoro. Se uno di loro cade, il suo compagno lo aiuterà a rialzarsi. Guai a chi è solo quando cade! Allora non c'è nessun altro ad aiutarlo a rialzarsi. Anche quando due giacciono insieme, si scaldano a vicenda; come può uno solo scaldarsi? Uno può essere sopraffatto, ma due possono resistere, e un triplice filo non si spezza facilmente» (Ecclesiaste 4,9-12).

Possiamo aiutarci a crescere lavorando insieme. Il discepolato è spesso un processo a doppio senso, con un membro che aiuta un altro membro. Ma alcuni discepoli fluiscono più risolutamente e hanno un focus più chiaro. Nella sua Chiesa Dio ha designato alcune persone proprio a questo scopo: «E ha costituito alcuni come apostoli, alcuni come profeti, alcuni come evangelisti, altri come pastori e maestri, perché i santi siano preparati all'opera di servizio. Per mezzo di essa deve essere edificato il corpo di Cristo finché noi tutti arriviamo all'unità della fede e della conoscenza del Figlio di Dio, dell'uomo perfetto, alla misura piena della pienezza in Cristo» (Efesini 4,11-13).

Dio fornisce leader il cui ruolo è quello di preparare gli altri ai loro ruoli. Il risultato è crescita, maturità e unità, se permettiamo al processo di procedere come Dio ha voluto. Qualche crescita e apprendimento cristiani vengono dai coetanei; Alcuni provengono da persone che hanno il compito specifico nella Chiesa di insegnare e vivere la vita cristiana. Le persone che isolano perdono questo aspetto della credenza.

Come chiesa abbiamo avuto interesse nell'apprendimento. Era nostra preoccupazione conoscere la verità su quanti più argomenti possibili. Eravamo ansiosi di studiare la Bibbia. Bene, sembra che qualcosa di questo zelo sia andato perduto. Forse questo è l'inevitabile risultato dei cambiamenti dottrinali. Ma dobbiamo recuperare l'amore per l'apprendimento che abbiamo avuto una volta.

Abbiamo molto da imparare e molto da applicare. Le chiese locali devono offrire gruppi di studio biblico, classi per nuovi credenti, lezioni di evangelizzazione, ecc. Dobbiamo incoraggiare i laici liberandoli, addestrandoli, dando loro gli strumenti, dando loro il controllo ed evitandoli!

Gemeinschaft

La comunità è chiaramente una relazione reciproca tra i cristiani. Tutti dobbiamo dare e ricevere amicizia. Tutti dobbiamo dare e ricevere amore. I nostri incontri settimanali mostrano che la comunità è importante per noi, sia storicamente che in questo momento. Comunità significa molto più che parlare tra loro di sport, gossip e notizie. Significa condividere la vita, condividere sentimenti, sostenere oneri reciproci, incoraggiarsi l'un l'altro e aiutare i bisognosi.

La maggior parte delle persone indossa una maschera per nascondere i propri bisogni agli altri. Se vogliamo davvero aiutarci a vicenda, dobbiamo avvicinarci abbastanza da vedere dietro la maschera. E significa che dobbiamo abbandonare un po' la nostra maschera in modo che gli altri possano vedere i nostri bisogni. I piccoli gruppi sono un buon posto per farlo. Conosciamo un po' meglio le persone e ci sentiamo più sicuri con loro. Spesso sono forti nelle aree in cui siamo deboli e siamo forti nelle aree in cui loro sono deboli. È così che diventiamo entrambi più forti sostenendoci a vicenda. Anche l'apostolo Paolo, pur grande nella fede, si sentiva rafforzato nella fede per mezzo di altri cristiani (Romani 1,12).

In passato, le persone non si muovevano così spesso. Le comunità in cui le persone si conoscevano erano diventate più facili. Ma nelle società industriali odierne, le persone spesso non conoscono i loro vicini. Le persone sono spesso separate dalle loro famiglie e amici. Le persone indossano sempre maschere, non si sentono mai abbastanza al sicuro da far sapere alla gente chi sono veramente dentro.

Le chiese precedenti non avevano bisogno di enfatizzare i piccoli gruppi - si sono formati da soli. Il motivo per cui dobbiamo insistere oggi è che la società è cambiata così tanto. Per costruire realmente connessioni interpersonali che dovrebbero far parte delle chiese cristiane, dobbiamo fare deviazioni per formare amicizie cristiane / circoli di studio / preghiera.

Sì, ci vorrà del tempo. Ci vuole davvero tempo per realizzare le nostre responsabilità cristiane. Ci vuole tempo per servire gli altri. Ci vuole anche tempo per scoprire quali servizi di cui hanno bisogno. Ma quando accettiamo Gesù come nostro Signore, il nostro tempo non è il nostro. Gesù Cristo fa richieste alle nostre vite. Richiede totale dedizione, non pretesa cristianesimo.

Servizio

Quando elenco "servizio" qui come categoria separata, enfatizzo il servizio fisico, non il servizio di insegnamento. Un insegnante è anche colui che lava i piedi, una persona che mostra l'importanza del cristianesimo facendo ciò che avrebbe fatto Gesù. Gesù si prese cura di bisogni fisici come cibo e salute. In modo fisico, ha dato la vita per noi. La Chiesa primitiva forniva aiuto fisico condividendo le proprietà con i bisognosi e raccogliendo offerte per gli affamati.

