l'ira di Dio

647 l'ira di Dio Nella Bibbia è scritto: "Dio è amore" (1 Giovanni 4,8). Decise di fare del bene servendo e amando le persone. Ma la Bibbia indica anche l'ira di Dio. Ma chi è puro amore come può avere a che fare anche con la rabbia?

Amore e rabbia non si escludono a vicenda. Quindi possiamo aspettarci che l'amore, il desiderio di fare del bene includa anche rabbia o resistenza a qualsiasi cosa offensiva e distruttiva. L'amore di Dio è coerente e quindi Dio resiste a tutto ciò che si oppone al suo amore. Ogni resistenza al suo amore è peccato. Dio è contro il peccato: lo combatte e alla fine lo eliminerà. Dio ama le persone, ma non gli piace il peccato. Tuttavia, "dispiaciuto" è troppo mite per dirlo. Dio odia il peccato perché è un'espressione di ostilità al suo amore. Questo rende chiaro cosa si intende per ira di Dio secondo la Bibbia.

Dio ama tutte le persone, compresi i peccatori: "Sono tutti peccatori e mancano della gloria che dovrebbero avere davanti a Dio e sono giustificati senza merito per la sua grazia mediante la redenzione avvenuta per mezzo di Cristo Gesù" (Romani 3,23-24). Anche quando eravamo peccatori, Dio ha mandato suo Figlio a morire per noi, per liberarci dai nostri peccati (da Romani 5,8). Concludiamo che Dio ama le persone, ma odia il peccato che le danneggia. Se Dio non fosse inesorabile verso tutto ciò che è contro la sua creazione e le sue creature e se non si opponesse a un vero rapporto con lui e le sue creature, non sarebbe amore incondizionato, comprensivo. Dio non sarebbe per noi se non fosse contro ciò che sta contro di noi.

Alcune scritture mostrano che Dio è arrabbiato con le persone. Ma Dio non vuole mai causare dolore alle persone, ma vuole che vedano come il loro modo di vivere peccaminoso danneggia loro e chi gli sta intorno. Dio vuole che i peccatori cambino per evitare il dolore causato dal peccato.

L'ira di Dio mostra quando la santità e l'amore di Dio sono attaccati dalla peccaminosità umana. Le persone che vivono la loro vita lontano da Dio sono ostili al suo cammino. Persone così lontane e ostili agiscono come nemici di Dio. Poiché l'uomo minaccia tutto ciò che è buono e puro che Dio è e per il quale si batte, Dio si oppone risolutamente alla via e alle pratiche del peccato. La sua santa e amorevole resistenza a tutte le forme di peccato è chiamata "l'ira di Dio". Dio è senza peccato - è un essere perfettamente santo in sé e per sé. Se non si opponesse alla peccaminosità dell'uomo, non sarebbe buono. Se non fosse arrabbiato con il peccato e se non giudicasse il peccato, Dio ammetterebbe alla cattiva azione che il peccato non è assolutamente malvagio. Sarebbe una bugia, perché il peccato è completamente malvagio. Ma Dio non può mentire e rimane fedele a se stesso, poiché corrisponde al suo essere più intimo, che è santo e amorevole. Dio resiste al peccato ponendogli un'inimicizia persistente perché rimuoverà dal mondo tutte le sofferenze causate dal male.

Fine dell'inimicizia

Tuttavia, Dio ha già preso le misure necessarie per porre fine all'inimicizia tra lui e il peccato dell'umanità. Queste misure scaturiscono dal suo amore, che è l'essenza del suo essere: «Chi non ama non conosce Dio; perché Dio è amore» (1 Giovanni 4,8). Per amore, Dio permette alle sue creature di scegliere a favore o contro di lui. Permette persino loro di odiarlo, sebbene si opponga a tale decisione perché danneggia le persone che ama. Anzi, lui dice "no" a lei "no". Dicendo "no" al nostro "no", ci afferma il suo "sì" in Gesù Cristo. «In essa è apparso in mezzo a noi l'amore di Dio, che Dio ha mandato il suo Figlio unigenito nel mondo perché noi vivessimo per mezzo di lui. In questo consiste l'amore: non che noi abbiamo amato Dio, ma che Egli ha amato noi e ha mandato suo Figlio a espiare i nostri peccati» (1 Giovanni 4,9: 10).
Dio ha preso tutti i passi necessari al massimo costo di se stesso affinché i nostri peccati siano perdonati e cancellati. Gesù è morto per noi, al posto nostro. Il fatto che la sua morte fosse necessaria per il nostro perdono mostra la gravità del nostro peccato e della nostra colpa, e mostra le conseguenze che il peccato avrebbe su di noi. Dio odia il peccato che causa la morte.

