La più grande storia di nascita

la più grande storia di nascita Quando sono nato a Pensacola, in Florida Navy Hospital, nessuno sapeva che ero in posizione podalica fino a quando non ho tenuto la parte sbagliata dal dottore. Circa ogni ventesimo bambino non si trova sottosopra nell'utero poco prima della nascita. Fortunatamente, una posizione podalica non significa automaticamente che il bambino debba essere portato al mondo con un taglio cesareo. Allo stesso tempo, non passò molto tempo prima che io nascessi e non ci furono ulteriori complicazioni. Questo evento mi ha dato il soprannome di "cosce di rana".

Ognuno ha la sua storia sulla sua nascita. Ai bambini piace imparare di più sulla propria nascita e alle madri piace raccontare in dettaglio come sono nati i loro figli. La nascita è un miracolo e spesso porta lacrime agli occhi di coloro che hanno avuto l'esperienza.
Sebbene la maggior parte delle nascite svanisca rapidamente nella memoria, c'è una nascita che non sarà mai dimenticata. Dall'esterno, questa nascita è stata normale, ma il suo significato è stato sentito in tutto il mondo e ha ancora un impatto su tutta l'umanità in tutto il mondo.

Quando nacque Gesù, divenne Emmanuele - Dio con noi. Fino alla venuta di Gesù, Dio era solo con noi in un certo modo. Era con l'umanità nel pilastro della nuvola di giorno e il pilastro del fuoco di notte ed era con Mosè nel roveto ardente.

Ma la sua nascita come umano lo ha reso tangibile. Questa nascita gli ha dato occhi, orecchie e bocca. Mangiava con noi, ci parlava, ci ascoltava, rideva e ci toccava. Pianse e provò dolore. Attraverso la propria sofferenza e tristezza, è stato in grado di comprendere la nostra sofferenza e tristezza. Era con noi ed era uno di noi.
Diventando uno di noi, Gesù risponde all'eterna lamentela: "Nessuno mi capisce". Nella lettera agli ebrei, Gesù viene descritto come un sommo sacerdote che si affeziona a noi e ci comprende perché è stato sottoposto alle stesse tentazioni di noi. La traduzione del macellaio dice così: «Poiché abbiamo un grande sommo sacerdote, Gesù, il Figlio di Dio, che è passato attraverso i cieli, teniamoci fermi alla confessione. Perché non abbiamo un sommo sacerdote che non possa soffrire della nostra debolezza, ma che sia stato processato in tutto come noi, ma senza peccato » (Ebrei 4,14: 15).

È opinione diffusa e ingannevole che Dio viva in una celeste torre d'avorio e viva molto lontano da noi. Questo non è vero, il Figlio di Dio è venuto da noi come uno di noi. Dio con noi è ancora con noi. Quando Gesù è morto, siamo morti, e quando è risorto, anche noi siamo risorti con lui.

La nascita di Gesù è stata molto più della semplice storia di nascita di un'altra persona nata in questo mondo. Era il modo speciale di Dio per mostrarci quanto ci ama.

di Tammy Tkach