Paolo ci dice che il servizio dovrebbe essere svolto all'interno della chiesa. «Perciò, finché abbiamo tempo, facciamo del bene a tutti, ma soprattutto a quelli dei fedeli» (Galati 6,10). Coloro che si isolano dagli altri credenti mancano di questo aspetto del cristianesimo. Il concetto dei doni dello Spirito è qui molto importante. Dio ha messo ciascuno di noi in un solo corpo "a beneficio di tutti" (1. Corinzi 12,7). Ognuno di noi ha doni che possono aiutare gli altri.

Che regali spirituali hai? Puoi testarlo per scoprirlo, ma la maggior parte dei test si basa davvero sulla tua esperienza. Che cosa hai fatto in passato e che ha avuto successo? Cosa pensi che siano buoni nell'opinione degli altri? Come hai aiutato gli altri in passato? La migliore prova dei doni spirituali è il servizio nella comunità cristiana. Prova diversi ruoli della chiesa e chiedi agli altri ciò che sai fare meglio. Iscriviti volontariamente. Ogni membro dovrebbe avere almeno un ruolo nella chiesa. Ancora una volta, i piccoli gruppi sono un'eccellente opportunità per il mutuo servizio. Offrono molte opportunità di lavoro e molte opportunità per ricevere feedback, cosa fai bene e cosa ti piace.

La comunità cristiana serve anche il mondo che ci circonda, non solo nella Parola, ma anche nelle azioni che accompagnano quelle parole. Dio non ha solo parlato - ha agito anche lui. Gli atti possono dimostrare che l'amore di Dio opera nei nostri cuori aiutando i poveri confortando gli scoraggiati aiutando le vittime a trovare un significato nelle loro vite. Sono quelli che hanno bisogno di aiuto pratico che spesso rispondono al messaggio del Vangelo.

Il ministero fisico potrebbe in qualche modo essere visto come supporto del Vangelo. Può essere visto come un modo per sostenere l'evangelizzazione. Ma molti servizi dovrebbero essere eseguiti senza condizioni, senza cercare di ottenere qualcosa in cambio. Serviamo semplicemente perché Dio ci ha dato alcune opportunità e aperto gli occhi per riconoscere un bisogno. Gesù nutrì e guarì molte persone senza una chiamata immediata a loro per diventare suoi discepoli. Lo ha fatto perché doveva essere fatto e ha visto un'emergenza che poteva alleviare.

predicazione

"Andate nel mondo e predicate il Vangelo" ci comanda Gesù. Ad essere onesti, abbiamo molti margini di miglioramento in questo settore. Siamo troppo abituati a mantenere la nostra fede per noi stessi. Naturalmente, le persone non possono essere convertite a meno che il Padre non le chiami, ma questo fatto non significa che non dovremmo predicare il Vangelo!

Per essere amministratori effettivi del messaggio del Vangelo, abbiamo bisogno di un cambiamento culturale all'interno della Chiesa. Non possiamo essere soddisfatti lasciando che gli altri facciano questo. Non possiamo essere soddisfatti di assumere persone per farlo alla radio o in una rivista. Questi tipi di evangelizzazione non sono sbagliati, ma non sono abbastanza.

L'evangelismo ha bisogno di un volto personale. Quando Dio ha voluto inviare un messaggio alle persone, ha usato le persone per farlo. Ha mandato il suo stesso figlio, Dio in carne, a predicare. Oggi manda i suoi figli, persone in cui vive lo Spirito Santo, a predicare il messaggio ea dargli la forma giusta in ogni cultura.

Dobbiamo essere attivi, volenterosi e desiderosi di condividere la fede. Abbiamo bisogno di entusiasmo per il vangelo, un entusiasmo che dia al prossimo almeno qualcosa di cristianesimo. (Sanno almeno che siamo cristiani? Sembra che siamo felici di essere cristiani?) In questo senso, cresciamo e miglioriamo, ma abbiamo bisogno di più crescita.

Incoraggio tutti a pensare a come ciascuno di noi può essere un testimone cristiano di chi ci circonda. Incoraggio ogni membro a obbedire al comandamento di essere pronto a dare una risposta. Invito tutti i membri a leggere sull'evangelismo e ad applicare ciò che hanno letto. Tutti possiamo imparare insieme e spronarci a fare delle buone opere. Piccoli gruppi possono offrire una formazione per l'evangelizzazione, e piccoli gruppi possono spesso portare avanti progetti evangelistici.

In alcuni casi, i membri possono imparare più velocemente dei loro pastori. Va bene. Quindi il pastore può imparare dal membro. Dio ha dato loro diversi doni spirituali. Per alcuni dei nostri membri, ha dato il dono dell'evangelismo che ha bisogno di essere risvegliato e guidato. Se il pastore di questa persona non può fornire le risorse necessarie per questa forma di evangelizzazione, il parroco dovrebbe almeno incoraggiare quella persona ad imparare, ad essere un esempio per gli altri ea compiere l'evangelizzazione in modo che l'intera chiesa possa crescere. In questo schema in sei parti del lavoro della Chiesa, trovo importante enfatizzare l'evangelizzazione e sottolineare questo aspetto.

di Joseph Tkach


pdfSei funzioni della chiesa