Quando accettiamo il perdono di Dio in Gesù Cristo, confessiamo che siamo stati creature peccaminose in opposizione a Dio. Vediamo cosa significa accettare Cristo come nostro Salvatore. Accettiamo che come peccatori siamo stati alienati da Dio e bisognosi di riconciliazione. Riconosciamo che attraverso Cristo e la sua opera di redenzione abbiamo ricevuto la riconciliazione, un cambiamento fondamentale nella nostra natura umana, e la vita eterna in Dio come dono gratuito. Ci pentiamo del nostro "no" a Dio e lo ringraziamo per il suo "sì" a noi in Gesù Cristo. In Efesini 2,1: 10 Paolo descrive il cammino dell'uomo sotto l'ira di Dio verso il destinatario della salvezza mediante la grazia di Dio.

Lo scopo di Dio fin dall'inizio era quello di mostrare il suo amore per le persone perdonando il mondo del suo peccato attraverso l'opera di Dio in Gesù (da Efesini 1,3: 8). La situazione delle persone nel loro rapporto con Dio è rivelatrice. Qualunque sia la "rabbia" che Dio aveva, progettò anche di redimere gli uomini prima che il mondo fosse creato "ma redento con il prezioso sangue di Cristo come un Agnello innocente e immacolato. Benché sia ​​stato scelto prima che fosse posta la fondazione del mondo, si rivela alla fine dei tempi per amor vostro». (1 Pietro 1,19: 20). Questa riconciliazione non avviene attraverso desideri o sforzi umani, ma unicamente attraverso la persona e l'opera redentrice di Gesù Cristo in nostro favore. Quest'opera di redenzione si è compiuta come "ira amorosa" contro il peccato e per noi come individui. Le persone che sono "in Cristo" non sono più oggetto di rabbia, ma vivono in pace con Dio.

In Cristo noi uomini siamo salvati dall'ira di Dio. Siamo profondamente cambiati dalla Sua opera di salvezza e dallo Spirito Santo che ci abita. Dio ci ha riconciliati con sé (da 2 Corinzi 5,18); non ha alcun desiderio di punirci, perché Gesù ha sopportato la nostra punizione. Ringraziamo e riceviamo il suo perdono e la sua nuova vita in un rapporto reale con lui, rivolgendoci a Dio e allontanandoci da tutto ciò che è idolo nella vita umana. «Non amare il mondo né ciò che è nel mondo. Se uno ama il mondo, non c'è in lui l'amore del Padre. Perché tutto ciò che è nel mondo, la concupiscenza della carne e la concupiscenza degli occhi e la vita arrogante, non viene dal Padre, ma dal mondo. E il mondo passa con la sua lussuria; ma chi fa la volontà di Dio rimane nell'eternità» (1 Giovanni 2,15: 17). La nostra salvezza è la salvezza di Dio in Cristo - "che ci salva dall'ira futura" (1 Tess.1,10).

L'uomo è diventato un nemico di Dio per la natura di Adamo, e questa ostilità e sfiducia in Dio crea una necessaria contromisura da parte del Dio santo e amorevole: la sua ira. Fin dall'inizio, per il Suo amore, Dio ha inteso porre fine alla rabbia creata dall'uomo attraverso l'opera di redenzione di Cristo. È attraverso l'amore di Dio che siamo stati riconciliati con lui attraverso la sua stessa opera di redenzione nella morte e nella vita di suo Figlio. “Quanto più saremo salvati dall'ira da lui, ora che siamo stati giusti dal suo sangue. Se infatti siamo stati riconciliati con Dio mediante la morte di suo figlio quando eravamo ancora nemici, quanto più saremo salvati mediante la sua vita, ora che siamo riconciliati». (Romani 5,9-10).

Dio progettò di rimuovere la sua giusta ira contro l'umanità prima ancora che sorgesse. L'ira di Dio non può essere paragonata all'ira umana. Il linguaggio umano non ha parole per questo tipo di opposizione temporanea e già risolta alle persone che si oppongono a Dio. Meritano una punizione, ma il desiderio di Dio non è punirli ma liberarli dal dolore che il loro peccato provoca loro.

La parola rabbia può aiutarci a capire quanto Dio odia il peccato. La nostra comprensione della parola rabbia deve sempre includere il fatto che l'ira di Dio è sempre diretta contro il peccato, mai contro le persone perché Egli le ama tutte. Dio ha già agito per vedere finita la sua ira contro le persone. La sua ira contro il peccato finisce quando gli effetti del peccato sono distrutti. "L'ultimo nemico ad essere distrutto è la morte" (1 Corinti 15,26).

