Gesù ieri, oggi e per sempre

171 gesù ieri oggi eternitàA volte andiamo alla celebrazione natalizia dell'Incarnazione del Figlio di Dio con così tanto entusiasmo che lasciamo che l'Avvento passi in secondo piano, cioè il tempo con cui inizia l'anno ecclesiastico cristiano. Le quattro domeniche di Avvento iniziano quest'anno il 29 novembre e preannunciano il Natale, la festa della nascita di Gesù Cristo. Il termine "Avvento" deriva dal latino adventus e significa qualcosa come "venuta" o "arrivo". Durante l'Avvento si celebrano le tre "venute" di Gesù (tipicamente in ordine inverso): il futuro (il ritorno di Gesù), il presente (nello Spirito Santo) e il passato (l'incarnazione/nascita di Gesù).

Capiremo ancora meglio il significato dell'Avvento se consideriamo come queste tre venute si relazionano l'una con l'altra. L'autore della Lettera agli Ebrei si esprime così: "Gesù Cristo ieri e oggi e lo stesso anche in eterno" (Eb 13,8). Gesù è venuto come uomo incarnato (ieri), vive dello Spirito Santo presente in noi (oggi) e ritornerà come Re di tutti i re e Signore di tutti i signori (per sempre). Un altro modo di vedere questo è riguardo al regno di Dio. L'incarnazione di Gesù ha portato all'uomo il regno di Dio (ieri); egli stesso invita i credenti ad entrare in quel regno ea parteciparvi (oggi); e quando ritornerà, rivelerà il regno preesistente di Dio a tutta l'umanità (per sempre).

Gesù usò diverse parabole per spiegare il regno che stava per instaurare: la parabola del seme che cresce silenzioso e invisibile (Marco 4,26-29), quello del granello di senape, che nasce da un piccolo seme e si trasforma in un grande arbusto (Markus 4,30-32), così come quella del lievito, che fa lievitare tutta la pasta (Matteo 13,33). Queste parabole mostrano che il regno di Dio è stato portato sulla terra con l'incarnazione di Gesù, e continua veramente e veramente oggi. Gesù ha anche detto: "Se io scaccio gli spiriti maligni mediante lo Spirito di Dio [cosa che ha fatto], il regno di Dio è venuto a voi" (Matteo 12,28; Luca 11,20). Il regno di Dio è presente, ha detto, e la prova di ciò è documentata nella sua cacciata dai demoni e da altre buone opere della chiesa.
 
La potenza di Dio si rivela continuamente in virtù dei credenti che vivono nella realtà del regno di Dio. Gesù Cristo è il capo della chiesa, lo era ieri, è oggi e sarà per sempre. Proprio come il regno di Dio era presente nell'opera spirituale di Gesù, ora è presente nell'opera spirituale della sua chiesa (sebbene non ancora nella perfezione). Gesù il Re abita con noi; la sua potenza spirituale abita in noi, anche se il suo regno non è ancora pienamente operativo. Martin Lutero fece il paragone che Gesù aveva legato Satana, sia pure con una lunga catena: «[...] egli [Satana] non può fare altro che un cane malvagio alla catena; può abbaiare, correre avanti e indietro, strapparsi per la catena».

Il regno di Dio diventerà una realtà in tutta la sua perfezione - questo è l '"eterno" che speriamo. Sappiamo che non possiamo cambiare il mondo intero qui e ora, non importa quanto ci sforziamo di riflettere Gesù nel nostro modo di vivere. Solo Gesù può farlo, e lo farà in tutta gloria al suo ritorno. Se il regno di Dio è già una realtà, diventerà realtà solo nella sua piena perfezione in futuro. Se è ancora in gran parte nascosto oggi, sarà completamente rivelato al ritorno di Gesù.

Paolo parlava spesso del regno di Dio nel suo senso futuro. Ha avvertito di tutto ciò che potrebbe impedirci di "ereditare il regno di Dio" (1. Corinzi 6,9-10 e 15,50; Galati 5,21; Efesini 5,5). Come spesso si evince dalla scelta delle parole, egli credeva costantemente che il regno di Dio si sarebbe realizzato alla fine del mondo (1Ts 2,12; 2Tess 1,5; Colossesi 4,11; 2. Timoteo 4,2 e 18). Ma sapeva anche che ovunque fosse Gesù, il suo regno è già presente, anche in "questo mondo presente, malvagio", come lo chiamava. Poiché Gesù abita in noi nel qui e ora, il regno di Dio è già presente, e secondo Paolo abbiamo già la cittadinanza nel regno dei cieli (Filippesi 3,20).

Si parla di Avvento anche a proposito della nostra salvezza, a cui si fa riferimento nel Nuovo Testamento in tre tempi: passato, presente e futuro. La nostra salvezza che è già avvenuta rappresenta il passato. È stato determinato da Gesù alla sua prima venuta - attraverso la sua vita, morte, risurrezione e ascensione. Sperimentiamo ora il presente quando Gesù abita in noi e ci chiama a partecipare alla sua opera nel regno di Dio (regno dei cieli). Il futuro rappresenta il perfetto adempimento della redenzione che verrà a noi quando Gesù tornerà perché tutti lo vedano e Dio sarà tutto in tutti.

È interessante notare che la Bibbia sottolinea l'apparizione visibile di Gesù alla sua prima e ultima venuta. Tra l'“ieri” e l'“eterno”, la venuta presente di Gesù è invisibile in quanto non lo vediamo andare in giro come quelli che vissero nel primo secolo. Ma poiché ora siamo ambasciatori di Cristo (2. Corinzi 5,20), siamo chiamati a difendere la realtà di Cristo e del suo regno. Anche se Gesù potrebbe non essere visibile, sappiamo che è con noi e non ci abbandonerà né ci deluderà. I nostri simili possono riconoscerlo in noi. Ci viene chiesto di spargere frammenti della gloria del Regno lasciando che il frutto dello Spirito Santo ci permei e osservando il nuovo comando di Gesù di amarci gli uni gli altri3,34-35).
 
Quando comprendiamo che l'Avvento è al centro, che Gesù è ieri, oggi e sempre, riusciamo a comprendere meglio il motivo tradizionale a forma di quattro candele che precede il tempo della venuta del Signore: speranza, pace, gioia e amore. In quanto Messia di cui parlavano i profeti, Gesù è la vera incarnazione della speranza che ha dato forza al popolo di Dio. Non è venuto come un guerriero o un re sottomesso, ma come un principe della pace per dimostrare che il piano di Dio è portare la pace. Il motivo della gioia indica l'attesa gioiosa della nascita e del ritorno del nostro Salvatore. L'amore è ciò che Dio è tutto. Colui che è Amore ci ha amati ieri (prima che il mondo fosse fondato) e continua a farlo (singolarmente e in modo intimo) oggi e sempre.

Prego affinché la stagione dell'Avvento sia piena della speranza, della pace e della gioia di Gesù e che lo Spirito Santo ti ricorderà giorno dopo giorno quanto ti ama.

Confidando in Gesù ieri, oggi e sempre,

Joseph Tkach

Presidente
GRACE COMMUNION INTERNATIONAL


pdfAvvento: Gesù ieri, oggi e sempre