Ringraziamo Dio che la sua ira cessa quando il peccato è vinto e distrutto. Abbiamo certezza nella promessa della sua pace con noi perché ha vinto il peccato in Cristo una volta per tutte. Dio ci ha riconciliati a sé mediante l'opera redentrice di suo Figlio, e così ha placato la sua ira. Quindi l'ira di Dio non è diretta contro il suo amore. Piuttosto, la sua rabbia serve il suo amore. La sua rabbia è un mezzo per raggiungere scopi amorevoli per tutti.

Poiché la rabbia umana raramente, se non mai, soddisfa in modo trascurabile le intenzioni d'amore, non possiamo trasferire la nostra comprensione umana e l'esperienza della rabbia umana a Dio. Quando lo facciamo, pratichiamo l'idolatria e immaginiamo che Dio sia una creatura umana. Giacomo 1,20 chiarisce che "l'ira dell'uomo non fa ciò che è giusto davanti a Dio". L'ira di Dio non durerà per sempre, ma il suo amore incrollabile sì.

versi chiave

Ecco alcune scritture importanti. Mostrano un confronto tra l'amore di Dio e la sua ira divina in contrasto con l'ira umana che sperimentiamo nelle persone cadute:

  • "Perché l'ira dell'uomo non fa ciò che è giusto davanti a Dio" (Giacomo 1,20).
  • “Se sei arrabbiato, non peccare; non lasciare che il sole tramonti sulla tua rabbia » (Efesini 4,26).
  • «Non farò secondo la mia ira ardente né rovinerò di nuovo Efraim. Perché io sono Dio e non una persona, santo in mezzo a voi. Per questo non vengo con rabbia a devastare» (Osea 11,9).
  • «Voglio sanare la loro apostasia; mi piacerebbe amarla; perché la mia ira si è allontanata da loro" (Osea 14,5).
  • «Dov'è un Dio come te, che perdona i peccati e rimette le colpe di coloro che sono rimasti come residuo della sua eredità? che non si aggrappa per sempre alla sua ira, perché si compiace della grazia!». (Michea 7,18).
  • "Sei un Dio che perdona, misericordioso, misericordioso, paziente e di grande bontà" (Neemia 9,17).
  • "Nel momento dell'ira ti ho nascosto un po' il mio volto, ma con grazia eterna avrò pietà di te, dice il SIGNORE, tuo redentore" (Isaia 54,8).
  • «Il Signore non ripudia per sempre; ma si addolora bene e ha di nuovo pietà secondo la sua grande bontà. Perché non affligge e addolora le persone dal cuore. ... Che cosa brontolano le persone nella vita, ciascuna sulle conseguenze del proprio peccato? " (Lamentazioni 3,31-33.39).
  • "Credi tu che io goda la morte degli empi, dice il Signore Dio, e non piuttosto che si allontani dalle sue vie e resti in vita?" (Ezechiele 18,23).
  • «Strappatevi il cuore e non le vesti e tornate al Signore Dio vostro! Perché è misericordioso, misericordioso, paziente e di grande bontà, e presto si pentirà del castigo» (Gioele 2,13).
  • «Giona pregò il Signore e disse: Oh, Signore, questo è quello che pensavo quando ero ancora nel mio paese. Ecco perché volevo fuggire a Tarsis; perché ho saputo che sei pietoso, misericordioso, longanime e di grande bontà e ti fai pentire del male» (Giona 4,2).
  • «Il Signore non ritarda la promessa come alcuni la considerano un ritardo; ma ha pazienza con te e non vuole che nessuno si perda, ma che tutti trovino pentimento». (2 Pietro 3,9).
  • «La paura non è nell'amore, ma l'amore perfetto scaccia la paura. Perché la paura fa i conti con la punizione; ma chi ha paura non è completamente innamorato" (Giovanni 4,17:18 ultima parte).

Quando leggiamo che «Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, affinché tutti coloro che credono in lui non vadano perduti, ma abbiano la vita eterna. Dio infatti non ha mandato il suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui» (Gv 3,16-17), allora dovremmo capire proprio da questo atto che Dio è "arrabbiato" con il peccato. Ma con il suo annientamento della peccaminosità, Dio non condanna i peccatori, ma li salva dal peccato e dalla morte per offrire e donare loro la riconciliazione e la vita eterna. La "ira" di Dio non ha lo scopo di "condannare il mondo", ma di distruggere la potenza del peccato in tutte le sue forme affinché le persone possano trovare la loro salvezza e sperimentare un rapporto eterno e vivo di amore con Dio.

di Paul Kroll